Otto ore di sonno e pasti sani Così si resta in forma anche col caldo

Da sfatare il luogo comune secondo cui d'estate si dimagrisce più facilmente. Niente di più falso, dicono gli esperti. Di solito si rientra dalle ferie sempre con tre-quattro chili in eccesso. "Il sonno è una variabile importante nell'approccio ai disturbi alimentari e al conseguente sovrappeso o obesità, è ormai un'evidenza scientifica" dice l'endocrinologo Piernicola Garofalo presidente di Ame onlus. L'esperto spiega che le alterazioni del ritmo sonno-veglia incidono sul consumo energetico e dunque sulle calorie introdotte durante i pasti. Dormire le sei-sette ore per notte con un riposino pomeridiano aiuta a mantenere il giusto peso. "Quando si riducono le ore di sonno diminuisce la produzione dell'ormone leptina che da un lato stimola il senso di sazietà dall'altro riduce il grasso corporeo e regola la spesa energetica  -  spiega Garofalo  -  al tempo stesso aumenta la ghrelina, ormone oressizzante che viceversa stimola l'appetito ed è sempre coinvolto quando si prende peso". Il consiglio? Evitare le "trappole" estive (di MARIAPAOLA SALMI)

Fonte

Commenti