martedì 25 novembre 2008

Masturbazione e cancro alla prostata

La masturbazione riduce il rischio di sviluppare il cancro alla prostata. Secondo alcuni ricercatori del Cancer Council Victoria di Melbourne (Australia), la masturbazione, in particolar modo in quegli uomini che non hanno rapporti sessuali regolari, aiuterebbe a prevenire il tumore alla prostata perché grazie ad un'eiaculazione frequente si evita che eventuali sostanze cancerogene possano accumularsi nella ghiandola prostatica. I dettagli della ricerca sono stati riportati sul New Scientist in un articolo del 2003.

Per condurre lo studio sono stati arruolati circa un migliaio di uomini affetti da tumore alla prostata e poco più di 1200 sani, a tutti i partecipanti è stato fatto compilare un questionario con diverse domande sulle loro abitudini sessuali. Gli esperti spiegano che studi precedenti avevano dimostrato che un elevato numero di rapporti con partner diverse era legato ad un aumento del pericolo di sviluppare il cancro alla prostata, un pericolo che però non era legato al numero di rapporti in se ma al fatto che l'elevato numero di partner diverse esponeva ad un maggior rischio di contrarre patologie che potevano contribuire alla comparsa della neoplasia prostatica.

Graham Giles, coordinatore dello studio australiano, spiega che in base ai dati raccolti si è potuto osservare che gli uomini che hanno un'intensa attività tra i venti i cinquant'anni hanno meno probabilità di sviluppare la malattia. In particolar modo, si è scoperto che gli uomini che eiaculavano più di cinque volte alla settimana intorno ai 20 anni avevano circa il 33 per cento di probabilità in meno di sviluppare il cancro alla prostata.

Secondo Graham Giles, l'effetto che si ottiene sull'organismo è assimilabile a quello che avviene con l'allattamento al seno nelle donne. Si è dimostrato che le mamme che allattano al seno hanno una minore probabilità di contrarre il cancro al seno.

Tornando allo studio australiano, secondo gli esperti, le frequenti eiaculazioni hanno un effetto protettivo contro il cancro perché prevengono la costruzione di cellule cancerogene nella prostata.


Fonte

Nessun commento: