giovedì 27 agosto 2009

Poca vitamina D, adolescenti più grasse


20/08/2009

In uno studio pubblicato sul «Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism» insufficienti quantità di vitamina D sono state associate a maggiore sovrappeso e a minore statura in un gruppo di adolescenti.

Un «monito» per tutte le adolescenti: inadeguati livelli di vitamina D nel corso della pubertà rallentano la crescita e sono associati a maggiore sovrappeso. Dal McGill University Health Centre di Montreal, in collaborazione con la University of Southern California, arrivano nuove rivelazioni sugli effetti di una carenza della «vitamina del sole» osservati, tramite un semplice esame del sangue, su un gruppo di 90 giovani ragazze tra i 16 e i 22 anni residenti in California.

Fonte

martedì 25 agosto 2009

Divorziare non fa bene alla nostra salute

Pubblicato in Consigli Medici, Salute.


Divorziare non fa bene al nostro portafoglio: pagare gli avvocati e passare gli alimenti al coniuge non autonomo o ai figli ha un costo elevato. Come elevato e’ il prezzo da pagare per la famiglia, soprattutto se ci sono dei bambini, quando due persone si separano. Ma ora veniamo a sapere che il divorzio fa anche male alla salute.

...

Fonte

lunedì 24 agosto 2009

Lo yoga aumenta la consapevolezza di ciò che si mangia e riduce il peso


La regolare pratica yoga è associata ad una migliore alimentazione, in quanto le persone che stanno attente a cosa mangiano hanno meno probabilità di diventare obese, e possono farlo grazie a questa pratica sempre più in voga. Ad affermarlo è uno studio condotto dai ricercatori dell’Università del Fred Hutchinson Cancer Research Center.

Lo studio è partito quattro anni fa dai risultati raccolti da Alan Kristal e colleghi, che hanno rilevato che la regolare pratica yoga può aiutare a prevenire la diffusione, nelle persone di mezza età, dell’obesità, e può anche aiutare a perdere peso. Al momento, i ricercatori pensano che questa perdita di peso abbia più a che fare con una maggiore consapevolezza del corpo, una sensibilità particolare per la fame e la sazietà che l’attività fisica dello yoga concede.

...

Fonte

venerdì 21 agosto 2009

Consigli sul sonno: come dormire bene riposandosi!


Sono calcolati in circa 6 milioni gli italiani che dormono meno ore del necessario, pur non sof­frendo di insonnia. Studi ameri­cani hanno dimostrato che in media, rispetto a 40 anni fa, ci concediamo 1 o 2 ore in meno di sonno. Quanto si dovrebbe dor­mire? La cosa è molto sogget­tiva, si calcola un range che va da 7 a 8 ore e 45. Come accor­gersi? Provate col mini-test pro­posto dal Centro di salute del sonno di Boston. Se vi addor­mentate appena mettete la testa sul cuscino, in luogo dei cano­nici 15′ è un segnale inequivoca­bile, così come se vi accorgete di preferire dormire invece di fare sesso.

Le conseguenze imme­diate di questa mancanza di sonno, oltre ad un’attenzione ri­dotta durante la giornata, possono essere più serie di quanto si immagini; aumento dell’appe­tito, tendenza a sviluppare dia­bete, obesità e depressione sono i rischi che si prospettano a lunga scadenza. Si è visto che chi dorme poco produce meno lep­tina, l’ormone che comunica al cervello il senso di sazietà, e più grelina, l’ormone collegato allo stimolo dell’appetito.

...

Fonte

lunedì 17 agosto 2009

Il sole bacia gli intelligenti

Approfittare delle vacanze non solo per rilassarsi, ma anche per diventare più intelligenti è un’ottima idea. In che modo? Semplicemente stando al sole. Secondo un gruppo di ricercatori americani il sole fa luce sull’intelligenza, nel vero senso della parola. Una scarsa esposizione ai raggi solari impoverirebbe le risorse cognitive. La rivelazione arriva da uno studio pubblicato sulla rivista “Environmental Health”: il gruppo di ricercatori guidato da Shia Kent, università dell’Alabama, ha incrociato i dati relativi alle funzioni cognitive di 14.474 persone con le tabelle meteorologiche fornite dalla Nasa. Tuttavia Alberto Oliverio, docente di Psicobiologia dell’università “La Sapienza”, è piuttosto scettico: «Non credo ci sia un collegamento diretto tra l’esposizione alla luce solare e le funzioni cognitive di un individuo. Più probabilmente questa associazione tra luce e funzioni cognitive è l’effetto che la luce stessa ha sull’umore; infatti», prosegue Oliverio, «alcune persone possono soffrire di Disturbo Affettivo Stagionale (SAD), una sindrome depressiva a ricorrenza invernale caratterizzata da umore depresso, irritabilità, apatia ed eccessivo sonno. Tanto è vero che nei paesi nordici, dove ci sono inverni con pochissime ore di luce, vi è un’illuminazione stradale più forte e si consiglia la “luce terapia”».

I risultati dello studio sono incoraggianti soprattutto per i soggetti depressi: le persone affette dal “male di vivere” riuscirebbero a non danneggiare la propria intelligenza facendo qualche passeggiatina in più al sole. Recenti studi hanno dimostrato, inoltre, che il sole influenza il flusso di sangue nel cervello, che si sa essere legato alla funzione cognitiva. Gli esperti del team della dottoressa Kent hanno incrociato i dati Nasa sul sole e le performance cognitive dei volontari, individuando così una chiara associazione tra perdita delle funzioni cognitive e scarsa esposizione al sole, ma solamente tra le persone affette da disturbi depressivi: «Non vedo però», ribadisce il professor Oliverio, «un collegamento tra luce solare e funzioni cognitive. Semplicemente, la luce condiziona l’umore, in particolare quello delle persone che soffrono di depressione e che già di per sé presentano difficoltà di attenzione e apprendimento». È quindi probabile che la luce, elemento chiave per il buon umore, influenzi anche le attività cognitive; questo meccanismo è più evidente nelle persone che hanno un umore debilitato e più vulnerabile.

...

Fonte

lunedì 10 agosto 2009

Le donne davanti agli uomini mangiano di meno
















Al ristorante i gusti non sono sempre gli stessi, anche se la persona non cambia abitudini. Secondo una ricerca della McMaster University, Stati Uniti, le donne cambiano la propria “dieta” a seconda di chi si trovano davanti. Dalle loro osservazioni i ricercatori sono riusciti a concludere che le donne non sempre stanno attente a ciò che mangiano, ma lo fanno solo se davanti hanno un uomo.

In particolare, in una cena a lume di candela, è molto probabile che la donna scelga delle portate poco caloriche, non soltanto se hanno problemi di peso, ma per una questione di “femminilità”. La stessa cosa però non avviene se al tavolo sono sedute solo donne. In quel caso sembra che addirittura delle volte pare si esageri un po’.

Fonte


E gli uomini? Come al solito, per i maschi non fa differenza chi si ha davanti, almeno per quanto riguarda il cibo, e si sceglie sempre ciò che piace di più, anche a costo di incamerare troppe calorie.

venerdì 7 agosto 2009

Vino rosso, un aiuto per la sessualità femminile


















Le proprietà del vino rosso sono arcinote, ma quelle più conosciute riguardavano spesso tumori o altre problematiche legate allo stato di salute fisica. Una nuova ricerca italiana però garantisce che il vino rosso ha ottime proprietà anche nella sfera sessuale, ed in particolare nelle donne.

Un esperimento, effettuato dall’Università di Firenze, su 798 donne tra i 18 e i 50 anni di età ha dimostrato che le donne che bevevano moderatamente succo d’uva (uno o due bicchieri al giorno) avevano un incremento nel desiderio sessuale e nella lubrificazione vaginale, il che le portava ad un miglioramento nella funzionalità sessuale, rispetto a coloro che bevevano occasionalmente o a quelle completamente astemie.

...

Fonte

martedì 4 agosto 2009

Bevande al latte, occhio alle calorie e ai rischi di un consumo eccessivo
















Un recente studio pubblicato dal
World Cancer Research Fund denuncia l’alta quantità di calorie in alcune bevande a base di latte che si possono consumare nei bar più comuni o in catene come la Starbucks.
Un cappuccino contiene infatti fino a 561 calorie, un quarto della razione necessaria nella dieta quotidiana di una donna adulta. Il consumo regolare di queste bevande potrebbe favorire l’insorgenza di alcuni tumori. Nelle bevande a base di latte vendute in numerose catene di bar arrivano ad essere contenute 561 calorie per 487 millilitri tra caffè, zucchero, latte intero e crema. Si può facilmente giungere alla conclusione che un consumo eccessivo e quotidiano di questi beveroni può risultare controproducente per la salute e per la linea.
Se si rimuove la panna montata, la bevanda contiene 457 calorie.
Anche versioni più leggere di queste bevande, mescolate con latte scremato, sono delle vere e proprie bombe di colesterolo.

Fonte