venerdì 28 dicembre 2012

12 alimenti per abbassare il colesterolo

Dall'olio d'oliva al salmone fresco, scopri cosa mettere in tavola per ridurre rischi di infarti ed ictus

È possibile tenere sotto controllo il proprio livello di colesterolo e ridurre in tal modo il rischio di infarti ed ictus? Sì. Difatti grazie ad una corretta alimentazione si può addirittura ridurre il valore del colesterolo “cattivo” – ovvero quello LDL. Del resto è bene sapere che il colesterolo, in assoluto, è indispensabile per la vita e la moltiplicazione cellulare ma è bene tenere sotto controllo il rapporto fra colesterolo “cattivo e buono” ovvero LDL/HDL per una vita sana.
Wired.it vi segnala 12 alimenti capaci di abbassare naturalmente il vostro colesterolo. 
 
1. Avena
Cosa mangiate al mattino? Possono bastare due porzioni di avena per abbassare il colesterolo LDL del 5,63% in sei settimane. La chiave è il beta-glucano, capace di assorbire il colesterolo LDL, permettendo al corpo di espellerlo. Insomma, chi ben comincia…
 
2. Vino rosso
Uno studio compiuto dal dipartimento di nutrizione e metabolismo della Universidad Complutense de Madrid, ha rivelato che la pregiata uva rossa denominata Tempranillo è capace di agire sul colesterolo, grazie al suo alto contenuto di fibre. Addirittura durante lo studio è stata riscontrata una diminuzione fra il 9% e il 12% dei valori LDL. Come vuole il detto, un bicchiere al giorno…
 
3. Salmone fresco
Una ricerca condotta dalla Loma Linda University ha evidenziato che l’Omega3, non solo è capace di prevenire malattie cardiache e demenza senile ma aiuta ad implementare il colesterolo “buono” sino al 4%. Dunque a tavola non abbiate paura di ordinare salmone, aringhe e sardine per fare incetta di questi acidi grassi essenziali per il nostro benessere.
 
4. Noci
Se state cercando di abbassare il colesterolo, le noci sono dei buoni alleati per uno snack salutare. Uno studio condotto dall’ American Journal of Clinical Nutrition, ha chiarito che consumare 42,50 grammi al giorno di noci intere, sei giorni alla settimana per un mese, permetterà di ridurre il vostro colesterolo totale del 5,4 e quello LDL del 9,3%. Ma non eccedete: le noci fanno bene al cuore ma, visto che sono ricche di calorie, è meglio non superare i grammi consigliati per avere un effetto nefasto.
 
5. Fagioli
Mezza tazza di fagioli nella vostra zuppa contadina vi farà diminuire il colesterolo LDL dell’8%. Miracolo? Non secondo i ricercatori della Arizona State University Polytechnic che hanno ribadito la ricchezza di fibre di questo legume povero, capace di rallentare la velocità di assorbimento del colesterolo nel nostro organismo.
 
6.
Il tè nero è capace di ridurre i lipidi nel sangue sino al 10% in sole tre settimane ma questa bevanda, come dimostrato dal dipartimento americano per l’agricoltura, è importante anche per la salvaguardia dalle malattie coronariche e ovviamente per la lotta contro gli antiossidanti. Forse il caffè ha i giorni contati…
 
Continua qui

 

giovedì 27 dicembre 2012

12 alimenti che fanno bene al cervello


"L'uomo è quello che mangia": ne era convinto il filosofo Ludwig Feuerbach, autore della celebre massima, e ne sono convinti anche oggi medici e nutrizionisti. Se è ormai nota la relazione tra un'alimentazione sbagliata e alcune malattie quali il tumore, il diabete o l'arteriosclerosi, è altrettanto vero che ci sono sostanze che hanno un impatto benefico sulle nostre cellule e sulla nostra salute.
Sapevate ad esempio che capperi, uva rossa e vino rosso, cipolla rossa, mirtilli e tè verde sono accomunati dalla quercetina, una sostanza che protegge le cellule dell'organismo? O che il vino rosso (soprattutto se Nebbiolo, Sangiovese, Merlot e Cabernet Sauvignon) contiene melatonina? Ne basta mezzo bicchiere al giorno per regolare il nostro orologio biologico.
Le proprietà benefiche dell'uva non finiscono qui: insieme alle arachidi e alle more, contiene resveratrolo, una sostanza che rallenta il decadimento fisico e mentale e ha proprietà antiossidanti.
L'avreste mai detto poi che 20 grammi di lenticchie o altri legumi al giorno potete allungare le vostre prospettive di vita di circa l'8%? O che 80 grammi di cipolla cruda consumati ogni giorno riducono il rischio di infarto di oltre il 20%, grazie all'effetto antitrombotico delle sostanze solforose contenute nel vegetale? L'alito ne risentirà, ma volete mettere l'importanza di un cuore in buona salute?
Insomma, molti alimenti nascondono dei segreti che è bene conoscere, quanto meno per tenere il più lontano possibile le malattie che potremmo facilmente evitare semplicemente modificando il nostro stile di vita e le nostre abitudini alimentari. Mangiare bene non è difficile: una valida regola per cominiciare è mangiare molta frutta e verdura
, senza paura di esagerare. 


Continua qui 

martedì 25 dicembre 2012

Nel prossimo futuro gli insetti saranno il cibo perfetto

Secondo gli esperti, cavallette, bruchi, formiche e conpagnia bella diventeranno il cibo "sostenibile" del futuro
Un’alternativa sostenibile alla carne sono gli insetti che, secondo uno studio, presto potrebbero invadere anche le tavole del mondo Occidentale, grazie anche al ridotto impatto ambientale e l’alto contenuto di proteine
L’idea di portare in tavola degli insetti non vi sconfinfera?
Be’, potreste tuttavia dovervene fare una ragione perché, secondo gli esperti, questi saranno il cibo del futuro – almeno per chi non è vegetariano.

Cavallette, formiche, larve e perfino vermi potrebbero condire i piatti della “nuova” cucina: un’esigenza dettata non solo dalla constatazione che questi animaletti sono ricchi di proteine e altre sostanze utili, ma anche da una occorrenza ecologica. Secondo un rapporto presentato dalla FAO già qualche anno, fa gli insetti possiedono una proporzione di proteine e grassi più elevata che non la carne di manzo o del pesce, e un elevato valore energetico. Per fare un esempio, in 100 grammi di bruchi essiccati troviamo circa 53 grammi di proteine; circa il 15% di grasso e il 17% di carboidrati. Il valore energetico di questo “pasto” si stima essere intorno alle 430 kilocalorie per 100 grammi di prodotto edibile.

Continua qui

sabato 22 dicembre 2012

Alimentazione corretta: vietato snobbare le banane mature

Quante volte puntando al cestino della frutta avete snobbato la frutta più matura? Tante, vero? Una consuetudine diffusa soprattutto nel caso delle banane. Quelle “tigrate” non sono un piacere per gli occhi e finiscono per non piacere neanche alla bocca.
E così si rischia di perdere importanti qualità rilevate da uno studio scientifico di un’equipe giapponese. La banana matura con macchie scure, infatti, produce una sostanza chiamata TNF (fattore di necrosi tumorale), che ha la capacità di combattere le cellule anomale nel corpo.
Più sono ampie le macchie scure sulla buccia – secondo questo studio -, più alta sarà la sostanza chiamata TNF. Le banane, inoltre, hanno anche la proprietà di prevenire il raffreddore e l’influenza: gli esperti suggeriscono di mangiarne almeno due al giorno per innalzare le difese immunitarie.

Fonte

venerdì 21 dicembre 2012

Come proteggere gli occhi dal freddo

Basse temperature, venti freddi, umido: l'inverno è una stagione delicata anche per la vista perché con l'abbassamento della temperatura la cornea diminuisce la sua capacità di reazione agli stimoli e reagisce allo stress dei cambiamenti climatici e agli agenti esterni. Paolo Vinciguerra, responsabile del servizio di oculistica presso l'Istituto Clinico Humanitas di Milano, ci spiega quali sono le principali conseguenze che il freddo può avere sugli occhi e come farvi fronte

a cura di IRMA D'ARIA

Continua qui

lunedì 17 dicembre 2012

Dalle verdure una cura per la leucemia

Un composto contenuto nelle verdure crucifere, come i broccoli, si è dimostrato in grado di uccidere le cellule tumorali della leucemia linfoblastica acuta
Un composto contenuto nelle verdure crucifere ha dimostrato di essere in grado di attaccare e uccidere le cellule tumorali della leucemia linfoblastica acuta, lasciando intatte quelle sane. Lo studio
Una possibile cura della leucemia linfoblastica acuta (LLA), una patologia che colpisce in prevalenza i soggetti giovani e i bambini, potrebbe arrivare dalle verdure.
Sono le crucifere, a cui appartengono i cavoli e i broccoli, a contenere un composto detto Sulforafano che si è dimostrato efficace nel ridurre il numero di cellule tumorali in uno studio condotto dai ricercatori del Baylor College of Medicine (BCM) di Houston in Texas, e pubblicato sull’ultimo numero di PLoS ONE.

Continua qui

giovedì 13 dicembre 2012

Natale, il menu 'verde' che fa anche bene alla salute

Ricette della Lav per il cenone dello chef Salvini - Lo speciale Natale

Un menu di Natale sostenibile per gli animali e l’ambiente e a vantaggio della salute: è quanto propone la LAV, la Lega Antivivisezione, su www.cambiamenu.it in collaborazione con lo chef Simone Salvini.

L’avocado con il suo pesto

Spaghettoni al ragù di seitan

Frittelle di ceci con mele speziate e confettura di patate americane

Tortino di cioccolato e tofu vellutato con frutti di bosco e purea di mele

 

Il menu 'verde' della Lav e' ''un invito pensare ai nostri pranzi e alle nostre cene in modo davvero responsabile, anche durante le Feste'', dichiara Paola Segurini, responsabile vegetarismo LAV. "Una scelta a tutto beneficio della salute del Pianeta, , e degli animali che avremo contribuito a non uccidere”. Ogni anno, infatti, nei piatti degli italiani finiscono milioni di agnelli e capretti: più di 5,5 milioni gli animali macellati nel 2011, il 30,5% dei quali nel mese di dicembre. L’88,2% di quelli macellati a dicembre 2011 erano agnelli, a conferma del triste primato del consumo di carne di questi piccoli animali nel periodo natalizio (elaborazione LAV su dati Istat).
"Legumi, cereali, frutta e verdura di stagione sono la ricetta giusta per ogni festa e per tutte le tasche, ma anche una cura preventiva per la nostra salute e una scelta empatica con il Pianeta che ci ospita", aggiunge la Lav.


Continua qui

mercoledì 12 dicembre 2012

Non più zucchero, solo Malto

Salve amici di guerrilla gardening, oggi voglio parlarvi di un metodo più sano per addolcire che non sia lo zucchero: da tempo l’ho abbandonato per passare a quello di canna, ma da un po’ ho scoperto un prodotto ancora migliore… il Malto.
Certamente molti di voi ne hanno sentito parlare, altri l’avranno provato, magari qualcuno ancora non lo conosce.

Malto di riso
Il malto è u'ottima alternativa sana e naturale allo zucchero raffinato, consigliato nella dieta di bambini e diabetici.

Bene, per chi ancora non sapesse di cosa stiamo parlando e per gli amici di guerrilla gardening, voglio aprire questa parentesi e iniziare una serie di articoli per la divulgazione di nuove informazioni sugli alimenti, poiché essi sono in grado di portare grandi benefici in noi.
Intendiamoci i miei consigli sono frutto delle mie esperienze e di pareri di esperti in nutrizione che ho raccolto nel tempo, non sono certo del tutto farina del mio sacco: perciò vi guiderò come un’amica che dà consigli ”provati sulla sua pelle”.
Quando la mia dietologa mi ha consigliato di eliminare dalla dieta lo zucchero, mi sono sentita smarrita, ho pensato: <<Gia’ che la vita e’ tanto amara, togliamo anche lo zucchero!>>
Non immaginavo che ci fossero dolcificanti naturali, più sani e più buoni, in grado di dare dolcezza alla vita senza arrecare danno alla salute.
I dolcificanti naturali  sono un concentrato di zuccheri complessi che vengono assimilati lentamente dall’organismo, quindi forniscono un’energia costante e continua, mantengono il tasso glicemico pressoché uniforme, non impoveriscono il corpo di sali minerali, non obbligano gli organi interni ad un superlavoro , non generano depressione e stanchezza.

Continua qui

martedì 11 dicembre 2012

Il segreto per una linea invidiabile è nei grassi

Una ricerca pubblicata sul prestigioso British Medical Journal dimostra che agire sui grassi alimentari è il modo migliore per perdere peso, senza sottoporsi a diete dimagranti. E le conquiste possono durare anche sette o più anni.
Come perdere peso o restare in linea senza seguire forzate diete dimagranti, improbabili diete da Star o chissà che altro?
Secondo una ricerca appena pubblicata sul BMJ, il British Medical Journal, per perdere peso in modo facile e duraturo basta agire oculatamente sull’apporto di grassi nella propria dieta.

Trovare alternative ai grassi è anche un modo per ridurre i livelli di colesterolo nel sangue e limitare i rischi di sviluppare malattie dell’apparato cardiovascolare causate anche dall’eccesso di peso, ricordano gli esperti. Ma perdere peso e mantenersi in linea è non solo una questione di salute fisica ma altresì psicologica, perché anche l’occhio vuole la sua parte. E vedersi e sentirsi bene nel proprio corpo è altrettanto importante.

Continua qui

Erbe officinali: il mirtillo e il ribes

Il video

Speciale Natale all’insegna di benessere, bellezza, fitness, sfiziosità…

Tutte le novità dal mondo del benessere, e non solo, da regalare o farsi regalare questo Natale
Siete in preda alla solita crisi pre-natalizia per la scelta dei regali? Niente paura. Ci pensiamo noi a suggerirvi tutto ciò che propongono le aziende del settore benessere, bellezza, fitness e non solo.
E’ indubbio che il regalo utile è sempre quello più apprezzato e quando si tratta di salute, non possiamo di certo sbagliare.
Le proposte sono davvero moltissime, dalle SPA che propongono qualche ora all’insegna del relax più completo, agli hotel che in una settimana promettono di rigenerare mente e corpo.
Che dire, invece, di attrezzature fitness, apparecchi salutistici o abbigliamento realizzato in fibre naturali?
La varietà dei prodotti non manca di certo, ora tocca a voi fare la parte più importante: scegliere.

Continua qui

sabato 8 dicembre 2012

Sesso, l'amore non deve superare i 13 minuti

Una ricerca americana ha fatto cadere il mito della durata.

Altro che maratone tantriche: il sesso migliore è quello che dura al massimo 13 minuti.
A stabilire il tempo perfetto del rapporto, e a far cadere il mito dei bagnini o dei rocchisiffredi, ci ha pensato una ricerca americana.
Sotto le lenzuola, preliminari esclusi, per raggiungere il piacere servono circa 10 minuti, ma comunque mai oltre i 13.
RISCHIO NOIA. Pare, infatti, che dopo quel lasso di tempo la soglia dell'attenzione tenda a diminuire facendo perdere interesse nei confronti del proprio partner e di quanto sta accadendo. Si esce dalla poesia e si entra nel campo minato della fatica e della noia.
Secondo i ricercatori nell'arco ideale dei 10 minuti gli amanti riescono a mantenere una soglia d'attenzione altissima. In questa fase, la concentrazione è massima. La coppia pensa solo a quello.
Poi allo scoccare del decimo, più recupero di 3', crolla la concentrazione. Resta difficilissimo prolungare gli stessi livelli di prestazione.
Che si debba dunque arrivare a fare l'amore col cronometro alla mano?
STING LO FECE PER NOVE ORE. Questo ancora non è dato a sapersi. Stando agli scienziati due minuti sono troppo pochi. La situazione migliora fra i tre e i sette. Ma l'equilibrio si raggiunge solo fra i sette e i 13.

Continua qui

giovedì 6 dicembre 2012

La cioccolata meglio del Viagra: Arrivano le sex-pills

Il Viagra innalza lo stimolo sessuale, ma la cioccolata puo' farlo ancora di piu'. La dottoressa Dora Akunyli, direttrice dell'Agenzia Federale per il Cibo e la Medicina della Nigeria, ha consigliato al popolo nigeriano di dimenticare quelle piccole, libido-stimolanti pillole blu in favore di una misurata dose di cacao. Per sostenere la sua tesi - esposta durante un meeting con il vice governatore di uno degli stati della Nigeria - la dottoressa ha citato uno studio pubblicato di recente che esalta le libidinose qualita' dei semi di cacao.

Il report, prodotto dal comitato nazionale della Nigeria per lo sviluppo del cacao, puo' essere si' uno scampolo striminzito di piu' ampi test scientifici, ma fa riferimento anche ad una campagna di marketing lanciata da un'associazione commerciale britannica che sostiene le medesime proprieta' ''magiche'' racchiuse in quel gustosissimo alimento che diventa poi il cioccolato. Battezzata ''Alimenta la tua immaginazione'', la campagna lancera' a breve una linea di prodotti di sei barrette energetiche al cioccolato, contenenti - ed ora viene il bello - olii essenziali che si dice innalzino l'umore e specialmente l'appetito sessuale.

Continua qui

martedì 4 dicembre 2012

Problemi di erezione? Potrebbero essere le gengive

Secondo un recente studio, gli uomini affetti da disturbi gengivali hanno tre volte di più probabilità di incorrere in problemi di erezione

Possibile che un problema di salute orale possa influire sulla salute dell’apparato genitale? Secondo i ricercatori dell’Università di Inonu a Malatya, in Turchia, sì. Gli autori dello studio, pubblicato sul Journal of Sexual Medicine, ritengono infatti che gli uomini con problemi alle gengive (o parodontali) abbiano tre volte più probabilità di altri di soffrire di problemi d’erezione.

Per supportare la propria tesi, i ricercatori hanno reclutato 80 soggetti maschili di età compresa tra i 30 e i 40 anni, sofferenti di disfunzione erettile e altri 82 soggetti senza problemi di erezione.
Le analisi poi condotte per stabilire se e come tutti i partecipanti avessero le gengive infiammate hanno permesso di trovare una correlazione tra lo stato di salute orale e la disfunzione erettile.
I dati raccolti hanno mostrato che il 53% degli uomini con disfunzione erettile avevano le gengive infiammate, contro il 23% del gruppo di controllo senza problemi di erezione.

Continua qui

domenica 2 dicembre 2012

Donne e cuore: seimila passi fanno la differenza in salute

Compiere 6.000 passi al giorno può garantire una vita sana alle donne e riduce in modo significativo il rischio di diabete e malattie cardiovascolari. Lo studio


Camminare fa bene alla salute di tutti, ma un nuovo studio ha messo in evidenza come sia benefico in particolare per le donne
Compiere 6.000 passi al giorno può garantire una vita sana alle donne e riduce in modo significativo il rischio di diabete e malattie cardiovascolari. Lo studio
C’è un’attività fisica semplice, che non richiede grandi sforzi o fatica, che tuttavia può fare una gran differenza nel mantenere la salute e proteggersi dal rischio di malattie come il diabete o quelle dell’apparato cardiovascolare: è la passeggiata. Fa bene a tutti, grandi e piccini, uomini e donne.
Per le donne in particolare, poi, un nuovo studio suggerisce che per mantenersi in forma, in salute e garantirsi una vecchiaia serena bisognerebbe compiere almeno 6.000 passi al giorno.

Ma è una ricerca brasiliana pubblicata sulla rivista scientifica Menopause ad aver messo in evidenza come il camminare regolarmente ogni giorno, raggiungendo un certo totale di passi possa essere assai benefico per le donne. Lo studio ha visto il coinvolgimento di 292 donne di età compresa tra i 45 e i 72 anni, che sono state dotate di un contapassi, al fine di monitorare l’attività fisica in generale e quanti passi compivano ogni giorno.

In base a un parametro stabilito, le donne che compivano 6.000 o più passi al giorno erano considerate come “attive”. Coloro che invece compivano meno passi o erano comunque più sedentarie erano considerate “inattive”.
Prima e durante i periodo di follow-up, o durata dello studio, le partecipanti sono state sottoposte a una serie di esami clinici per accertare e misurare i livelli di zuccheri nel sangue e i livelli di colesterolo. Sono anche stati misurati il girovita e anca – il tutto al fine di valutare il possibile rischio per il diabete e le malattie cardiovascolari.

Continua qui

Dona la vita, con “Un panettone per la vita 2012”


L’iniziativa che si tiene questo weekend nelle piazze italiane è promossa dall’ADMO, l’Associazione Donatori Midollo Osseo, e si prefigge di confermare che gli italiani sono un popolo di donatori. E lo fa nel modo più dolce, offrendo panettoni e pandori racchiusi in eleganti confezioni – con il messaggio “un dono che ti dona” – e la possibilità di chiarire dubbi e ricevere tutte le informazioni necessarie per diventare donatori di midollo osseo

Continua qui