mercoledì 28 novembre 2012

La musica fa bene al cuore

Musica, cuore e salute 
L’ascolto di musica induce cambiamenti cardiovascolari, cerebrovascolari e respiratori differenti a seconda che l’ascoltatore sia un musicista o meno.
L’istruzione musicale può essere molto salubre per il cuore. Lo suggerisce uno studio di prossima pubblicazione sulla rivista “Heart” che mostra come siano il tempo e il ritmo dei brani – più che il loro stile – a combattere maggiormente lo stress. Luciano Bernardi dell’Università di Pavia, Peter Sleight dell’Università di Oxford e colleghi hanno esaminato diversi aspetti della respirazione e della circolazione in 24 giovani volontari, maschi e femmine, prima e durante l’ascolto di brevi brani musicali. Metà dei partecipanti erano musicisti che suonavano uno strumento da almeno sette anni, mentre gli altri non avevano ricevuto alcun tipo di istruzione musicale. Ogni partecipante ha ascoltato brevi sequenze di differenti tipi di musica in ordine casuale: raga (musica classica indiana), Beethoven, Vivaldi, Red Hot Chili Peppers, techno music e musica dodecafonica.


Continua qui

lunedì 26 novembre 2012

Il fumo manda “in fumo” il cervello


Il vizio del fumo non solo aumenta il rischio di attacco cardiaco o ictus, ma anche di demenza
Uno stile di vita malsano che danneggia il sistema cardiovascolare non solo è associato a un maggiore rischio di morte prematura, ma anche a un effetto dannoso sul cervello. Malattie come l’ipertensione intaccano quindi seriamente anche le capacità di apprendimento, ragionamento e memoria, facilitando l’insorgere della demenza.
Uno stile di vista scorretto che mette a rischio cuore e arterie è stato significativamente collegato a un maggiore declino cognitivo da un team di scienziati del King College di Londra. Per cui, fumando, oltre a essere a rischio attacco cardiaco o ictus, ci sono maggiori probabilità di sviluppare la demenza o l’Alzheimer.

Se dunque fumare è risaputo essere un “buon” modo per intaccare la salute di cuore e arterie, favorendo l’insorgere di ipertensione e aumentando il rischio di essere vittime di un infarto o un ictus, ciò che si è scoperto è che il danno non si limiterebbe, per così dire, solo all’apparato cardiovascolare, ma anche al cervello. In questo modo, ricercatori londinesi hanno stabilito come vi fosse una correlazione tra le malattie cardiache e il declino cognitivo.

Continua qui

sabato 24 novembre 2012

È sano dormire col cane o col gatto?

Si può fare, a patto di seguire alcune semplici regole igieniche. L’animale domestico può essere infatti veicolo di parassiti, come pulci e zecche, dannosi alla salute. Per evitare che si trasmettano al padrone, cosa che può comunque succedere anche se non si dorme insieme, è bene usare antiparassitari e verificare con scrupolo che l’animale ne sia privo. Un’altra norma fondamentale è che l’animale sia vaccinato e controllato regolarmente dal veterinario per escludere che abbia malattie.

Continua qui

giovedì 22 novembre 2012

Troppe "lampade" possono nuocere alla salute

Il rischio di un tumore alla pelle è proporzionale alla frequenza: più sedute si fanno, più è probabile, specie se si comincia da giovani. Negli ultimi 20 anni, in Italia, l'incidenza del melanoma cutaneo è aumentata di oltre il 4% all'anno in entrambi i sessi. L'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro ha evidenziato come le radiazioni ultraviolette di origine solare o da sorgenti artificiali, come lampade e lettini abbronzanti, sono il principale fattore di rischio per questa neoplasia.

La Lega tumori provinciale ha lanciato la campagna di prevenzione "Abbronzàti è bello, informàti è meglio". L'obiettivo è duplice. Da un lato quello di infomare i cittadini su questi rischi.

Continua qui

lunedì 19 novembre 2012

Disposta a strappare alghe per essere bella?

L'ecosistema marino, già sfruttato, vede sottrarsi risorse per motivi estetici. Ecco le alternative

Mentre le star pur di diventare sempre più belle sono disposte a iniettarsi veleno di vipera o a impiastricciarsi il viso con escrementi di usignolo, le comuni mortali - che i prodotti di bellezza li comprano al supermercato - si trovano sommerse da quintali di proposte di alghe e minerali marini, piante di costa, fanghi salati, conchiglie, gusci, pesci e uova di pesce. Ma qual è il prezzo per gli ecosistemi marini?
L'uso cosmetico di ingredienti ricavati da coste, fondi marini e oceani rischia di compromettere l'equilibrio marino, già sfruttato in modo intensivo dall'industria alimentare.

Continua qui

Il nuovo vaccino antinfluenzale? La meditazione

Un nuovo studio promuove la meditazione mindfulness (o Consapevolezza) come rimedio efficace nel prevenire le malattie respiratorie acute invernali come raffreddore e influenza.
 
In un periodo in cui tutti cercano conferme sulla validità dei vaccini antinfluenzali, o nuove efficaci alternative per la prevenzione delle malattie invernali, ecco spuntare una ricerca che mette in luce l’efficacia della meditazione quale insolita arma preventiva.

Continua qui

sabato 17 novembre 2012

Acqua, la qualità città per città. Ecco le tabelle




fonte: METROPOLITANA MILANESE


Questi numeri sono la carta d’identità dell’acqua: l’insieme delle sue caratteristiche chimico-fisiche. Per alcune voci è bene avere valori bassi se non nulli. È il caso di nitrati e nitriti (composti dell’azoto, che spesso sono dovuti alla presenza di fertilizzanti) o dell’ammonio (presente per cause geologiche o di inquinamento). Per quanto riguarda cloruri e fluoruri, la loro presenza è naturale purché mantenuta all’intero di alcuni limiti. Stesso discorso per il sodio, il cui eccesso è sconsigliato agli ipertesi. La concentrazione di ioni idrogeno indica invece il grado di acidità, che per legge deve essere compreso tra pH 6,5 e 9,5. Il residuo secco a 180° e la durezza non hanno limiti imposti dalla legge, ma i diversi valori incidono sul sapore (dovuto alla presenza di sali).

Continua qui

venerdì 16 novembre 2012

Sopravvivere alle feste natalizie con i consigli dei nutrizionisti

Feste comandate in arrivo: come mangiare per non aumentare il proprio peso. Da una ricerca dell’Osservatorio Nutrizionale G. P. sugli eccessi calorici degli italiani nel periodo natalizio, ecco i consigli degli esperti per limitare i danni senza rinunciare al piacere della tavola
 
Pancia mia fatti capanna! Potrebbe essere il motto che accompagna le feste natalizie in arrivo, che come ogni anno – recessione o no – sono nella maggioranza dei casi costellate di pranzi, cene e cenoni.

Ma, all’indulgere a tavola, si accompagna il dubbio che per evitare di ritrovarsi come regalo due o tre chili in più si debba per forza rinunciare alla tradizione e limitarsi a uno sciapo brodino di verdure. Che fare dunque per salvare le feste e la linea – quand’anche la salute?
Basta seguire i consigli degli esperti, dietologi e medici dell’Osservatorio Nutrizionale Grana Padano, i quali ricordano che è possibile salvaguardare linea e tradizione, purché si seguano due direttrici: da un lato, cercare di rendere più leggeri i piatti in cucina; dall’altro, tenere sotto controllo l’indice calorico degli alimenti.

Continua qui

giovedì 15 novembre 2012

Cresce tumore al polmone, colpa 8 volte su 10 del fumo

In tutto il mondo mese per sensibilizzare su rischi

Cresce tumore al polmone, colpa 8 volte su 10 del fumo  

ROMA - Novembre 2012 e' in tutto il mondo il 'Lung Cancer Awareness Month' o mese della sensibilizzazione per il tumore al polmone: responsabile di quasi il 30% di tutti i decessi per cancro nel mondo ed e' in grado di uccidere piu' delle forme di cancro, al colon, al seno e alla prostata messi insieme. E in Italia sono 38.000 i casi previsti solo nel 2011, 45mila casi nel 2020 e 51.500 nel 2030. Ma se ne parla poco e i pazienti vengono 'colpevolizzati' togliendo alla diagnosi la piena compassione che circonda altre forme tumorali. Il quadro, le prospettive terapeutiche e i consigli di Giorgio Vittorio Scagliotti oncologo dell'Universita' di Torino. I fondi destinati alla ricerca di soluzioni per il tumore al polmone sono meno cospicui di quelli per altre tipologie di malattie oncologiche, nonostante i dati americani sull'incidenza ci dicono che una donna su 16 e un uomo su 13 svilupperanno nel corso della loro vita questo tipo di tumore e solo negli USA verra' diagnosticato a 226mila persone. I dati europei ci dicono che al tumore al polmone sono attribuibili circa 252mila decessi nel 2012.

Continua qui

 

lunedì 12 novembre 2012

Il dilemma delle bibite con più frutta "Attenzione, potrebbero non piacere"

Le aziende contro il decreto Balduzzi, che prevede che la percentuale di frutta nelle aranciate e in altri prodotti (come la Sprite e la Schweppes) debba arrivare almeno al 20%: "Snaturato il prodotto", alcuni potrebbero scomparire. Ma Coldiretti: conta la salute di MICHELE BOCCI 

 

DALLA Fanta alla San Pellegrino, nessuna aranciata venduta in Italia avrà più il sapore che conosciamo oggi. Nel decreto sanità del ministro Balduzzi ci sono due articoletti di legge destinati a cambiare il gusto di alcune delle bevande più gettonate. Per altre potrebbe perfino andare peggio: rischiano addirittura di sparire. La rivoluzione la farà la frutta.  

 

Continua qui

sabato 10 novembre 2012

Attenti a quei 6: i cibi che fanno aumentare la pressione

L’American Heart Association rilascia l’elenco dei “famigerati 6”, i cibi che possono contenere alte percentuali di sale che mettono a rischio la salute di cuore e arterie
Ad attentare alla salute delle nostre arterie e del cuore non sono solo lo stress, uno stile di vita scorretto, la sedentarietà ma anche quello che mangiamo. E, spesso, per quanto possiamo fare attenzione, consumiamo cibi che possono contenere eccessive e occulte quantità di sale.

Questi cibi che possono causare problemi come per esempio l’ipertensione sono molti, ma l’American Heart Association (AHA) ne ha individuati 6 che sono i più diffusi e consumati.
Secondo gli esperti cardiologi, vi sono dunque alcuni alimenti che sono da considerare come le fonti principali di sodio nella nostra dieta. E, il sodio, è ritenuto una delle prime cause dell’indurimento delle arterie, e in genere delle malattie cardiocircolatorie con un aumentato rischio di attacchi cardiaci e ictus.

«L’eccesso di sodio nella nostra dieta ha meno a che fare con quello che aggiungiamo al nostro cibo e più a che fare con quello che è già nel cibo – spiega a CBS News la dottoressa Linda Van Horn, nutrizionista di ricerca presso la North-western University – L’apporto medio individuale è sempre più del doppio della quantità di sodio di cui abbiamo bisogno, ma ci sono modi per migliorare l’apporto di sodio tenendo [i cibi] sotto controllo».

L’apporto di sodio è stato fissato, secondo le linee guida, in non più di 2.300 milligrammi al giorno. Tuttavia secondo l’AHA non si dovrebbero superare i 1.500 mg. Tra i due valori s’inserisce invece la realtà che vede un apporto medio negli Usa di 3.400 mg al giorno – molto oltre le dosi raccomandate quindi.
Per mettere sull’avviso i cittadini, gli esperti dell’American Heart Association hanno stilato una lista dei 6 alimenti che possono contenere alte percentuali di sodio occulte.

Ecco dunque i malfamati 6:
- Pane: il pane può sembrare non essere salato, ma proprio un pezzo di pane può contenere fino a 230 mg di sodio che ammonta a circa il 15% dell’apporto giornaliero raccomandato.
- Carne lavorata: i prodotti a base di carne lavorata come i salumi contengono alte quantità di sodio che funge da conservante e per prevenire le contaminazioni. Tra i vari prodotti, la carne bianca preconfezionata può contenere fino a 1.050 mg di sodio, una percentuale molto alta.
- Pollame surgelato: prodotti a base di pollame surgelato possono contenere diverse quantità di sodio, in base alla preparazione stessa. Per esempio, i secondi come le polpettine, i chicken nuggets impanati, possono contenere circa 600 mg di sodio.
- Sandwich: i panini da hamburger, per esempio, sono il peggiore dei portatori di sodio in quanto sono già salati di per sé e in più, in genere, sono farciti con carne lavorata che come detto è anch’essa ricca di sodio. Un panino del genere può contenere oltre 1.500 milligrammi di sodio.
- Pizza: la classica, apparentemente innocente fetta di pizza, smangiucchiata durante le pause, può invero contenere fino a 760 mg di sodio, accompagnato da un possibile alto contenuto di grassi e calorie (a seconda del tipo).
- Zuppe:  le insospettabili zuppe, che in genere si preferiscono perché contengono verdura, possono invece essere assai ricche di sodio. Una porzione di zuppa, secondo l’AHA, può contenere fino a 940 mg di sodio.

Continua qui

giovedì 8 novembre 2012

5 Esercizi Top per Perdere Peso!

Ti sei mai chiesta quale esercizio o attività che puoi fare in palestra, è la più efficace per bruciare calorie?
 



Bene, adesso vediamo quali sono gli esercizi cardio al top per te che vuoi perdere peso e eliminare il grasso dal tuo corpo, per poter migliorare la tua forma fisica e ristabilire una giusta proporzione tra massa magra e massa grassa.

1. 5 Esercizi Top per Perdere Peso - Camminando Veloce sul Tapis Roulant
 
Consumo calorico 320 calorie all’ora

 


La camminata veloce è un ottimo allenamento cardio per aiutare le tue gambe ad acquistare tono muscolare e perdere grasso. 



Camminare in salita inoltre, aumenta le calorie bruciate, per cui aumenta la pendenza nel tapis roulant appena ti senti pronta! Ma inizia pure camminando ad un ritmo sostenuto in pianura, non affaticarti già la prima volta, una bella camminata in pianura a passo svelto va benissimo per iniziare.

Continua qui 

mercoledì 7 novembre 2012

Il colesterolo cattivo si riduce con i probiotici


I probiotici contenuti in certi alimenti sono benefici per l'intestino e l'organismo in genere. Alcuni tipi poi possono ridurre il colesterolo cattivo
Una nuova generazione di probiotici intestinali è capace di ridurre significativamente i livelli del colesterolo LDL, quello cattivo. Un’alternativa ai farmaci statine, non da tutti tollerati
I probiotici sono quei microrganismi vivi e attivi che promuovono lo sviluppo della sana flora intestinale. Una flora intestinale attiva ed equilibrata è alla base della salute di tutto l’organismo, oltre che nella prevenzione di numerose malattie. Da non ultimo, con l’aiuto di un particolare tipo di probiotici è possibile ridurre in modo efficace e significativo i livelli del tanto temuto colesterolo LDL, quello “cattivo” – ritenuto a sua volta responsabile di diversi disturbi, anche seri, come le malattie cardiocircolatorie.

I probiotici, detti anche popolarmente “fermenti”, sono di natura contenuti in alimenti come lo yogurt e simili – ma li troviamo in commercio anche sotto forma di integratori.
Oggetto di uno nuovo studio e della sua azione nei confronti del colesterolo LDL è stato un tipo di baterio noto con il nome di Lactobacillus reuteri NCIMB 30242. L’idea degli scienziati era quella di combinare batteri e probiotici in modo da ottenere un effetto benefico sulla salute e nel trattamento di malattie croniche e dell’apparato cardiovascolare.

Continua qui

giovedì 1 novembre 2012

Le ultime notizie sulla qualità dell'aria

Scegli il comune

Noci: benefici per la salute

SAPEVATE CHE......
Già a partire dal medioevo le noci vennero considerate una medicina: le foglie erano usate per attenuare i dolori e se ne conosceva il potere digestivo.
A partire dal XVI secolo, la forma del frutto intero sgusciato, simile a quella del cervello, spinse i dottori del tempo ad usarle nella cura dei problemi neurologici: ancora oggi è uso nelle università asiatiche che gli studenti mangino molte noci allo scopo di migliorare le loro performance negli esami.. Recenti ricerche hanno evidenziato che le noci contengono melatonina, un potente antiossidante a cui sono attribuite proprietà benefiche per la salute celebrale.

Se si rompe una noce a metà, si può notare la sua forma a cuore, e le noci sono viste oggi proprio come “amiche del cuore”.
La frutta secca non ha colesterolo ed é ricca di importanti sostanze nutrienti, incluso proteine e fibre alimentari. E' anche un ottima fonte di acido folico, niacina e vitamina E e B6, oltre che di minerali come magnesio, rame, zinco, selenio, fosforo e potassio.
E' vero che la frutta secca contiene grassi in quantitativi relativamente elevati, ma si tratta di grassi insaturi. E' importante non solo osservare il quantitativo di grassi che si assumono, ma considerare il tipo di grassi. I grassi saturi possono aumentare il tasso di colesterolo nel sangue, che a sua volta aumenta il rischio di un attacco cardiaco o di infarto. I grassi non saturi, come quelli polinsaturi e monoinsaturi, possono in realtà diminuire il tasso di lipoproteina (LDL, lipoproteine a bassa densità, o colesterolo "cattivo").
I grassi monoinsaturi sono spesso liquidi a temperatura ambiente e provengono principalmente da alimenti vegetali come avocado, olio di oliva e frutta secca, incluso anacardio, nocciole, noci macadamia, noci pecan e pistacchio.
I grassi polinsaturi sono spesso liquidi a temperatura ambiente e provengono principalmente da alimenti vegetali come noci, zafferano, granturco e olio di girasole.
I grassi saturi sono spesso solidi a temperatura ambiente e provengono principalmente da alimenti animali come lardo, burro, e il grasso di carne o quello della pelle del pollo.
L’ultima ricerca, pubblicata in Ottobre 2006 sul Journal of the American College of Cardiology, suggerisce che le noci, ricche di grassi poli-insaturi, possono proteggere le arterie dai danni provocati dall’assunzione di cibi contenenti molti grassi saturi che provocano uno stato infiammatorio nelle arterie impedendo la corretta circolazione e favorendo la formazione di placche: mangiare contemporaneamente noci, contrasta questo processo.
Le noci infatti sono ricche di steroli vegetali, importanti per ridurre il colesterolo (LDL).


MANGIARE FRUTTA SECCA PUO' RIDURRE IL RISCHIO DI MALATTIE CARDIACHE.
Un recente studio comparativo pubblicato sugli Annali of Internal Medicine nel Luglio 2006 condotto in Spagna tra la Dieta Mediterranea e la Dieta low- fat (a ridotto contenuto di grassi), evidenzia che coloro che hanno mangiato verdure, legumi, olio d’oliva e noci presentano valori pressori più bassi, un migliore profilo lipidico del sangue, hanno diminuito la resistenza all’insulina e hanno una minore concentrazione di molecole infiammatorie.
In uno di tali studi, i ricercatori hanno scoperto che, benché i benefici fossero superiori per i consumatori abitudinari di frutta secca, anche le persone che hanno mangiato della frutta secca una volta alla settimana hanno riscontrato il 25% in meno di malattie cardiache rispetto a coloro che hanno escluso la frutta secca completamente dalla loro alimentazione. In un altro studio, le partecipanti che hanno consumato 140 o più grammi di frutta secca alla settimana hanno avuto un terzo in meno di infarti rispetto a coloro che hanno mangiato frutta secca di rado o non ne facevano uso.


Continua qui