C'e' anche la depressione da Facebook,quando provoca invidia

E' nocivo usarlo per controllare vite altrui e fare confronti

 

Rischio depressione da Facebook se l'uso del social network porta a provare invidia. A suggerirlo uno studio pubblicato sulla rivista Computers in Human Behavior e condotto presso l'università del Missouri. Secondo il lavoro, diretto da Margaret Duffy, se Facebook scatena l'invidia verso qualcuno dei nostri amici, può addirittura portarci a manifestare sintomi della depressione. ''Facebook può essere un'attività divertente e salutare se usato per rimanere in contatto con amici e parenti e aggiornarsi sulle loro vite - spiega Duffy - ma se usato per vedere come vanno le cose a un vecchio amico, se sta economicamente bene o vive un amore felice, allora questo può scatenare invidia e portare a sentimenti di depressione''. Gli esperti hanno coinvolto nella ricerca un campione di giovani utilizzatori di Facebook e riscontrato due modalità principali di utilizzo, da una parte quello 'sano' e positivo di rimanere in contatto con i propri amici vicini e lontani.

Dall'altra quello invece 'insalubre' di confrontarsi con gli altri e vedere chi sta meglio di noi: si tratta del cosiddetto 'uso di sorveglianza', quando il social network viene utilizzato per vedere la vita di amici anche di vecchia data, vedere cosa hanno fatto nel tempo, quanti successi hanno avuto, se sono felicemente sposati o hanno traslocato in una nuova casa o avuto una promozione a lavoro o sono appena tornati da un viaggio da sogno. Chi usa Facebook in questo modo rischia di restare preda dell'invidia e infatti nel campione di giovani analizzato tra questi soggetti vi è una maggiore frequenza di segnali e sintomi di depressione.

Continua qui 
 

Eccessivo controllo dei dirigenti fa ammalare i dipendenti

 

 

Commenti