sabato 31 maggio 2014

I rimedi naturali contro le cicatrici e la crema da preparare in casa per eliminare i segni

Tutti i consigli per prendersi cura delle ferite e delle cicatrici in maniera del tutto naturale e la ricetta per preparare in casa una crema per eliminare gli antiestetici segni. 

 

QUALI SONO I RIMEDI NATURALI CONTRO LE CICATRICI – Ecco quindi alcuni consigli utili per prendersi cura delle ferite, accelerare il processo di cicatrizzazione e levigare i segni in maniera del tutto naturale.
COME CURARE LE CICATRICI CON GLI OLI ESSENZIALI - Tra tutti i rimedi naturali per la cura delle cicatrici, l’olio di mosqueta è senza dubbio uno dei più efficaci. È ricco di vitamina E e potete acquistarlo in erboristeria. Per favorire la rigenerazione cellulare basta applicarne qualche goccia sulle ferite massaggiando con delicatezza;
  • L’olio essenziale di lavanda ha invece un effetto calmante e disinfettante. Meglio ancora se diluito in un olio vegetale di base come quello di mandorle dolci. È sufficiente applicarne una piccola quantità sulle cicatrici per favorirne la scomparsa;
  • L’olio di germe di grano è invece ricco di vitamina E, fondamentale per favorire i processi di rigenerazione cellulare. Può essere acquistato in erboristeria o nei negozi in cui si vendono prodotti naturali: l’importante è che sia biologico e senza conservanti. In alternativa potete fare una buona scorta di vitamina E attraverso l’alimentazione. La trovate soprattutto in germe di grano, mandorle dolci, olio extravergine d’oliva, noci e avocado.
COME PREPARARE IN CASA UNA CREMA PER ATTENUARE I SEGNI - In alternativa a questi rimedi potete provare a preparare in casa con ingredienti naturali una crema per cicatrici e ferite in grado di attenuare e levigare gli antiestetici segni. Ecco come si realizza:
OCCORRENTE:
  • Cera d’api biologica
  • Olio di germe di grano
  • Propoli in soluzione idroalcolica
  • Alcuni vasetti di vetro
  • Olio d’oliva
  • Olio essenziale di miele o lavanda
Continua qui

 

venerdì 30 maggio 2014

Lancet: "Il 30% della popolazione mondiale è obesa, anche nei paesi emergenti"

Il problema coinvolge 2 miliardi di persone. Una realtà che si aggrava dove c'è crisi economica e con la diffusione del junk food. Dati preoccupanti riguardano i bambini e gli adolescenti

Limitata inizialmente ai paesi industrializzati, la condizione di obesità riguarda ormai anche e soprattutto i paesi emergenti. Secondo un ultimo studio (Global burden of disease) pubblicato sulla rivista medica britannica The Lancet l'obesità tocca ben 2,1 miliardi di persone, vale a dire il 30% della popolazione mondiale, di cui il 62% nei paesi in via di sviluppo.

"L'obesità è un problema che tocca tutto il mondo, indipendentemente dall'età, dal luogo o dal reddito", ha detto Christopher Murray, direttore dell'Istituto di controllo sulla salute dell'università di Washington, che ha condotto la ricerca su 188 paesi. Murray ha aggiunto che c'è un forte legame tra il reddito e l'obesità: nei Paesi in via di sviluppo, quando le persone diventano più ricche tendono a ingrassare. In molti Paesi ricchi invece, come gli Stati Uniti e il Regno Unito, il trend è invertito, anche se di poco. Gli scienziati hanno verificato inoltre che quando aumenta l'obesità si riscontrano picchi di diabete, e che crescono anche i tassi di tumori legati al peso, come il cancro del pancreas.


Continua qui 

giovedì 29 maggio 2014

Prova costume: superala con i cibi brucia-grassi

Prova costume: superala con i cibi brucia-grassi

La prova costume è alle porte. Per chi negli ultimi mesi non è riuscita a metter piede in palestra, o a rinunciare agli stravizi alimentari, il solo pensiero di dover tirare fuori tra qualche settimana bikini e shorts può scatenare vere e proprie crisi di panico. Ma tranquille, il dado non è ancora tratto, ossia c’è ancora modo per correre ai ripari.

Un’alimentazione sana e povera di grassi, unita ad una regolare attività fisica, rappresenta il binomio vincente per conquistare una perfetta forma fisica. Quando il tempo è poco per perdere peso è però necessario aiutarsi prediligendo i cosiddetti cibi brucia-grassi, ovvero degli alimenti che velocizzano il metabolismo e ci fanno raggiungere in fretta il senso di sazietà, senza farci eccedere con le calorie. Non ci rimane che scoprire quali sono questi alimenti brucia-grassi. Le verdure crude e l’insalata sono allo stesso modo salutari, privi di grassi, a ridottissimo apporto calorico, e ci aiutano a farci sentire subito sazi.

Continua qui

Wikipedia contiene errori nel 90% delle voci che parlano di salute

Esperti Usa, affidarsi al proprio medico no all' enciclopedia

Il 90% delle voci di Wikipedia riguardanti temi di salute contiene errori, imprecisioni che inevitabilmente sono prese per buone dai lettori dell'enciclopedia online in cerca di consigli sulla propria salute.

E' il dato emerso da studio Usa pubblicato sul Journal of the American Osteopathic Association e riportato online su BBC Health. L'enciclopedia 'di tutti' è un grosso successo della rete: contiene 30 milioni di voci in 285 lingue, e gli esperti calcolano che fino al 70% dei medici e degli studenti di medicina la utilizzino.

Continua qui

mercoledì 28 maggio 2014

La dieta vegetariana può ridurre il rischio di malattie cardiache del 10 per cento

Un tipo di dieta come quella vegana, che escluda anche le proteine animali, secondo uno studio sarebbe in grado di ridurre il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari: è la cosiddetta dieta Eco-Atkins, già trovata essere utile per perdere peso


La dieta vegana pare possa ridurre del 10 per cento il rischio di malattie cardiovascolari. Foto: ©photoxpress.com/Piotr Przeszlo
Della cosiddetta dieta “Eco-Atkins” se n’era già occupato tempo fa uno studio pubblicato su Archives of Internal Medicine, una rivista del gruppo Journal of American Medical Association (JAMA). In questo studio, condotto dal dott. David Jenkins del St. Michael’s Hospital di Toronto, si era trovato che una dieta vegana a basso contenuto di carboidrati era efficace nel promuovere la perdita di peso. Ora, nel nuovo studio, sempre condotto da Jenkins e colleghi – e pubblicato sul BMJ – si è scoperto che questa stessa dieta può anche ridurre il rischio di malattie cardiache del 10% in dieci anni.

Continua qui

martedì 27 maggio 2014

Giornata Mondiale della Sclerosi Multipla: molto si è fatto, molto possiamo fare

Si celebra domani, 28 maggio, la Giornata Mondiale della Sclerosi Multipla (SM), in questa occasione, la Società Italiana di Neurologia (SIN) sottolinea i risultati della ricerca scientifica e i passi avanti compiuti nella cura. Molte le iniziative, tra cui “Ospedali a Porte Aperte” e i braccialetti di PAM e Panorama per il sostegno di AISM


Domani, 28 maggio 2014, si celebra la Giornata Mondiale della Sclerosi Multipla (SM). Per l’occasione, la Società Italiana di Neurologia (SIN) ci tiene a sottolineare gli importanti progressi terapeutici raggiunti negli ultimi anni dalla ricerca scientifica, che permettono oggi trattamenti personalizzati per i pazienti affetti da SM.

A soffrirne sono molte persone: a oggi, si stima che la SM colpisca circa 2,5 milioni di persone al mondo, di cui 600.000 in Europa e circa 70.000 soltanto in Italia.

La Sclerosi multipla è una malattia infiammatoria del sistema nervoso centrale. In genere, insorge tra i 20 e 40 anni, con una frequenza due volte superiore nelle donne. Si caratterizza per essere una patologia neurodegenerativa, cronica e spesso progressiva. A esserne colpito è sistema nervoso centrale, a cui causa tutta una serie di lesioni. Quanto alle cause determinanti, purtroppo non sono ancora state comprese del tutto. Nonostante ciò, gli esperti concordano sul fatto che sia una patologia di carattere autoimmune i cui fattori di rischio sono legati a fattori genetici, ambientali e al genere sessuale di appartenenza.

Continua qui

lunedì 26 maggio 2014

Combatti la cellulite con gli sport acquatici

Qual è lo sport acquatico più adatto per combattere i cuscinetti adiposi? Ne parliamo con Paola Gerali, figura di spicco del mondo dell’acquafitness italiano, che ci illustra le diverse discipline e ci anticipa le novità in arrivo a Rimini Wellness


Con i campionati d'Europa a Berlino e i Masters a Montreal nel mese di agosto, il nuoto è uno degli sport protagonisti del 2014. Proprio in questo periodo dell’anno, poi, molti si iscrivono in piscina per recuperare la forma fisica e combattere la cellulite. Ma qual è lo sport acquatico più adatto per combattere i cuscinetti adiposi? Il nuoto libero va bene? E a parte l’acquagym, ci sono altre attività? Ce lo spiega Paola Gerali, una delle figure di spicco del mondo dell’acquafitness italiano e vice-presidente dell’associazione Acquatime, che ci anticipa anche alcune delle nuove discipline acquatiche che saranno presentate nella prossima edizione di Rimini Wellness (30 maggio-2 giugno 2014).


Continua qui

domenica 25 maggio 2014

Il vero e il falso su cellulite, non scompare ma si trasforma

Al meeting per farmacisti di Cosmetica Italia

La cellulite non va mai via, neanche quando gli ormoni estrogeni, ritenuti i principali responsabili della ritenzione idrica femminile, calano la loro attività per l'arrivo della menopausa. Piuttosto si trasforma e può farsi sentire provocando dolore al tatto, se non è stata ridotta negli anni precedenti. Trattamenti estetici, massaggi, creme 'adipocinetiche' e al sale, oltre allo sport fra le strategie più efficaci per tenerla a bada. Del 'vero e il falso' sulla pelle a buccia di arancia ne hanno discusso ricercatori e farmacisti in occasione del meeting dedicato ai più comuni disturbi estetici del corpo, organizzato dal Gruppo Cosmetici in farmacia di Cosmetica Italia, associazione nazionale delle imprese cosmetiche e svolto in occasione del Cosmofarma, fiera del mondo delle farmacie in corso alla fiera di Bologna. Ha spiegato Leonardo Celleno, dermatologo dell'Università Cattolica e responsabile dermatologia al Complesso integrato Columbus: "Invecchiando i tessuti non ricevono più l'apporto degli ormoni estrogeni e tendono a indurirsi e quella che in gioventù era una cellulite morbida diventa un pannicolo più duro, il difetto si consolida virando verso la patologia fibrotica che può anche spesso dare dolore al tatto, per questo non andrebbe trascurata da giovani"

Continua qui

sabato 24 maggio 2014

Come dimagrire le gambe in modo naturale

Ognuno di noi ha i suoi punti dove accumula facilmente grasso. Per le donne tale punto coincide spesso con le cosce e, poiché esse sono simbolo di bellezza e seduzione, in questo articolo vi daremo alcuni consigli utili per come dimagrire le gambe in modo naturale.

Purtroppo, non esistendo un modo per dimagrire una parte specifica del corpo, i piccoli suggerimenti nutrizionali, che state per leggere in questo articolo, uniti a qualche esercizio fisico vi permetteranno di avere una riduzione generale del peso corporeo e quindi anche un dimagrimento delle gambe.



Per quanto riguarda il piano alimentare è opportuno che sia vario e soprattutto a base di frutta e ortaggi che sono alimenti ricchi d’acqua, vitamine e minerali. Inoltre, per drenare il corpo dai liquidi in eccesso è importante bere tè verde, succhi di frutta (ancora meglio se fatti artigianalmente da frutta fresca), tisane di tarassaco o ficus e i due litri d’acqua giornalieri.

Alimenti utili come dimagrire le gambe

sono i cereali integrali, frutta secca o qualsiasi alimento contenente fibre di calcio, indispensabili per diminuire l’assorbimento di grassi nell’intestino favorendone l’eliminazione cutanea.

Continua qui 

Pancia piatta? Trucchi e consigli per dimagrire in maniera mirata

 

venerdì 23 maggio 2014

Ingredienti principali per creare i cosmetici naturali

Abbiamo visto gli strumenti base per lo spignatto, adesso vediamo quali sono gli ingredienti principali per creare i cosmetici naturali.
Ecco quali sono :
  • Oli e burri: si suddividono in tre categorie a seconda della loro densità (per comodità vi scriverò quelli più facilmente reperibili):
o   Leggerissimi e leggeri: jojoba, argan, mandorle dolci, oliva, cocco, burro di cacao, burro di karitè.
o   Medi: di riso, canapa, girasole, neem, soia, vinaccioli, burro di cocco
o   Pesanti: lino, tocoferolo, ricino.


Ingredienti principali per creare i cosmetici naturali

In generale consiglio un olio per ogni gruppo (per es. mandorle dolci, girasole, tocoferolo) e il burro di cacao e karitè che sono quelli più utilizzati.
  • Conservante: è fondamentale per poter mantenere i nostri prodotti in buono stato, senza la proliferazione di muffe e batteri. Non confondere con l’antiossidante che serve a evitare l’irrancidimento degli oli ma non efficace in prodotti a base acquosa! Fra i migliori conservanti c’è il Cosgard che si trova online, Antiranz è invece un tipo di antiossidante.
  • Acqua distillata: quella normalmente utilizzata per il ferro da stiro, si trova in qualsiasi supermercato e costa davvero pochissimo! Quando nelle ricette leggete che serve l’acqua è sottinteso che è l’acqua demineralizzata o al massimo l’acqua del rubinetto portata ad ebollizione.
  • Addensante: fondamentale per addensare le nostre creme che altrimenti risulterebbero liquide! La gomma xatana e il carbomer sono due tipi di addensanti.
Continua qui

giovedì 22 maggio 2014

Ragazzi a scuola di consumi corretti

“Un giro al mercato” per conoscere gli alimenti e le loro proprietà nutrizionali
Bologna
In Italia un bambino su tre è sovrappeso o obeso (fonte Okkio alla Salute, Ministero della Salute) con punte più allarmanti nelle regioni del centro e del sud.

Nella provincia di Bologna le percentuali scendono a un bambino su quattro, un dato appena più rassicurante della media nazionale, ma che non permette di abbassare la guardia.

La conoscenza degli alimenti, delle loro caratteristiche e proprietà della loro salubrità e delle esigenze nutrizionali dell’organismo di un adolescente in crescita sono il tema del percorso ludico-sensoriale “Vegetabilia 2014 fatti un giro al mercato”, organizzata da Azienda USL di Bologna, Caab e Fedagromercati Bologna, in cui si cimenteranno 800 studenti delle scuole medie di Bologna e provincia al Caab (il Centro Agroalimentare bolognese) guidati da professionisti dell’Azienda Usl di Bologna, i ragazzi impareranno inoltre quanto gli alimenti che consumiamo incidono sul consumo di acqua, di suolo, di petrolio, e in termini di emissioni di CO2.

Continua qui

mercoledì 21 maggio 2014

Settimana mondiale della tiroide

Più di 300 milioni di persone nel mondo soffrono di disturbi della tiroide. In Italia ne soffre una persona su 5. I disturbi della tiroide sono otto volte più frequenti nelle donne che negli uomini e si manifestano in un’età più precoce concentrandosi in alcuni momenti della vita come la pubertà, la gravidanza e la menopausa. Ecco perché, per le donne, è ancora più importante riconoscere i segnali e i sintomi tipici di una tiroide mal funzionante in modo da poter evitare una serie di conseguenze potenzialmente gravi o addirittura pericolose, come per esempio le malattie cardiache. In occasione della Settimana mondiale della tiroide, che si celebra dal 19 al 25 maggio, facciamo il punto con gli esperti delle società scientifiche che ci spiegano come funziona la tiroide e quali sono le fasi della vita di una donna più a rischio.

Continua qui

martedì 20 maggio 2014

Perdonare è bene… e fa bene

Uno studio della Università di St. Andrews in Scozia mostra che perdonare e dimenticare ha effetti significativi sia su chi perdona che su chi è perdonato. Per comprendere il valore del perdono, martedì 20 maggio 2014, ore 20,30 a Nichelino (To) ci sarà l’occasione di incontrare Lama Khemsar Rinpoche, che ritorna a Torino dopo il grande successo riscosso a “Torino Spiritualità” e “Nichelino Spiritualità” del settembre scorso.

Continua qui

lunedì 19 maggio 2014

Cibus: frutta e verdura contro i tumori del tratto digerente

Olio d'oliva combatte neoplasie a mammella, intestino e colon


(ANSA) - ROMA, 6 MAG - Dal 20 al 40% dei tumori del tratto digerente in Italia sono attribuibili al basso consumo di frutta e verdura. Considerazioni che arrivano dal Cibus, il Salone Internazionale dell'alimentazione in corso a Parma, da Carlo La Vecchia, Capo del Dipartimento di Epidemiologia dell'Istituto di Ricerche Farmacologiche 'Mario Negri' di Milano, in base a ricerche condotte tra il 1992 e il 2012. "Contro la maggior parte delle neoplasie sarebbe opportuno aumentare anche di una sola porzione al giorno la frutta e la verdura, diminuirebbe il rischio della metà, portando la percentuale al 10-20%". La frutta, sottolinea La Vecchia, è utile a combattere i tumori a stomaco, esofago e laringe: in particolare gli agrumi sono ottimi per proteggere il cavo orale, le mele per esofago, colon retto e laringe. I pomodori, secondo alimento per commercio globale dopo il grano, contribuiscono a ridurre il rischio di cancro del tratto digerente.

Continua qui

sabato 17 maggio 2014

Consigli e rimedi per le occhiaie

rimedi per le occhiaie2 Consigli e rimedi per le occhiaie

Che svegliandoci al mattino, e rivolgendoci allo specchio, il nostro sguardo non sia proprio al top, ci può anche stare. Occhi gonfi e stanchi sono certamente una condizione normale per un corpo che si riprende da ore e ore di sonno e di torpore.
Che le occhiaie ci accompagnino per il resto della giornata, invece, può essere una cosa davvero fastidiosa e, se se ne soffre spesso, non fa di certo piacere.

A tal proposito, approfondiremo in questo articolo la summenzionata questione, sveleremo alcune dritte e rimedi per le occhiaie e vi diremo come perfezionare il sorriso liberandovi finalmente di un ospite sgradito e senz’altro inatteso.
Detto ciò, continuate a leggere quanto segue e cominciate sin da ora a prendere appunti: il vostro sguardo non sarà più quello di un tempo!

Continua qui

venerdì 16 maggio 2014

Il riso fa buon sangue, ma anche “buona mente”

Una risata come scelta di vita per un pieno di benessere

L’invito di Assomensana a ridere per rivitalizzare la mente. Sorridere, ridere, soprattutto di se stessi e della vita fa bene. Migliora non solo l’umore ma riduce anche lo stress, e in più sveglia la mente. I suggerimenti degli esperti per godersi la vita

Ne abbiamo parlato recentemente in un articolo: ridere fa bene alla memoria. E sull’onda di questa bella notizia si sono mobilitati anche gli esperti di Assomensana che, riprendendo lo studio, hanno preparato 10 suggerimenti per sfruttare al meglio il potere tutto positivo del sorridere e ridere.

Se come ritiene la tradizione popolare ridere fa buon sangue, e dunque anche vero che ridere fa “buona mente”. Non solo: ridere riduce in modo significativo i livelli di cortisolo, l’ormone dello stress. E meno stress, uguale più serenità e benessere.
«Gli autori della ricerca sono partiti dal presupposto che il cortisolo, l’ormone dello stress, a una certa età può danneggiare l’apprendimento e la memoria», spiega il professor Giuseppe Alfredo Iannoccari, presidente di Assomensana, l’Associazione non profit che si occupa di anti-aging dell’intelletto.

Continua qui

giovedì 15 maggio 2014

La menopausa precoce aumenta il rischio di insufficienza cardiaca

Le donne che vanno in menopausa tra i 40 e i 45 anni hanno un tasso più elevato di scompenso cardiaco, specie se fumatrici o ex fumatrici. Lo studio

Un nuovo studio pubblicato su Menopause, la rivista della North American Menopause Society (NAMS), le donne che vanno in menopausa precoce – tra i 40 e i 45 anni – hanno un tasso più elevato di casi di scompenso cardiaco, o insufficienza cardiaca. Se poi la donna, in passato o allo stato attuale fuma, il tasso d’incidenza sale ancora di più.

Continua qui

mercoledì 14 maggio 2014

Tumore al cervello: uno studio pone nuovi dubbi sulla sicurezza dei cellulari

Le microonde e il rischio tumori al cervello

Scienziati francesi pubblicano i risultati di un nuovo studio sulla sicurezza dei telefonini, evidenziando che con il loro uso si è da due a tre volte a rischio di sviluppare alcuni tipi di tumori al cervello.



Un nuovo studio suggerisce che l'uso frequente del cellulare aumenta il rischio di tumore al cervello. Foto: ©photoxpress.com/Olga Ekaterincheva

I telefoni cellulari sono pericolosi sì o no? La domanda, da molti anni ormai è in pratica senza risposta, dato che gli studi condotti sino a oggi hanno ottenuto risultati controversi. Alcuni suggeriscono che l’utilizzo, specie se assiduo, può esporre al rischio di cancro; altri gettano acqua sul fuoco affermando che il rischio non sussiste.
Ma, permetteteci un dubbio: trattandosi di microonde, con un elevato grado di penetrazione, mettendole direttamente a contatto (o nelle vicinanze) della testa è possibile che queste non possano andare a modificare qualcosa? E l’elettromagnetismo? Il corpo umano, si sa, è una sorta di circuito elettrico (specie il cervello) per cui un apparecchio che sfrutta questa tecnologia non ha un impatto sull’organismo?

Continua qui

martedì 13 maggio 2014

Tumori: il fumo è il primo fattore di rischio per il cancro alla vescica

fumare

Il fumo e’ il primo fattore di rischio per il cancro alla vescica, aumenta di ben il 66% le possibilita’ di incorrere in questa neoplasia nell’uomo e del 33% nella donna ” fino a moltiplicare di 4-5 volte la possibilita’ di sviluppare la malattia rispetto a un non-fumatore”, spiega Vincenzo Mirone, ordinario di urologia dell’Universita’ Federico II di Napoli tra i relatori oggi a Roma della conferenza stampa della Societa’ italiana di urologia per fare il punto sulla patologia. “A questo fattore di rischio – prosegue Mirone – si aggiungono l’esposizione ad alcuni agenti tossici: anilina e ammine aromatiche (benzidina, 2-naftilammina) presenti nei coloranti e nelle vernici, l’assunzione di analgesici in particolare la fenacetina che aumenta il rischio di tossicita’ (meglio usare il paracetamolo) e l’eccesso di caffe’, quest’ultimo considerato pero’ come fattore di rischio potenziale”. “Oggi e’ possibile migliore il trattamento in fase iniziale del tumore della vescica – continua Mirone – grazie anche a strumenti diagnostici sempre piu’ precisi.

Continua qui

lunedì 12 maggio 2014

Una molecola contenuta nella salsa di soia può curare l’HIV (Aids)

Virologi statunitensi trovano nella salsa di soia giapponese una molecola capace di bloccare la diffusione del virus HIV, che causa l’AIDS. Questa sostanza è risultata 70 volte più potente nel combattere il virus che non il più noto farmaco utilizzato a oggi per il trattamento, e a cui il virus diviene resistente.

Un componente la salsa di soia è stato trovato essere 70 volte più potente che un noto farmaco contro il virus dell'HIV. Photo Credit: MOs810, Wikimedia Commons

Il virus dell’HIV – che è anche causa dell’AIDS – si può comportare come alcuni batteri, divenendo resistente ai farmaci che dovrebbero debellarlo. Questo, secondo gli scienziati, è il prezzo del successo quando si tratta di curare l’HIV.

La resistenza è una grande, serio problema. Come per i batteri che resistono agli antibiotici, i virus che divengono resistenti ai farmaci rendono impossibile curare la malattia, portando, nella gran parte dei casi, i pazienti alla morte.
E’ il caso dei trattamenti con il Tenofovir, uno dei farmaci più utilizzati contro l’HIV. Il virus che causa l’AIDS diviene in molti casi resistente al farmaco, per cui la cura fallisce. Conscio di questo problema, il virologo Stefan Sarafianos del Bond Life Sciences Center dell’Università del Missouri ha condotto uno studio in cui si è scoperto che una molecola contenuta nella salsa di soia giapponese è 70 volte più potente del Tenofovir nel bloccare la diffusione del virus HIV. Questa molecola è chiamata “EFDA”.

Continua qui

venerdì 9 maggio 2014

Curare le ferite con lo zucchero aiuta a guarire prima

E' possibile far rimarginare prima le ferite con lo zucchero? ecco i risultati di un recente studio.

 

Curare le ferite con lo zucchero? A quanto sembra è possibile, ed a dimostrarlo ci penserebbero i risultati di un interessante studio recentemente condotto dai medici dell’ospedale di Birmingham, in Inghilterra. A dare l’idea allo staff dell’ospedale inglese sarebbe stato Moses Murandu, un infermiere che lavora in Zimbabwe e che ormai da tempo conosceva le proprietà benefiche dello zucchero per la cura delle ferite. Detto questo, i ricercatori avrebbero esaminato ben 35 pazienti, constatando che - in effetti - lo zucchero sarebbe davvero capace di rimarginare più in fretta le ferite. E non stiamo parlando di semplici graffi. 
A quanto pare, uno dei pazienti sottoposti allo studio sarebbe stato infatti un uomo che avrebbe subito l’amputazione di una parte della gamba, e la rimozione di una vena avrebbe provocato una ferita profonda che non era riuscita a guarire del tutto.

Continua qui

 

giovedì 8 maggio 2014

Ricerca choc, se mamma fuma per bebè +70% rischio cuore

Età mamma e numero sigarette mix pericoloso

Fumare durante il primo trimestre di gravidanza può aumentare fino al 70% il rischio di patologie congenite al cuore dei bambini. Più si fuma e più il bebè corre il rischio di problemi cardiaci, soprattutto se la mamma ha superato i 35 anni di età, secondo una ricerca presentata al congresso della Pediatric academic societies, appena concluso a Vancouver, Canada. I ricercatori del Seattle Childern's hospital hanno analizzato i certificati di nascita e le cartelle cliniche degli ospedali dello Stato di Washington di oltre 14.000 bambini nati con difetti cardiaci far il 1989 e il 2011, confrontandoli con oltre 62.000 nati sani. Dai certificati è stato anche possibile desumere se le madri fumassero durante il primo trimestre d'attesa e quanto. "I nati da mamme fumatrici avevano dal 50 al 70% di rischio in più di avere difetti alle valvole cardiache e ai vasi che trasportano il sangue ai polmoni, e circa il 20% di rischio in più di avere difetti al setto atriale, cioè la presenza di fori nella parete che separa le due camere del cuore, anomalie che richiedono interventi invasivi per correggerle - spiegano gli autori in una nota dell'ospedale. "Più si fuma e più si rischia e le donne fumatrici che hanno superato i 35 anni di età corrono rischi ancora maggiori - sottolinea Patrick Sullivan, che ha diretto lo studio.

Continua qui

mercoledì 7 maggio 2014

Protezione solare e primo sole: come evitare le scottature


L’estate si avvicina, e la protezione solare in vista dell’esposizione al primo sole è uno degli argomenti più “caldi” del momento. Siamo ancora in Primavera, ma di certo a molte di voi sarà già capitato di trascorrere una bella domenica al mare, magari senza fare il bagno, solo per il piacere di dare il nostro primissimo benvenuto all’estate. Ebbene, nonostante il sole non “picchi” in maniera eccessiva, sappiate che potreste rischiare ugualmente qualche inaspettata bruciatura!
Ma come fare per tenere alla larga questo fastidioso problema? Quale crema solare scegliere per evitare le prime scottature? Quanto tempo potrete restare sotto il sole prima di rischiare di tornare a casa con la schiena o il viso completamente arrossati? Scopriamo insieme i segreti e i consigli più utili in vista delle nostre spensierate domeniche al mare!

Preparate la pelle alla prima esposizione
Il primo step per assicurarvi una spensierata giornata al mare, senza il rischio di bruciarvi o di rovinare la vostra pelle è semplice: preparate l’epidermide al primo sole. Se avete tempo, potreste innanzitutto cominciare a variare la vostra alimentazione. Almeno una settimana prima potreste cominciare ad assumere i giusti alimenti per favorire una sana abbronzatura, fra i quali non dovranno mancare la frutta e la verdura, ricche di vitamina A. Detto questo, nella vostra dieta abbronzante non dovranno mancare alcuni cibi che, notoriamente, favoriscono la tintarella, come ad esempio i pomodori, fonte principale di licopene (antiossidante noto per prevenire la formazione dei radicali liberi), e le carote, che come ben saprete, sono ricche di betacarotene, che stimola la produzione di melanina e manterrà giovane la vostra pelle.

Continua qui

martedì 6 maggio 2014

Binge Eating: affrontare il disturbo alimentare del terzo millennio


Non solo anoressia e bulimia. Alla lista dei principali disturbi alimentari si deve aggiungere il binge eating, considerato il disturbo del comportamento alimentare del terzo millennio. Il suo nome completo è Binge Eating Disorder, che in italiano sta per sindrome da alimentazione incontrollata, e si caratterizza come una malattia che spinge a grandi abbuffate.
La persona colpita da questo disturbo mangia in maniera vorace e le sue abbuffate, che avvengono in completa solitudine almeno due volte alla settimana, non sono motivate dallo stimolo della fame. Dunque, proprio come la persona bulimica anche la persona che soffre di binge eating ha episodi frequenti in cui mangia ben oltre la sazietà. Ma a differenza di quanto avviene nei casi di bulimia, in quelli di binge eating non si ricorre a meccanismi di compensazione come il vomito autoindotto o l’uso di lassativi. Anche se dopo esserrsi lanciati sul cibo si provano dei sensi di colpa, non si prova ad eliminare quanto si è mangiato, e questo porta le persone affette da binge eating ad essere sovrappeso.

Continua qui

lunedì 5 maggio 2014

I vegetariani, vegani e crudisti non si devono preoccupare della vitamina B12

Dopo il successone dell’articolo Proteine – Da dove le ottengono i vegetariani, vegani e crudisti?, vorrei discutere di un altro interessante tema: la vitamina B12.

Un’altra delle paure delle persone che vogliono cambiare da una dieta convenzionale a una vegetariana, vegana o crudista è la necessitá di supplementare la vitamina B12 ed evitare l’anemia perniciosa. La carne bovina e il fegato bovino si dicono essere buona fonte di questa vitamina, ma da dove deriva la mucca, la vitamina B12? La vitamina B12 è prodotta da batteri, abitanti dell’intestino di tutti gli animali vegetariani, umani inclusi. Noto che nel web questa informazione è giá abbastanza diffusa e accettata. Facciamo quindi un passetto in piú.

Noi umani abbiamo questa fissa della quantitá piú che della qualitá. Se abbiamo una carenza di calcio, ad esempio, cerchiamo di rimpiazzarla con dosi esagerate di questo minerale, optando magari per delle inutili pastiglie di calcio inorganico. Non pensiamo che la carenza sia derivata dalla mancanza della vitamina D (derivante dalla conversione di energia solare), o del magnesio, che serve nel trasporto del calcio dalle parti piú morbide come i tessuti, le vene, gli organi, alle parti piú dure, dove dovrebbe risiedere, e quindi alle ossa, denti, unghie ecc . Lo stesso vale per la vitamina B12.

Continua qui

sabato 3 maggio 2014

Sudorazione eccessiva: i rimedi naturali


L’iperidrosi, meglio conosciuta come sudorazione eccessiva, è tra i fastidi più imbarazzanti che ci si può trovare ad affrontare. Non è sempre e solo una inadeguata igiene personale all’origine della sudorazione eccessiva. Stress, obesità, malattie come ipertiroidismo o ipoglicemia, e perfino l’assunzione di determinati tipi di farmaci possono essere i fattori che scatenano o aggravano questo problema, che nei mesi estivi è ancor più accentuato. Visto che l’estate è alle porte, scopriamo quali sono i rimedi naturali grazie a cui è possibile contrastare l’iperidrosi.
La salvia si rivela un ottimo rimedio naturale nei casi di sudorazione eccessiva. Si può quindi reperire facilmente in erboristeria ed usarla sciogliendone l’essenza nella vasca da bagno. Un bagno a base di salvia produce subito i suoi effetti benefici sull’odore della pelle, effetti che durano anche diversi giorni. Anche se può sembrare piuttosto singolare, gli stessi risultati positivi si possono raggiungere sciogliendo nell’acqua della vasca il pomodoro. Basta versare nella vasca una tazza di succo di pomodoro, rimanendo immersi circa una quindicina di minuti. Si può quindi procedere con il consueto lavaggio e risciacquo.

Continua qui

venerdì 2 maggio 2014

Impotenza: grazie allo sport il sesso è migliore, anche negli over 50

Che lo sport faccia bene alla salute e sia una delle migliori soluzioni per la prevenzione e la cura di numerosi disturbi non è notizia nuova. Si sa che i benefici dati dall’attività motoria sono numerosi e possono fare la differenza sulla salute , a qualsiasi età.

I giovani che praticano regolarmente una qualsiasi attività sportiva hanno modo di rafforzare il sistema cardio-vascolare, l’apparato locomotore e il sistema immunitario, contribuendo al contempo a prevenire le più comuni patologie cardiache, ma anche diabete, ansia e stress. Negli adulti con più di 50 anni di età, invece, l’attività fisica potrebbe rientrare all’interno di una terapia giornaliera studiata appositamente per limitare l’impatto dei sintomi urinari (Lower Urinary Tract Symptoms) dati dall’ingrossamento della prostata e di prevenire l’insorgere della disfunzione erettile.

Numerosi studi internazionali confermano che gli over 50 per mantenersi in forma possono scegliere tra una vasta gamma di alternative: praticare uno sport in maniera costante, usare le scale invece dell’ascensore, uscire a fare shopping, ma anche dedicarsi ad attività casalinghe come portare fuori la spazzatura, spolverare, pulire i pavimenti, e via dicendo. Queste attività rappresenterebbero un valido aiuto per mantenersi attivi sotto il proflo sessuale, nonché a ridurre i sintomi urinari tra coloro che ne soffrono a causa dell’ingrossamento della prostata, un disturbo che colpisce in larga misura gli adulti di età superiore ai 50 anni.

Continua qui

giovedì 1 maggio 2014

Le mandorle sono molto benefiche

proprietà antitumorali proprietà antiossidanti proprietà anti infiammatorie mandorle

Le mandorle sono molto benefiche. Esse, oltre ad essere ricche di di vitamina E, calcio, fosforo, ferro e magnesio, contengono anche buone quantità di zinco, selenio, rame e niacina.
Il consumo di mandorle aiuta l’organismo a:
  • tutelare la salute del cervello; l’elevata quantità di sostanze nutrienti presenti nelle mandorle proteggono e favoriscono lo sviluppo del cervello; diversi studi hanno dimostrato che le mandorle aumentano l’attività cerebrale e riducono il rischio di malattie, come l’Alzheimer, grazie alla riboflavina ed alla L-carnitina, due componenti essenziali per il cervello;
  • controllare i livelli di colesterolo nel sangue; il consumo regolare di mandorle aiuta ad aumentare il colesterolo “buono” (HDL) ed a ridurre il colesterolo “cattivo” (LDL);
  • tutelare la salute delle ossa; le mandorle contengono molte vitamine e minerali, tra cui il fosforo, che rafforzano le ossa ed i denti e prevengono condizioni come l’osteoporosi;
  • proteggere il cuore; i grassi monoinsaturi, le proteine ed il potassio presenti nelle mandorle tutelano la salute del cuore; la vitamina E è un efficace antiossidante che riduce il rischio di malattie cardiache, mentre il magnesio aiuta ad evitare gli attacchi di cuore; le mandorle, inoltre, contengono flavonoidi ed acido folico, che tutelano la salute delle arterie;
Continua qui