giovedì 29 ottobre 2009

Fatti uno Yogurt


Un metodo semplice ed infallibile per produrre da soli a casa lo yogurt

dalla redazione

Lo yogurt è un alimento che dovrebbe essere presente in un corretto regime alimentare. È molto più digeribile del latte, equilibrato, saziante e ricco di calcio. Produrre lo yogurt in proprio è semplice e divertente, ed economicamente è piuttosto vantaggioso.

Con un litro di latte si produce un kg circa di yogurt, al costo di 1,30 Euro, un kg di yogurt intero di qualità costa circa 4 Euro al kg. Lo yogurt si può produrre con la yogurtiera, oppure con un metodo casalingo, infallibile, che ora andremo a descrivere. Il latte è molto ricco di fermenti e microrganismi e questo affollamento ostacola lo sviluppo e la riproduzione dei fermenti specifici che lo trasformano in yogurt. Pertanto, se si usa latte fresco occorre prima bollirlo per sterilizzarlo. Oppure si può usare latte a lunga conservazione, che è stato già sottoposto a sterilizzazione.

Per fare lo yogurt la prima volta si possono comprare in farmacia bustine di fermenti liofilizzati (lactobacillus bulgaricus e streptococcus termophilus) che vanno sciolti nel latte alla temperatura di 40-45 gradi centigradi (un po' più della temperatura corporea umana). Questa è la temperatura ideale in cui i fermenti svolgono la loro attività e si moltiplicano. La loro attività sviluppa calore e mantiene la temperatura iniziale, purché non ci siano dispersioni termiche. Quindi il recipiente dove si fa lo yogurt va avvolto in una copertina di lana. Oppure si possono utilizzare apposite yogurtiere in cui la temperatura è mantenuta da un'apposita resistenza elettrica dal consumo molto basso. Sciogliendo i fermenti nel latte alla sera, la mattina seguente lo yogurt è pronto. Per farlo diventare più denso occorre metterlo in frigo.

...

Fonte



mercoledì 28 ottobre 2009

Il super integratore d’autunno: uva nera e zinco


10 SET 09 - Il super integratore dell’autunno uva nera & zinco elimina le scorie, ti protegge dà la carica.

La cura dell'uva è un classico tra le terapie depurative consigliate per il cambio di stagione. Vi suggeriamo quindi un integratore liquido di facile preparazione da assumere quotidianamente a base di succo d'uva nera e zinco.
L'uva, frutto tipico settembrino, è un prezioso ricostituente naturale, quindi un ottimo integratore che contiene sali minerali depurativi ed energizzanti (tra cui potassio, magnesio, fosforo, calcio e ferro), zuccheri di rapida assimilazione, utili per la prontezza mentale (come glucosio e fruttosio), vitamine del gruppo B (indispensabili per la salute dei tessuti), acido tartarico (leggermente lassativo) oltre alle proantociandine oligomeriche, sostanze antiossidanti che l'uva contiene in percentuali vicine al 90%.

L'uva nera, in particolare, è poi una miniera di resveratrolo, una molecola che combatte i radicali liberi e rinforza il sistema immunitario. La sua azione come integratore è amplificata dalla presenza dello zinco, minerale antistanchezza per eccellenza che combatte lo stress da rientro, rinforza la pelle, unghie e capelli, aiuta chi soffre di cali di vista e rallenta i processi d'invecchiamento. Questo integratore, bevuto per tutto settembre, serve come trattamento antinfluenzale. Il resveratrolo dell'uva, infatti, agisce in sinergia con lo zinco migliorando la risposta immunitaria e contrastando la replicazione virale.

...

Fonte

lunedì 26 ottobre 2009

Scopri il super integratore di zucca, rame e melograno


01 OTT 09 - Il super integratore zucca, rame e melograno elimina i gonfiori, è ricostituente e alza le difese immunitarie

Ecco un integratore alimentare naturale perfetto per questo periodo dell'anno: aiuta a prevenire l'influenza e attenua gli attacchi di fame nervosa. Si tratta di un frullato dal bel colore arancio a base di zucca e dell'oligoemento Rame, emulsionato con succo di melagrana. È un autentico distillato di benessere da gustare come aperitivo, spezza-fame e tutte le volte che ci prende quella "voglia matta" di cibo.

La zucca, ortaggio di stagione ricco di vitamina A e C, di fibre e di sali (potassio, ferro, calcio, fosforo) ha la capacità di regolarizzare l'intestino e di eliminare putrefazioni e gonfiori. È anche altamente saziante. Il Rame, dal canto suo, tonifica il sistema nervoso e agisce sul metabolismo cellulare riequilibrando gli scambi energetici, con un effetto ricostituente immediato che risolve i cali psicofisici tipici dell'autunno.

L'ultimo ma fondamentale ingrediente di questo integratore alimentare è il succo di melagrana (si trova in erboristeria e nei negozi di cibi biologici), un eccezionale concentrato di vitamine (soprattutto la C) e di antiossidanti che previene l'accumulo di scorie, rinnova i tessuti e ha anche un effetto immunostimolante.

L'integratore alimentare zucca, rame e melograno: come prepararlo

Per 2 bicchierini di integratore alimentare serve una piccola zucca (possibilmente di origine biologica): tagliane una fetta, puliscila da scorza e semi e cuocila al forno. Quando è cotta e morbida, lasciala raffreddare e frullala nel mixer insieme a mezzo bicchiere di succo di melagrana (se la zucca è molto asciutta, dovrai aggiungerne un po'di più) e a una fialetta di oligoelemento Rame. Versa il tutto in due calici o due bicchierini e servi fresco, con qualche seme di zucca pestato.

...

Fonte

giovedì 22 ottobre 2009

Il caffè aiuta a proteggere il fegato dall’epatite C

Qualche tazzina di caffè può essere utile a proteggere dai danni al fegato prodotti dall’epatite C: infatti l’amore per la tazzina abbassa del 53% il rischio di progressione della malattia epatica.

Lo rivela uno studio diretto da Neal Freedman del National Cancer Institute (NCI), pubblicato sulla rivista Hepatology. La ricerca ha anche dimostrato che coloro che non beneficiano dei trattamenti standard contro l’epatite possono trarre giovamento dall’aumento del consumo di caffè. Secondo dati Oms l’epatite C colpisce 3-4 milioni di persone l’anno e nel 70% dei casi l’infezione diventa cronica aumentando il rischio di ammalarsi di cirrosi e cancro epatico.

Gli esperti hanno esaminato 766 pazienti con fibrosi o cirrosi legate al virus e che non rispondevano alle terapie farmacologiche standard. I ricercatori hanno esaminato con quale velocità progredisse la loro malattia correlando questo dato col consumo individuale di caffè e visto che coloro che bevono tre o più tazzine al dì hanno il 53% in meno di rischio di progressione del danno epatico.

La stessa associazione, dopo quasi quattro anni di monitoraggio dei pazienti, non è stata riscontrata con il tè e altre bevande, concludono gli esperti.

Fonte

lunedì 19 ottobre 2009

Prevenire obesità e diabete con lo yogurt

Prevenire obesità e diabete con lo yogurt

Lo yogurt, grazie agli affetti che ha sulla flora intestinale, aiuta a prevenire obesità e diabete. Uno studio condotto qualche tempo fa da Marko Kalliomaki, dell'università di Turku (Finlandia), aveva esaminato questa relazione e la settimana scorsa, in occasione del congresso della Società Italiana di Diabetologia (Riccione, 11-14 Ottobre 2009), si è riparlato dei risultati della ricerca.

Studi precedenti avevano già evidenziato i benefici dello yogurt sul nostro organismo. Questo alimento caseario non solo è ricco di potassio, fosforo e calcio ma contiene anche vitamine (A, B2, B12) e proteine, inoltre, lo yogurt favorisce un ricambio dell'ecosistema batteriologico del nostro intestino in quanto diminuisce la quantità di batteri negativi per il buon funzionamento dell'intestino e incrementa la flora intestinale positiva.

Le conclusioni dei ricercatori finlandesi sono il risultato di uno studio condotto su 49 bambini seguiti dalla nascita fino all'età di 7 anni. Al compimento del primo anno di vita i ricercatori hanno registrato diversi dati relativi alla flora batterica dei piccoli. Trascorsi sei anni, i dati sono stati incrociati con il peso constatando che i piccoli che presentavano dei livelli più alti di probiotici pesavano mediamente 4 Kg in meno rispetto ai coetanei nei quali, all'età di un anno, si erano registrati dei livelli più elevati di batteri cattivi come ad esempio lo stafilococco. Alla luce dei dati raccolti, i ricercatori sostengono che i fermenti lattici non agiscono soltanto sulla mucosa intestinale ma hanno effetti importanti sull'intero organismo in quanto aiutano a prevenire l'obesità e il diabete.

La Dr.ssa Rosalba Giacco, prima ricercatrice dell'Istituto di Scienza dell'alimentazione del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) di Avellino, spiega che i fermenti lattici (i cosiddetti batteri "buoni") regolano l'assorbimento di energia dagli alimenti e possono ridurlo del 2 per cento. L'esperta evidenzia che la percentuale potrebbe sembrare bassa ma nell'arco di anni e decenni può fare la differenza fra il restare normopeso o mettere su qualche chilo di troppo.

Una dieta equilibrata che prevede frutta, verdura, cereali, pasta e pane integrali, oltre che prodotti come lo yogurt che contengono fermenti lattici, contribuisce a prevenire l'obesità e quindi il diabete, ma anche tumori, malattie cardiovascolari e molte malattie croniche dell'apparato intestinale.

Fonte

Meno sale nel pane

Da una recente ricerca è emerso che il pane cosiddetto “sciocco”,quello senza sale che generalmente si mangia in Toscana e in Umbria, sia il pane più salutare d’Italia.

E’ risaputo, infatti, che l’abuso di sale è dannoso per chi soffre di ipertensione, e che per curare questo disturbo che affligge tantissimi italiani viene spesso prescritta una dieta senza sale.

Un po’ come era successo qualche tempo fa con il sale da cucina, dove per decreto ministeriale era stato aggiunto lo iodio, per prevenire alcuni problemi di salute, un accordo tra i panificatori e il Ministero della Salute porterà sulle nostre tavole un pane meno salato.

Verrà infatti ridotto del 15% la percentuale di sale contenuto nel pane italiano; a questo risultato si è giunti dopo che si è riscontrato che nelle regioni dove si mangia il pane sciapo, quindi tipicamente la Toscana e l’Umbria, la mortalità a causa delle malattie cardiovascolare è inferiore addirittura del 6% rispetto al resto d’Italia. ...

Fonte

sabato 17 ottobre 2009


Se è vero che i grandi cambiamenti iniziano a profilarsi dalle piccole cose, allora il nuovo chewing-gum ecologico è sicuramente un passo avanti per la lotta all’inquinamento.
L’idea, subito riciclata (per restare in tema) in tutto il mondo, è partita dalla Gran Bretagna dove questo chewing-gum ha preso subito piede.

Si tratta di una vera e propria gomma da masticare che, a differenza delle chewing-gum classiche, non si attacca ai vestiti, alle scarpe ed ai pavimenti ma, soprattutto, una volta gettata si dissolve completamente nel terreno nel giro di sole sei settimane.
Per comprendere l’importanza di questa nuova scoperta, basti pensare che le chewing-gum che tutti noi conosciamo e mastichiamo ci impiegano ben 30 anni per essere smaltite dall’ambiente e, se calcoliamo quante chewing-gum vengono masticate in un giorno in tutto il mondo, direi che la differenza si nota eccome.

...

Fonte

mercoledì 14 ottobre 2009

15 La dieta di coppia è più facile e rafforza il rapporto


Quante volte vi sarà capitato di pensare e pronunciare la frase “da domani mi metto a dieta, lo giuro!”? Almeno per quanto mi riguarda, innumerevoli!
Ma poi salta sempre fuori qualcuno o qualcosa che puntualmente fa crollare i nostri già fragili propositi. Seguire un regime alimentare preciso, si sa, implica sacrificio e molta forza di volontà e non tutti, o almeno non in tutti i periodi della propria vita, riescono a tenervi fede.
Ecco perché quello di cui sto per parlarvi potrebbe rivelarsi un’ottima soluzione per ovviare a questo tipo di problema, unendo l’ultile al dilettevole!
Decidere di cominciare una dieta insieme al proprio partner, infatti, è di sicuro un modo vincente per ottenere una marcia in più e sviluppare una volontà di ferro di fronte alle tentazioni più crudeli!
Ma, al tempo stesso, può essere anche un’occasione per riaccendere la passione, rafforzare il rapporto e alimentarne la complicità.
Ovviamente, prima di prendere qualsiasi decisione in modo del tutto arbitrario, è necessario consultare un dietologo per conoscere il tipo di dieta, personalizzato in base al proprio fabbisogno calorico e allo stile di vita che si svolge.
E’ fondamentale, poi, dopo questo primo passo, porsi degli obiettivi comuni, come ad esempio un determinato numero di chili da perdere in un certo periodo di tempo e stabilire un premio di cui beneficiare alla fine del tortuoso percorso, come un mega regalo o una vacanza!

Fonte

lunedì 12 ottobre 2009

Dieta: gli uomini sono più bravi delle donne!


Che seguire un determinato regime alimentare, fatto di rinunce, privazioni e cibi sconditi, fosse un enorme peso per chiunque, si sapeva già.
Del resto, soprattutto per delle buone forchette come noi italiani, da sempre viziati e coccolati dalla materna dieta mediterranea, è quasi un punto fermo dell’esistenza, un dogma sacro e inviolabile mangiare di tutto e soprattutto…con gusto!

Ecco perché, quando inevitabilmente devo mettermi a dieta per smaltire qualche chiletto di troppo, il mio stomaco e, soprattutto, la mia mente ne risentono e la vivono come una sofferenza vera e propria!
La cosa interessante della notizia di cui sto per parlarvi risiede nel fatto che, seppur per noi tutti indistintamente la dieta sia un peso, per noi donne è addirittura più difficile, se non impossibile, non cedere a quelle tentazioni che, di tanto in tanto, si impongono davanti ai nostri occhi!

Per i cari maschietti, invece sembrerebbe tutto più semplice. Vediamo di che si tratta.
Secondo uno studio americano condotto da un gruppo di ricercatori del Brookhaven National Laboratory di New York, gli uomini di fronte a piatti succulenti e gustosi riescono meglio delle donne a dire “no!”.

...

Fonte

venerdì 9 ottobre 2009

Invecchiare bene con il caffè


Il caffè, per noi di GialloZafferano, è uno di quegli argomenti sempre verdi, un po’ come il peperoncino, del quale siamo riusciti a dirne di tutto e di più.

Abbiamo detto che il caffè decaffeinato fa bene alla dieta, che la caffeina serve per fare passare l’emicrania, abbiamo scritto sull’arte di decorare un capuccino, per non parlare del caffè di m…, ma dello studio, durato oltre dieci anni, che dimostra che il caffè aiuta a invecchiare meglio ancora non ne avevamo parlato.

Questa volta nella ricerca è coinvolta anche l’Italia, infatti uno studio europeo, il FINE (Finland, Italy, and Netherlands Elderly) ha dimostrato che, consumare moderatamente il caffè, o meglio la caffeina, aiuta la mente degli anziani a mantenersi più elastica e vigile.

Secondo questo studio, gli anziani che bevono almeno 3 tazzine di caffè al giorno, ottengono degli apprezzabili benefici sulle loro capacità cognitive, ottenenedo notevoli miglioramenti per l’apprendimento e la memoria.

...

Fonte


martedì 6 ottobre 2009

Meno calorie, per ricordare meglio

Proprio l’altro giorno riflettevo sul fatto che di tanto in tanto mi capita di non ricordare alcuni fatti o nomi, oppure di ricordare ma in modo assolutamente impreciso…avrò mangiato troppo negli ultimi mesi? Vi starete chiedendo che tipo di connessione ci possa mai essere tra ciò che si mangia e la propria memoria, ed è proprio quello di cui vi parlerò!

In realtà, lo studio condotto dai ricercatori dell’Università di Münster in Germania è rivolto per lo più agli ultra sessantenni, proprio per indagare su problemi legati non solo alla memoria, ma anche a diversi tipi di demenza senile, in relazione all’apporto calorico quotidiano.
Ebbene, presi in esame 50 volontari tutti intorno ai 60 anni, sono stati divisi in tre gruppi sotto la supervisione, ovviamente, di un nutrizionista: il primo gruppo ha dovuto ridurre l’apporto calorico giornaliero; il secondo invece ha avuto piena libertà mentre il terzo ha mangiato grandi quantità di alimenti contenente acidi grassi insaturi, fra cui olio d’oliva e pesce. Dopo tre mesi, tutti sono stati sottoposti a test di memoria e con esiti sorprendenti: solo quelli che avevano diminuito le calorie nella propria dieta hanno dimostrato di avere una memoria di ferro e di aver ottenuto risultati migliori di circa il 10-20% rispetto agli altri due gruppi....

Fonte
.

sabato 3 ottobre 2009

Salute: Arriva 'Hi Live', La Maglietta Che Combatte Stress e Dolori

di patrizia.pr (del 20/09/2009 @ 18:17:04, in Medicina e Sanità, linkato 97 volte)

Roma, 14 set. (Adnkronos Salute) - E' la maglietta della salute del futuro, un po' diversa da quella consigliata dalla nonna per contrastare malanni e raffreddori. Si chiama 'Hi Live', è supertecnologica e messa a punto da un gruppo di ricercatori che opera nel Veneto: è un sistema di biostimolazione - spiega Gilberto Di Benedetto, presidente dell'Associazione fisioterapisti e pazienti italiani (Afpi) - che produce un aumento costante e benefico dell'energia dell'organismo, disponibile subito e utilizzata per tutte le attività vitali, con riequilibrio delle funzioni e della salute. Effetti positivi, indossandola, "sono riscontrabili su diversi fronti - spiega Di Benedetto - Agisce su disturbi come dolori osteoarticolari di schiena e collo, affaticamento cronico, effetti dello stress, con miglioramento della diuresi, del colesterolo, del recupero sportivo, della circolazione, del riposo notturno". Risultati resi possibili dall'"attivazione dei meccanismi regolatori naturali dell'organismo - precisa il presidente dell'Afpi - che controllano tutti i vari organi e sistemi. Il risultato finale è un aumento energetico generalizzato dell'organismo". Hi Live non è una vera e propria terapia, "ma si occupa di energia - spiega Di Benedetto - attivando quei meccanismi naturali basilari di auto-regolazione dell'organismo che permettono di aumentare il potenziale vitale". "Come una buona alimentazione, un po' di giusto movimento, un sonno riposante o emozioni gradevoli comportano benessere e miglioramenti psico-fisici, ma non sono vere e proprie terapie - fa notare il presidente dell'Afpi - similmente Hi Live genera condizioni che favoriscono lo stare bene, potenziano l'organismo contrastando e prevenendo le disfunzioni. Può essere anche utilmente associato come coadiuvante a cure e trattamenti". Sembra tutto semplice e facile, "ma in realtà le materie di base che supportano il sistema sono alquanto complesse: fisica atomica, bioelettronica, elettrodinamica quantistica dell'acqua. Questo - conclude Di Benedetto - è stato il secondo nostro obiettivo: passare da tecnologie ultra complesse a materiali apparentemente semplici e sicuramente facili da usare. Alcuni effetti sono quasi istantanei mentre altri, più profondi, si manifestano progressivamente. Energia e salute, dunque, per sentirsi in forma con facilità".

Fonte

giovedì 1 ottobre 2009

Olio extravergine di oliva e limone: un tocco magico per le unghie


Fin da quando io mi ricordi, ma di sicuro anche da molto prima, mia nonna ha sempre dispensato a destra e a manca consigli, trucchi e ricette per risolvere tanti piccoli problemini, in casa e in cucina, per la salute quanto per la bellezza.
E quando mi sono imbattuta in questa ricetta non ho potuto fare a meno di ricordarmi di lei.
Oggi siamo così impegnati a vivere la nostra super impegnata vita (permettetemi il giro di parole) che l’idea di poter rimediare ai nostri piccoli fastidi quotidiani in modo del tutto naturale non ci sfiora neanche.

Niente di più facile che andare in qualche farmacia o centro di bellezza e acquistare lozioni, cosmetici e cremine che ci illudiamo possano fornirci la soluzione.
E’ questo il caso, per esempio, della cura delle nostre mani, e in particolare delle unghie: la ricetta di cui sto per parlarvi è un ottimo, veloce ed economico rimedio naturale che ridarà splendore alle vostre unghie!

Gli ingredienti necessari sono due alimenti di base per la cucina di qualsiasi casa, ovvero olio extravergine di oliva e mezzo limone: impossibile non averli!
Basterà mescolare il succo di limone con l’olio per ottenere un composto morbido e idratante in cui immergere le dita per qualche minuto.
Ma perché proprio questi due ingredienti? Ebbene, dovete sapere che, proprio come mia nonna mi insegnava, il limone schiarisce le unghie eliminando macchie e aloni, mentre l’olio avrà un’azione emolliente e idratante che le renderà più forti. Non vi resta che provare, il risultato è garantito!

Fonte