domenica 22 luglio 2012

Grassi, fumo, caffè i nemici della fecondazione

Nuovi fattori di rischio emergono dal summit europeo sulla procreazione medicalmente assistita: la qualità di ovociti e spermatozoi dipenderebbe dallo stile di vita e dalle abitudini alimentari. Ci si interroga sulle restrizioni all'accesso alle cure per obesi e tabacco-dipendenti

dal nostro inviato ELVIRA NASELLI

 
ISTANBUL - L'effetto della crisi economica arriva anche nel mondo della procreazione assistita. E se al ventottesimo convegno dell'Eshre (Società europea di riproduzione umana ed embriologia), che si è appena concluso ad Istanbul, si festeggiano i 5 milioni di bambini nati dalla provetta, non si può non fare un punto sui fondi messi a disposizione nei vari Paesi a donne e uomini infertili. La Grecia, per esempio, ha già registrato un meno 20 per cento di cicli. E la tendenza è la stessa anche in Spagna, dove però le coppie straniere evitano una flessione così marcata.

Al contrario, lì dove la politica sanitaria di un Paese è più generosa con i rimborsi sanitari, si riescono ad avere più cicli, e più bambini nati, come dimostra uno studio dell'economista Mark Connolly, dell'università di Groningen, nei Paesi Bassi. Non è solo una questione di investimenti, però. O di età delle donne che accedono alla Pma (procreazione medicalmente assistita), sempre più elevata, anche se l'Italia è ai livelli più alti, e dunque con meno probabilità di una maternità. Importante, anche più di quanto si pensasse finora, è lo stile di vita, come più di uno studio presentato all'Eshre dimostra.

Continua qui

Nessun commento: