In arrivo Brasile 2014. Per seguire le partite però non sgarriamo con la dieta. Direttamente dai Masterchef arriva il menù dei Mondiali

Per seguire al meglio le partire dei Mondiali di Calcio non c’è bisogno di tralasciare la buona tavola, ma soprattutto non bisogna lasciarsi tentare dai cibi spazzatura. Con i consigli degli chef stellati e i foodblogger possiamo preparare piatti facili da cucinare, leggeri e sani

Durante i Mondiali di calcio non dimentichiamo che possiamo mangiare comunque sano e gustoso: in questo modo possiamo vincere la partita della salute. Foto: ©photoxpress.com/.shock
Il conto alla rovescia è iniziato. Mancano ormai pochi giorni all’inizio dei Mondiali di Calcio, un evento che si ripete ogni 4 anni e capace di catalizzare l’attenzione di tifosi occasionali e non. Tutti davanti alla Tv per tifare gli Azzurri. Ma, attenzione, per non perdersi nemmeno un minuto della nazionale di Prandelli, in fatto di alimentazione si può rischiare di “andare nel pallone”.

Niente paura. Le emozioni serbiamole per le partite; la fame che invece può venire nell’attesa dell’evento – magari a tarda ora – plachiamola al meglio con i consigli di Chef e Foodblogger
Cosa dunque preparare da mangiare durante o, nel caso la Nazionale giochi a tarda ora, prima delle partite? Gli esperti consigliano piatti facili sia da preparare sia da gustare, sani, fruibili al momento, come insalate di riso, insalate greche e stuzzichini a base di pesce e verdure. Ben 7 esperti su 10, per seguire gli Azzurri senza rinunciare al gusto, consigliano di rivivere i sapori della “buona tavola Made in Italy” all’insegna dello stare insieme.
Per fare il tifo alla Nazionale, ma anche per seguire tutte le altre gare dei Mondiali brasiliani, non possono mancare prodotti Made in Italy (54%), principalmente verdure e ortaggi (53%), ingredienti principali di piatti che non richiedono una preparazione superiore ai 15 minuti (61%) e che siano emblema di gusto (44%) e leggerezza (22%).

Continua qui

Commenti