domenica 29 luglio 2012

Solleone, come abbronzarsi senza rischi

Il sole estivo ci offre un’importante opportunità di salute: fissa nelle ossa la vitamina D, che regola il bilancio del calcio ed è indispensabile nella prevenzione dell’osteoporosi. L’importante è saper sfruttare i benefici del sole senza correre rischi. Primo fra tutti, quello relativo all’invecchiamento precoce della pelle, che l’azione ossidante di un’esposizione poco ragionata può causare. Per proteggersi, bisogna seguire un’alimentazione adeguata e affidarsi agli integratori giusti. Soprattutto in vacanza.

A colazione fragole e yogurt: più difese per la pelle
Al mattino il corpo è più ricettivo all’azione dei cibi depurativi (come il latte di riso). Più proficui anche i trattamenti antiossidanti, come quello offerto naturalmente dai frutti di bosco.

Cosa privilegiare
I frutti di bosco: ricchi di sostanze antiossidanti, fragole, mirtilli e lamponi sono un vero trattamento antiage, adatto a prevenire i danni del sole. Puoi gustarli con lo yogurt che è ricco di probiotici e riequilibra la flora batterica intestinale, attivando le difese naturali della pelle.

Da bere
Latte di riso. Fresco e leggero è la bevanda ideale per la colazione. Indispensabile in caso di intolleranza a latte vaccino, è utile a tutti per il suo potere drenante. Anche la pelle se ne giova: dopo una settimana è più morbida e setosa.

A pranzo, quando il sole è più alto, scegli pomodoro e albicocche
A pranzo quando il sole è più aggressivo, ci vogliono cibi dall’elevato potere antiossidante. Come i pomodori, le albicocche e i meloni, vere miniere di sostanze antiage. “Bevi” il sedano, rimineralizzante.

Da mangiare
Albicocche e melone. Chiudi il pasto con una fetta di melone o tre albicocche. Questi frutti contengono betacarotene, indispensabile per difendere la pelle e mantenerla giovane. Vuoi fare il pieno di sostanze antiossidanti? Scegli per contorno i pomodori, ricchissimi di licopene.


Continua qui

giovedì 26 luglio 2012

Le virtù del peperoncino, l'oro rosso della tavola

Atzechi, Maya e Inca lo utilizzavano già come rimedio medicinale ed anche oggi le migliaia di specie del Capsicum annuum hanno riconosciute proprietà mediche. Nel suo frutto, infatti, sono presenti capsaicina (che costituisce il 50% ed è il principale responsabile dell’attività farmacologica), flavonoidi, resine, oli essenziali, carotenoidi, cellulosa, calcio e ferro. Il contenuto in vitamina C (fino a 340 mg/100 gr) è maggiore rispetto a qualsiasi altro frutto e sono presenti in quantità significativa anche le vitamine A, K, e B. L’ oro rosso della tavola sarà protagonista di “Rieti Cuore Piccante”, la seconda Fiera Mondiale del peperoncino che si svolgerà dal 26 al 29 luglio a Rieti (www.rietipiccante.it) e nell’ambito della quale si parlerà anche di peperoncino e salute. Qui Bruno Amantea, professore ordinario di Anestesia e Rianimazione presso l’Università Magna Graecia di Catanzaro, ci spiega quali sono gli effetti che la capsaicina può avere sulla salute, sulla bellezza e sull’eros.

 

  •  
    I falsi miti da sfatare


    Molti affermano di non poter mangiare peperoncino perché "brucia lo stomaco" o causa "bruciori allo stomaco". Niente di più sbagliato tant’è vero che molte regioni meridionali conservano nella tradizione popolare un infuso digestivo fatto di camomilla calda con l'aggiunta di un cucchiaino di polvere di peperoncino e un po' di miele come dolcificante. Molti rinunciano al piccante perché temono le conseguenze delle emorroidi. In realtà, già nel 1857 l'Accademia medica francese sanciva ufficialmente la validità del peperoncino contro ogni tipo di emorroidi. Il fatto è che il peperoncino non ha controindicazioni precise. A patto che venga usato con equilibrio e moderazione. È da sconsigliare sicuramente ai bambini per i quali è bene aspettare che abbiano almeno 12/13 anni. Non ne devono abusare quelli che soffrono di acidità di stomaco, di ulcera, di epatite, di cistite, di emorroidi. L'eccesso può provocare irritazioni alla mucosa intestinale, infiammazioni gastrointestinali allo stomaco e anche ai reni. Tuttavia, in dosi terapeutiche può addirittura essere utile proprio per guarire alcune delle malattie sopra elencate

 

 

Continua qui

martedì 24 luglio 2012

Diete, consigli e trucchi per l'estate

Cosa mettere in valigia per il viaggio, come curare le punture di zanzara, quale frutta contro il caldo, quali benefici da mare, montagna e campagna, come tutelare gli occhi dal sole e curare i capelli e quali diete conviene seguire in questa stagione. Ma anche, per chi resta al lavoro, come utilizzare l'aria condizionata senza rischiarne gli effetti negativi. Dagli esperti cento e passa consigli per l'estate che non scadono mai

 

La top ten della frutta che abbronza

Nutre, disseta, reintegra i sali minerali persi con il sudore, rifornisce vitamine, mantiene in efficienza l'apparato intestinale con il proprio apporto di fibre e contrasta i radicali liberi prodotti nell'organismo dall'esposizione al sole

Calorie e gusti, tutti i segreti del gelato

Artigianali o industriali poco importa, ormai hanno sempre un buon profilo nutrizionale. Ma attenzione ai coloranti e alle calorie. Le raccomandazioni degli esperti

Dieci consigli per viaggiare in salute

Vacanze in vista? Per evitare di rovinarsi le ferie è necessario organizzare bene la partenza. Documenti, valigie e prodotti per bambini, ma anche farmaci e precauzioni per il jet lag

Zanzare, meduse e scottature. I rimedi per i 'mali' d'estate

Mal di mare e jet lag, ma anche piccole ferite, scottature e congestioni. I disturbi estivi sono comuni e fastidiosi ma si possono risolvere. Nei consigli degli esperti le "cure" per le vacanze

Aria condizionata, croce e delizia dell'estate

Gli studi sui suoi benefici sono spesso contraddittori. Se durante la stagione più calda serve una temperatura più fresca per anziani, malati e bambini, bisogna saper posizionare gli impianti per evitare problemi articolari e gastro-intestinali

In forma sotto l'ombrellone: 10 diete per l'estate

Frutta, verdura e un po' di movimento. Basta seguire un regime calorico controllato per non ingrassare. E durante l'estate è più facile


Continua qui

 

lunedì 23 luglio 2012

Mete esotiche: dieci regole per non rischiare

Dalla rigida osservanza delle norme igieniche alle vaccinazioni

Spiagge bianche, mari color topazio e popoli dalla cultura diversa. Il viaggio sperato si avvicina ma le mete esotiche possono essere rischiose per la salute. Per far sì che il sogno non si tramuti in un terribile incubo bisogna prestare attenzione ad alcune semplici regole. Roberto Cauda, direttore dell'Istituto di Clinica delle Malattie infettive dell'Università Cattolica di Roma ne propone alcune che abbiamo riassunto in un decalogo.

1. Informarsi sui siti

Per il dottor Cauda “In un mondo globalizzato è relativamente semplice acquisire tutte le notizie che consentono di tutelare al meglio la salute da possibili agenti infettivi specie se la destinazione è un'area dalle precarie condizioni igienico-sanitarie”.
Sui siti del Ministero della Salute o dell'Istituto superiore di sanità o sul sito dell'Organizzazione mondiale della sanità sono presenti indicazioni utili, suddivise per Paese, su norme comportamentali e procedure di profilassi e vaccinazioni da fare prima, durante o dopo il viaggio.

2. Andare dal medico

“Importante rivolgersi sia al proprio medico che ad ambulatori specializzati nella cosiddetta travel medicine che sono in grado di fornire il necessario supporto sanitario”.

3. Evitare i last minute

Anche se le occasioni dell'ultimo minuto fanno gola un po' a tutti, il dottor Cauda invita a essere coscienziosi programmando il viaggio in anticipo. Se siete quasi con un piede sull'aereo, attenetevi almeno ai punti 1 e 2.

4. Attenti agli alimenti

5. Occhio a bevande e acqua

6. Lavarsi le mani di frequente

7. Protezione da insetti e parassiti

“Usare repellenti e zanzariere ai letti” ammonisce il dottor Cauda.

8. Profilassi antimalarica

“Poiché molte aree esotiche meta di vacanze presentano il rischio malaria, bisogna effettuare, qualora indicato, con puntualità e correttezza la profilassi antimalarica, assumendo farmaci secondo le modalità specifiche per ciascuno di essi, prestando particolare attenzione a modalità e tempi di somministrazione”.

9. Vaccinazioni

Difficile generalizzare: le necessità variano da Paese a Paese. Il dottor Cauda spiega:“ Alcuni Paesi richiedono una specifica vaccinazione contro il virus della febbre gialla, il cui certificato viene richiesto all'arrivo a destinazione”.
Per prevenire le malattie a trasmissione oro-fecale oltre alla scrupolosa osservanza delle norme igieniche “è importante sottoporsi anche alle vaccinazioni antitifica, anticolerica e antiepatite A, per migliorare il livello di protezione. Nell'Africa sub-sahariana è opportuno effettuare, inoltre, la vaccinazione anti-meningococcica e in alcune aree dell'Asia la vaccinazione anti-encefalite; la vaccinazione contro l'encefalite da zecche è consigliabile per chi va in vacanza in aree boschive dell'Europa centrale, bacino del Danubio, paesi balcanici”.
Inoltre, l'esperto sottolinea che "E' necessario effettuare un'attenta valutazione medica del soggetto che si vaccina in modo da minimizzare eventuali eventi avversi e reazioni allergiche”.
 

Continua qui

 

domenica 22 luglio 2012

Grassi, fumo, caffè i nemici della fecondazione

Nuovi fattori di rischio emergono dal summit europeo sulla procreazione medicalmente assistita: la qualità di ovociti e spermatozoi dipenderebbe dallo stile di vita e dalle abitudini alimentari. Ci si interroga sulle restrizioni all'accesso alle cure per obesi e tabacco-dipendenti

dal nostro inviato ELVIRA NASELLI

 
ISTANBUL - L'effetto della crisi economica arriva anche nel mondo della procreazione assistita. E se al ventottesimo convegno dell'Eshre (Società europea di riproduzione umana ed embriologia), che si è appena concluso ad Istanbul, si festeggiano i 5 milioni di bambini nati dalla provetta, non si può non fare un punto sui fondi messi a disposizione nei vari Paesi a donne e uomini infertili. La Grecia, per esempio, ha già registrato un meno 20 per cento di cicli. E la tendenza è la stessa anche in Spagna, dove però le coppie straniere evitano una flessione così marcata.

Al contrario, lì dove la politica sanitaria di un Paese è più generosa con i rimborsi sanitari, si riescono ad avere più cicli, e più bambini nati, come dimostra uno studio dell'economista Mark Connolly, dell'università di Groningen, nei Paesi Bassi. Non è solo una questione di investimenti, però. O di età delle donne che accedono alla Pma (procreazione medicalmente assistita), sempre più elevata, anche se l'Italia è ai livelli più alti, e dunque con meno probabilità di una maternità. Importante, anche più di quanto si pensasse finora, è lo stile di vita, come più di uno studio presentato all'Eshre dimostra.

Continua qui

giovedì 19 luglio 2012

Lo sport per combattere il cancro al seno




Ancora lo sport al centro di importanti studi medici che potrebbero aiutare l’essere umano a vivere meglio in un futuro non troppo lontano.
Una notizia recente pubblicata sulla rivista Cancer dice che praticare attività fisica almeno 10 ore alla settimana, possibilmente due ore al giorno, riduce del 30% la possibilità di tumore al seno.
La conferma viene dall’Università della Carolina del Nord che ha effettuato le ricerche. Gli scienziati statunitensi hanno preso in considerazione più di 3000 donne, di cui la metà circa aventi il cancro al seno.
Il risultato dello studio ha dimostrato che coloro che prima o dopo la menopausa avevano praticato dello sport erano munite di una sorta di “protezione” nei confronti della malattia.

Continua qui

venerdì 13 luglio 2012

Macedonie e pinzimoni anti cuscinetti

Ricchi di enzimi, sali e vitamine, gli ortaggi e i frutti estivi idratano, rinfrescano e  ti riforniscono di antiossidanti: sostanze preziose per vincere il caldo e diluire le tossine che si trasformano in ritenzione e cellulite.

In estate la circolazione delle gambe viene messa a dura prova dal costante aumento della temperatura, specie in presenza di un alto tenore di umidità. Di conseguenza si creano ristagni e congestione a livello della parte inferiore del corpo, si accusano stanchezza, dolori ai piedi, caviglie e gambe pesanti e si forma la ritenzione, “terreno” ideale su cui la cellulite si sviluppa.

La dieta “cruda” che vince i ristagni
Il Fuoco estivo in eccesso si combatte soprattutto con un’alimentazione in grado di controbilanciare gli effetti del clima. E di riattivare i processi di drenaggio.

Insalata amara e pinzimonio neutralizzano liquidi e caldo
Per la medicina cinese, il sapore in grado di raffreddare e di controllare il Fuoco estivo è l’amaro: rinfresca e drena anche l’umidità, spingendola in basso verso la vescica per eliminarla attraverso l’urina. A luglio, quindi, inizia sempre il pasto con un’insalata mista con cicoria, tarassaco, radicchio o un pinzimonio di finocchi, cetrioli e pomodori. Il tutto va condito con olio d’oliva, che lubrifica l’intestino e alleggerisce il lavoro del circolo.

Tisane fresche, diuretiche e digeribili
A luglio meglio scegliere bevande a temperatura ambiente. Un caffè leggero non fa male d’estate ma si può sostituire con un infuso di timo o con la verbena, rinfrescante. Anche l’infuso di rosa canina, per il suo contenuto in acido silicilico, stimola la diuresi e svolge un’azione rinfrescante; gli infusi vanno bevuti freschi ma non gelati, non superare le due tazze al giorno.

Continua qui

giovedì 12 luglio 2012

Pelle: le regole per mantenere l’abbronzatura

L’abbronzatura ottenuta con tanta fatica durante l’estate inizia a scomparire, lasciando al suo posto una pelle squamata e a chiazze. Ne abbiamo già parlato (qui) spiegandovi come tutto ciò sia dovuto al fisiologico ricambio cellulare dell’epidermide.
Una buona idratazione che arrivi alla cute dalla dieta è fondamentale, come pure quella che arriva dall’esterno attraverso l’utilizzo di prodotti cosmetici. Ma entriamo nello specifico di cosa è giusto fare e cosa meglio evitare per mantenere a lungo l’abbronzatura dorata che ci siamo creati durante le vacanze.

1) I detergenti: scegliete oli, mousse o saponi delicati, che non aggrediscano la pelle, ma che la rendano più morbida. Personalmente prediligoi prodotti per la detersione dei neonati, con particolare riferimento a quelli ricchi di amido!
2) Le creme idratanti e nutrienti: più la pelle è disidratata e più si chiazzerà facilmente. Date “da bere” alla vostra cute, tutte le volte che ne sentite la necessità. Utilizzate però prodotti che siano adatti al vostro tipo di pelle (grassa, secca, mista, delicata, con tendenza alle rughe, ecc.) cercando ovviamente di usare un cosmetico per il viso ed uno per il resto del corpo.
3)L’ aria condizionata: andrebbe decisamente evitata.  Secca l’aria e quindi la pelle. E’ per questo che spesso ci si comincia a spellare subito dopo il ritorno in ufficio (il che aumenta i sintomi della già latente “sindrome del rientro”)! Attenzione inoltre ai viaggi di ritorno in aereo. C’è lo stesso problema: la pelle si secca e le cellule epidermiche cominciano a rigenerarsi prima. Portatevi sempre dietro una cremina idratante, servirà anche per alleviare il fastidio della pelle che tira.
4)L’ abbronzatura artificiale: può aiutare a rimandare la perdita della tintarella. L’importante è che l’utilizzo del lettino abbronzante avvenga secondo i criteri di sicurezza e che non inizi a spellatura avviata. Qualcuno gradisce invece aiutarsi con prodotti autoabbronzanti. Ce ne sono di ottimi in commercio, ma bisogna applicarli bene. Nessuno vi vieta invece di andare ancora al mare specie nei week-end settembrini, di solito belli e con le spiagge poco affollate.

Continua qui 

Gli alimenti amici dell'abbronzatura per mantenere la pelle dorata delle vacanze

 

 

mercoledì 11 luglio 2012

Benefici del ciclismo

Il ciclismo è un’attività aerobica che concentra gli sforzi nell’apparato inferiore è può essere molto produttiva per coloro che lo praticano. Andiamo a ripassare i benefici del ciclismo.

Come tutte le attività aerobiche, il ciclismo migliora la salute cardiovascolare, aiuta la circolazione sanguigna e aumenta la nostra resistenza nelle attività di lunga durata, oltre alla resistenza delle gambe (soprattutto dei quadricipiti)

 
Particolarmente, possiamo dire che a livello muscolare il ciclismo è una opzione eccellente per tonificare  muscoli e ossa delle gambe e nello stesso tempo ridurre la cellulite che da sempre minaccia le estremità inferiori.

Indubbiamente, potremo usare il ciclismo per bruciare varie calorie e così diminuire di peso. A questo proposito raccomandiamo metodi continui di lunga durata, o, se siete ben allenati, potete provare con un lavoro alla massima intensità per non più di 10 secondi intercalato da pedalate molto leggere di durata tra 3 e 5 minuti. Inoltre, è importante sottolineare che il ciclismo non è tanto pericoloso per le articolazioni come lo può essere la corsa. Esattamente per questo motivo chi ha subito lesioni importanti alle ginocchia o alle caviglie, o chi è abbastanza sovrappeso, non può fare di meglio che montare in biciletta ed iniziare a pedalare.
Continua qui

domenica 8 luglio 2012

Proteine, le nuove linee guida Efsa

Di quante proteine abbiamo bisogno ogni giorno? D'ora in poi la risposta potrà essere calcolata con più precisione. L'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha infatti pubblicato un vademecum che stabilisce i quantitativi di assunzione delle proteine. Con Andrea Ghiselli, nutrizionista dell'Istituto Nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione, abbiamo "simulato" degli esempi per uomini e donne indicando per ciascuno cosa mangiare per assumere il giusto quantitativo di proteine ogni giorno
a cura di IRMA D'ARIA

 

Continua qui 

giovedì 5 luglio 2012

Quando il cibo può essere un pericolo

Nuove restrizioni da parte di Oms e Fao. Ecco cos'abbiamo rischiato finora

foto Dal Web
Nuove restrizioni nella commercializzazione degli alimenti per garantire la salute della popolazione mondiale. La Commissione del Codex Alimentarius, gestito dalla Fao (Food and Agriculture Organization) e dall'Oms (Organizzazione mondiale della sanità), ha definito nuovi standard alimentari di sicurezza e qualità.
I nemici della nostra salute possono trovarsi in alimenti che ci appaiono del tutto innocui come il latte per neonati, le fette di melone pretagliate, la frutta secca e i frutti di mare. Ecco i nuovi protocolli e, dunque, a cosa siamo andati incontro finora.

Meno melamina nel latte

Ridotti i limiti massimi di concentrazione di melamina nel latte per neonati. La sostanza, letale a concentrazioni elevate, è stata utilizzata illegalmente per aumentare il contenuto proteico in diversi prodotti tra cui gli alimenti per lattanti e il latte in polvere. La Commissione del Codex ha fissato il limite a un massimo di 0,15 mg/kg nel latte liquido per lattanti.

Micotossine nella frutta secca

C'è poi il rischio aflatossine nei fichi secchi. Si tratta di un gruppo di micotossine prodotte da muffe, tossiche e cancerogene, che possono essere trovate in una varietà di prodotti come frutta secca, noci, spezie e cereali, anche a livelli elevati se il prodotto non è conservato correttamente. La Commissione ha ora deciso un limite massimo di sicurezza di 10 microgrammi/kg per i fichi secchi.

Fette di melone pretagliate

Un problema emergente di sanità pubblica è legato alla sempre maggiore diffusione delle fette di melone pretagliate. “La polpa del frutto può diventare un terreno fertile per i batteri", ricordano gli esperti, aggiungendo che proprio le fette di melone sono state collegate a epidemie di salmonella e listeriosi. La Commissione ha raccomandato che i meloni pretagliati debbano essere confezionati o imballati e refrigerati il più presto possibile. Inoltre, devono essere distribuiti a temperature di 4 gradi o inferiori. Fondamentale disinfettare regolarmente i coltelli utilizzati per la preparazione.
 
Continua qui

 

mercoledì 4 luglio 2012

Anche il padre fumatore può danneggiare il dna del nascituro

Una ricerca britannica sostiene che non è solo la madre che fuma in gravidanza a mettere a rischio la salute del figlio: i papà possono trasmettere allo stesso modo il loro codice "alterato"

 

ROMA - Le donne che fumano durante la gravidanza mettono a rischio la salute del proprio figlio. Il dato è acquisito da tempo dalla scienza medica, ora però una nuova ricerca rivela che anche i padri che erano fumatori al momento del concepimento possono trasmettere Dna danneggiato, aumentando il rischio per i figli di malattie tra cui il cancro.


Continua qui