lunedì 28 dicembre 2009

Lo yogurt, un alimento leggero e nutriente


news1 Lo yogurt è un alimento che appaga il gusto, completo, come il latte che ne è la materia prima. Ma a differenza del latte, contiene fermenti lattici vivi che, trasformando il lattosio in acido lattico, lo rendono altamente digeribile e salvaguardano la flora batterica. E’ dunque consigliabile a chi non tollera il latte, perchè ne possiede le grandi qualità nutrizionali. Un alimento utile a tutte le età, ma soprattutto a bambini ed anziani, agli sportivi e a chi ha cura del proprio benessere fisico. Inoltre, lo yogurt offre anche benefici estetici non secondari, in quanto una dieta che ne preveda l’assunzione regolare contribuisce a rendere i capelli e le unghie più forti, la muscolatura più elastica, la pelle più nutrita e pulita. I gusti sono infiniti, tutti i tipi di frutta sono utilizzati per lo yogurt, a partire dalla fragola, la mela, la pesca, i mirtilli, i frutti di bosco, l’albicocca, la banana, il kiwi, fino ad arrivare alle commistioni tra gli stessi. Mela e kiwi, e fragola e banana sono accostamenti praticati ormai da tutti i marchi, per offrire sapori sempre nuovi e sempre all’insegna della leggerezza. Non ci sono limiti agli accostamenti per questo alimento che è da tempo uscito dai banchi del supermercato per sconfinare nelle gelaterie e nelle ‘yogurterie’, che propongono versioni originali e appetitose nel rispetto delle caratteristiche originarie e delle qualità nutritive e digestive.

Fonte

sabato 26 dicembre 2009

LE PROPRIETÁ BENEFICHE DEL THE

Si può scrivere te o the e rappresenta la bevanda più diffusa nel mondo dopo l’acqua. Ha un sapore leggermente amaro ma gradevole. Il the viene ricavato dalle foglie di una particolare pianta, la “Camelia Sinensis”, un arbusto sempre verde e ramoso che può raggiungere un’altezza di due metri al massimo. Le foglie di questo arbusto, la cui raccolta avviene due volte l’anno, vengono “accartocciate” e messe ad essiccare. La coltivazione avviene principalmente in Cina, India, Giappone e Kenia. Il suo utilizzo risale al III secolo: i primi ad usarlo furono le comunità dei monaci buddisti e successivamente il popolo cinese. Nel corso dei secoli poi, questa bevanda divenne molto popolare anche in Europa, fino a diventare una vera e propria icona delle tradizioni inglesi. Era considerata principalmente la bevanda dei “ricchi” che la servivano in preziose tazze di porcellana e “rigorosamente” alle 5 di pomeriggio. Il the vanta numerosi effetti benefici di cui si dirà in seguito, ma per poter godere appieno delle sue qualità, occorre prestare attenzione alla sua preparazione: infatti la durata dell’infusione con cui si prepara la bevanda ne determina i benefici. Se la “bustina” viene immersa per 2 minuti l’effetto sarà sicuramente eccitante perché nei primi 60 secondi dalle foglie di the viene estratta principalmente la caffeina; trascorsi alcuni minuti invece, dopo aver lasciato la bustina immersa per almeno 5 o 6 secondi, si può beneficiare di un effetto “tranquillante” poiché alla caffeina subentra l’acido tannico che “la disattiva” combinandosi con essa.

...


Fonte

lunedì 21 dicembre 2009

Salute: troppa vitamina C fa male

Studio sulle donne dimostra che aumenta il rischio di cataratta


Salute: troppa vitamina C fa male (ANSA) - ROMA, 18 DIC - Troppa vitamina C fa male e aumenta il rischio di cataratta. Lo dimostra uno studio compiuto su 24 mila 600 donne seguite per oltre 8 anni. La ricerca mostra che le donne che prendono supplementi di 1000 milligrammi di vitamina C, sia regolarmente sia occasionalmente, hanno in media il 25% in piu' di rischio di soffrire di cataratta. Lo studio, pubblicato sull'American Journal of Clinical Nutrition, e' stato condotto da Alicja Wolk del Karolinska Institutet di Stoccolma.

Fonte

martedì 15 dicembre 2009

I semi che sconfiggono le notti in bianco


07 DEC 09 - I semi sono i rimedi naturali per i disturbi legati all’epifisi, come insonnia e depressione, in inverno più insidiose che mai

I semi: eccezionale rimedio naturale per i disturbi dell'epifisi

A fine dicembre, senza che ce ne rendiamo conto, le giornate ricominciano ad allungarsi: dopo i giorni più brevi dell'anno, intorno al solstizio d'inverno, assistiamo alla lenta rinascita del sole e della luce. Ecco perché è questo il momento migliore per sostenere l'epifisi, l'organo che più di tutti risponde agli stimoli luminosi. Il legame con la luce è tanto stretto che da essa dipende il funzionamento stesso di questa ghiandola, simile nella forma e nelle funzioni a un piccolo seme. E, per la legge dei simili, sono proprio i semi i migliori alleati dell'epifisi, tanto da aiutare a combattere le inevitabili "carenze di stagione".

L'analogia, da un punto di vista simbolico, è immediata: piccoli concentrati di "luce naturale", i semi racchiudono dentro il guscio compatto e protettivo il principio vitale che permette loro di affrontare i mesi di letargo invernale, per poi rinascere in un frutto nuovo all'arrivo della bella stagione. Proprio come accade alla nostra epifisi, che, racchiusa nella scatola cranica, attende il sole primaverile per sbocciare a nuova vita.

I semi ottimi rimedi naturali contro insonnia e depressione

...

Fonte

mercoledì 9 dicembre 2009

LA CERVICALE SI CURA CON I MASSAGGI - LA PROVA ANCHE UNO STUDIO CERTIFICATO

collo_b1--180x140.jpgChi deve fare i conti con la cervicale prima o poi li prova. Ma sull'efficacia dei massaggi per risolvere dolori al collo che si trascinano da tempo non ci sono molte ricerche, così un gruppo di ricercatori di Seattle ha appena condotto una sperimentazione sul tema per verificare pro e contro della massoterapia.

PICCOLO STUDIO – La ricerca, che è stata pubblicata su Clinical Journal of Pain , è stata finanziata dall'ente americano che si occupa di verificare sicurezza ed efficacia delle cure alternative, il National Center for Complementary and Alternative Medicine . I ricercatori hanno coinvolto 64 pazienti con dolori al collo che duravano da almeno 12 settimane; alcuni hanno ricevuto un libretto con informazioni e consigli per l'auto-cura, altri sono stati sottoposti a un ciclo di massaggi che prevedeva 10 sedute lungo l'arco di 10 settimane, condotte da terapisti che effettuavano massaggi secondo tecniche standard e davano anche ai pazienti piccoli suggerimenti per stare meglio. Tutti sono stati valutati a 4, 10 e 26 settimane dall'inizio della sperimentazione per capire se le condizioni del collo erano migliorate, ad esempio in termini di dolore e funzionalità riacquistata.

...

Fonte

domenica 6 dicembre 2009

Il vino rosso fa bene allo smalto dei denti

Un bicchiere di vino rosso fa bene ai denti. O meglio, allo smalto dentario perché impedisce ai batteri di deteriorarlo. Questa la scoperta fatta dai ricercatori dell'Università di Pavia, che hanno riportato i risultati del loro studio sulla rivista Food Chemistry.

Secondo gli scienziati, infatti, il vino rosso blocca l’azione del batterio Streptococcus mutants che corrode demineralizza lo smalto. Lo studio dimostra che non è l'alcol a impedire la corrosione dei batteri, ma un gruppo di composti chiamato proantocianidine, sostanze ricche di antiossidanti che si trovano principalmente nella buccia dei grappoli. Prossimo passo della ricerca: verificare se il composto può essere estratto dal vino e utilizzato come trattamento a parte.

Fonte

mercoledì 2 dicembre 2009

Curiamo il mal di gola per un autunno in salute


La nuova stagione ormai iniziata porta con sé inevitabilmente uno sgradito regalo: l'influenza. Che può manifestarsi con episodi febbrili, tosse raucedine, raffreddore. Fino alle più fastidiose compromissioni bronchiali. A volte basta un improvviso abbassamento della temperatura o uscire da un locale riscaldato per avvertire un immediato fastidio alla gola. Ed è proprio la gola la porta di tutti i mali di stagione: è da qui infatti che virus e batteri penetrano più facilmente nel nostro organismo e trovano terreno fertile in un sistema immunitario già compromesso dal freddo e dall'umidità. Per questo è necessario intervenire subito, ai primi accenni di mal di gola. Curandoci con particolare attenzione e nel modo giusto proprio delle prime vie respiratorie, fermiamo subito i malanni di stagione.

Il rimedio naturale per il mal di gola

Ai primi accenni di mal di gola o bruciore, ricorriamo a un rimedio naturale di grande efficacia. La ricetta è molto antica e ampiamente sperimentata: la usavano i contadini siciliani, per avere sollievo immediato. Gli ingredienti necessari per comporre la "pozione" sono di facile reperibilità: due arance ben mature e tre cucchiai di miele.

...

Fonte