domenica 31 maggio 2015

Giornata mondiale senza tabacco

La lotta al fumo è uno dei cardini fondamentali della LILT. In occasione del 31 maggio, Giornata Mondiale Senza Tabacco promossa dall’OMS, la LILT è protagonista di una intensa mobilitazione, con la presenza nelle piazze, la distribuzione di materiale informativo e una forte campagna di sensibilizzazione

Continua qui 

Fumo passivo: otto italiani su dieci non sanno che provoca il cancro

Fumo, oltre 6 milioni di morti l’anno, 83.000 in Italia


Fumo, oltre 6 milioni di morti l’anno

venerdì 29 maggio 2015

Calcola il tuo BMI


Il BMI ( o IMC = Indice di massa corporea), valore numerico ottenuto dal rapporto del peso espresso in Kg e l'altezza espressa in m al quadrato, è l'indicatore oggi più utilizzato nella valutazione clinica e nella classificazione del Sovrappeso e dell'Obesità.

Il BMI, nonostante sia un metodo di misurazione del grasso totale più accurato rispetto al peso corporeo considerato da solo, presenta dei limiti di cui bisogna tenere conto:
  1. In soggetti con massa muscolare molto rappresentata il grassso corporeo totale viene sovrastimato dal BMI.
  2. In soggetti che hanno subito una perdita muscolare (es: soggetti anziani o soggetti allettati per lunghi periodi di tempo) la quantità di grasso corporeo viene sottostimata dal BMI.
  3. Soggetti con statura inferiore ai 150 cm o superiore ai 200 cm presentano valori di BMI rispettivamente molto elevati o molto bassi, mentre non sono in sovrappeso e sottopeso.
  Valori di riferimento
Sottopeso < 18.5
Normopeso da 18.5 a 24.9
Sovrappeso da 25.0 a 29.9
Obesità di classe I (moderata) da 30.0 a 34.9
Obesità di classe II da 35.0 a 39.9
Obesità di classe III BMI > 40

giovedì 28 maggio 2015

10 attivita' che sono meglio di una seduta di psicoterapia


Vi sentite stanchi, stressati e senza un obiettivo preciso nella vita? A volte capita di attraversare periodi molto pesanti in cui la luce in fondo al tunnel sembra non apparire mai. Sono questi i momenti in cui dobbiamo imparare ad amare noi stessi e a dedicarci del tempo. 
Sono davvero molte le attività che possono aiutarci a sentirci meglio. Possiamo scegliere di mettere in pratica le nostre preferite e quelle che ci sia ddicono di più. Ad esempio, ecco l'idea di imparare a preparare in casa il pane o a coltivare l'orto. Ecco alcune attività che potrebbero farvi rilassare e divertire per poi affrontare meglio la vita.

1) Coltivare l'orto

Coltivare l'orto e curare le piante è un po' come curare se stessi. E allora, se abbiamo la possibilità di coltivare un orto, anche piccolo, non tiriamoci indietro. Il contatto con la natura rilassa la nostra mente e ci aiuta a sentirci meglio quando siamo stressati. Coltivare l'orto è così benefico che ormai l'ortoterapia è stata introdotta anche in alcuni ospedali, in Italia e nel mondo. E se avete la possibilità di coltivare delle piante aromatiche in ufficio, otterrete benefici per quanto riguarda la produttività sul lavoro e la concentrazione.

2) Fare il pane

Fare il pane in casa ha davvero molti vantaggi. Permette di conoscere alla perfezione gli ingredienti del pane che porteremo in tavola, perché saremo noi a sceglierli, e allo stesso tempo consente di risparmiare. Fare il pane è anche un ottimo antistress, oltre che uno stratagemma per creare nuovi legami e una maggiore unione tra i familiari o un gruppo di amici. Mentre impasterete il pane potrete chiacchierare, sfogarvi se siete in compagnia, o semplicemente liberare la mente dalle preoccupazioni e imparare a rilassarvi.
Leggi anche: Fare il pane per combattere la depressione. Accade in Inghilterra

3) Lavorare a maglia

Sapete lavorare a maglia? Se non avete ancora imparato a sferruzzare e vi sentite stressati, forse è arrivato il momento di dare una possibilità a ferri, uncinetto e gomitoli. Lavorare a maglia consente di concedersi un momento di pace e di tranquillità. E' così che pochi minuti di lavoro permettono di ritrovare un vero e proprio relax. Lavorare a maglia, insomma, è un efficace antistress. Non è un'attività solo da donne, infatti nel mondo sempre più uomini la scelgono per rilassarsi.

4) Abbracciare un albero

Abbracciare un albero per ritrovare la salute e il benessere, ecco il consiglio della silvoterapia. Se durante una passeggiata nel verde incontriamo un albero che ci attira in modo particolare per la sua bellezza o per la sua imponenza, proviamo ad abbracciarlo e a lasciarci rigenerare dalla sua energia. Quando abbracciamo un albero la nostra mente si rilassa e il nostro corpo ritrova il contatto con la terra e con gli elementi naturali.

5) Praticare Yoga

Praticare Yoga ci permette di seguire una serie di tecniche che aiutano la nostra mente e il nostro corpo a rilassarsi, a scaricare le tensione e a liberarsi dalle tossine e dalle preoccupazioni. La pratica delle asana e gli esercizi di respirazione agiscono sul nostro corpo e sulla nostra mente per donarci benessere. L'importante è affidarsi ad un insegnante competente che sappia suggerirci le pratiche più adatte ai nostri problemi da risolvere.

6) Dare un bacio o un abbraccio

Dare un bacio o un abbraccio alle persone a cui vogliamo bene. Forse non lo facciamo abbastanza spesso e ci dimentichiamo che i baci e gli abbracci dati e ricevuti hanno effetti benefici sia su di noi che sugli altri. Allora è il momento di ripassare quali sono gli effetti positivi di un abbraccio e i benefici di un bacio. Avere relazioni serene e profonde con gli altri può essere la migliore cura.

7) Accarezzare un cane o un gatto

Cani, gatti e altri animali che vivono con noi sono i nostri migliori amici. La scienza sta approfondendo sempre più i benefici della vicinanza di un animale domestico, anche per i pazienti che si trovano in ospedale. Ecco perché alcune cliniche permettono agli ammalati di ricevere visite non soltanto dai parenti e dagli amici ma anche dagli animali domestici.

Continua qui 

lunedì 25 maggio 2015

Sesso, caffeina puo' essere un aiuto sotto le lenzuola

Con una-due tazzine caffè -42% rischio disfunzioni erettili

La caffeina? Se assunta con moderazione si candida ad essere un ottimo concorrente naturale della nota pillola blu contro la disfunzione erettile. Chi ne consuma tra 85mg e 170 mg, più o meno l'equivalente di una-due tazzine al giorno, ha il 42 per cento in meno possibilità di andare incontro a disfunzione erettile rispetto a chi non ne assume per nulla, mentre chi assume tra 171 e 303mg di caffeina ha il 39 per cento in meno di probabilità.

E' quanto emerge da una ricerca dell'Università del Texas pubblicata sulla rivista Plos One. Secondo gli studiosi l'effetto e' dovuto al fatto che la caffeina innesca una serie di meccanismi che inducono le arterie del pene a rilassarsi, aumentando il flusso sanguigno. Per arrivare a questa conclusione gli studiosi hanno analizzato i dati di Hanno studiato i dati di circa 4.000 uomini , valutando la quantità di caffè , tè , bevande gassate e bevande sportive che hanno consumato in media al giorno: questo ha permesso loro di arrivare alla conclusione che anche nel caso di persone affette da sovrappeso, obesità e ipertensione, tutti fattori di rischio per lo sviluppo di disfunzione erettile, si osservavano dei miglioramenti con l'assunzione dell'equivalente di caffeina di una- due tazze di caffè al giorno.

Continua qui

domenica 24 maggio 2015

Ecco gli alimenti che combattono i tumori

Intervista allo chef stellato Moreno Cedroni, volto della campagna Airc “Eccellenza italiana” a sostegno della ricerca sul cancro, che ha dedicato una ricetta speciale alle lettrici di DiLei

Dopo l’appuntamento con “L’azalea della ricerca”, simbolo della battaglia contro i tumori femminili, Airc propone il progetto “Eccellenza italiana” che coinvolge il meglio della ristorazione made in Italy, proprio in concomitanza con L’Expo di Milano. La campagna è online fino al 7 giugno su Groupon e ha l’obiettivo di raccogliere fondi a sostegno della ricerca sul cancro. Tra i Testimonial Airc e volto del progetto lo chef stellato Moreno Cedroni (GUARDA LA FOTOGALLERY) che abbiamo intervistato.

Il claim del suo sito ufficiale recita “L’immortalità del cibo”, quanto incide l’alimentazione nella vita di una persona?
Credo che sia determinante. Lo sappiamo tutti, noi siamo quello che mangiamo. Non solo, determina anche il nostro rendimento psicofisico. Siamo migliori se ci nutriamo meglio.
Aderendo all’iniziativa di Airc “Eccellenza italiana”, in che senso la cucina italiana diventa un messaggio positivo di solidarietà?
Il messaggio positivo sta nel cercare di spingere le persone a fare qualcosa per gli altri, anche di piccolo. Nel momento in cui riusciamo a dedicare un po’ di tempo, malgrado la frenesia delle nostre vite, o a donare degli euro a favore di una buona causa, ecco questo è ciò che di meglio possiamo fare.
La dieta mediterranea è considerata tra le più equilibrate al mondo, potrebbe essere un primo passo per adottare uno stile di vita sano che aiuti a prevenire i tumori?Sicuramente. Non è semplicemente il primo stadio, l’alimentazione sana è la base di prevenzione dei tumori. E questo è il messaggio che vuole dare Airc con la sua iniziativa, “Eccellenza italiana”.

Continua qui


venerdì 22 maggio 2015

Salute, 10 falsi miti da sfatare una volta per tutte

Dalla presunta correlazione tra vaccini e autismo al fabbisogno giornaliero di acqua, dall'alimentazione ai medicinali generici. Luoghi comuni e dicerie che vanno smentite

 

1. I vaccini possono provocare l’autismo.
Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità nessi scientifici non esistono: “I dati epidemiologici disponibili indicano che non vi sono prove di un legame tra morbillo-parotite-rosolia (Mmr) e disturbi dello spettro autistico – si legge in un documento – studi precedenti che suggerivano un nesso di causalità si sono poi rivelati gravemente fallaci

2. I farmaci generici sono meno efficaci di quelli di marca Il decreto Balduzzi del 2012 ha cambiato le carte in tavola, spingendo la crescita degli equivalenti grazie all’indicazione, rivolta ai medici, di esplicitare sulle ricette il nome del principio attivo (ma solo per le malattie acute). In ogni caso, differenze di efficacia non ce ne sono: “I medicinali equivalenti non sono identici agli originali: possono avere, per esempio, una differente composizione in eccipienti o non essere formulati con identica tecnologia farmaceutica – si legge sul sito dell’Aifa – tuttavia sono prodotti di pari valore (equivalenti, appunto) degli originator o bioequivalenti.

3. In Italia si spende troppo per la sanità. In realtà, ha spiegato Lorenzin, “spendiamo meno di tutti. Ed è un falso mito che spendiamo troppo in farmaci. Il Fondo sanitario nazionale è legato al Pil, una percentuale che abbiamo bisogno di aumentare”. Che si impieghino molte risorse è vero (15% della spesa pubblica, 80% di quella regionale) tuttavia confrontando i dati Ocse (relativi al 2012) si rileva una spesa media di 3.440 dollari per abitante. In Italia sono poco più di tremila. Gli altri? Dai mille del Messico ai 4.650 della Germania.

4. Le ferite guariscono più rapidamente se lasciate all'aria aperta: Al contrario, perché la guarigione avvenga prima sarebbe meglio che rimanessero umide.

5. Per stare bene, bisogna bere almeno due litri di acqua al giorno. Uno dei miti più radicati è che bisogna bere almeno due litri di acqua al giorno, sempre e comunque. Ma i medici statunitensi dell´università della Pennsylvania hanno voluto verificare e non hanno trovato alcuna prova che tanta acqua migliora la pelle, fa perdere peso e aiuta l'organismo a disintossicarsi. In realtà, dipende dall´organismo di ciascuno. Come regolarsi? Semplice: se l´urina è di colore giallo paglierino, vuol dire che si sta bevendo a sufficienza e non serve bere di più.

Continua qui

giovedì 21 maggio 2015

Posta su Facebook foto del proprio seno: «Attenzione alle fossette»

Una mamma inglese 42enne fa informazione usando i social media e raggiunge oltre 72mila condivisioni. I consigli dell’esperta: «Attente ai noduli, ma non solo»

 

Il linguaggio è quello dei social media, che sempre più spesso diventano un mezzo per fare prevenzione e informazione sui tumori, raggiungendo con la velocità di un click centinaia di migliaia di persone. Così la 42enne britannica Lisa Royle ha pensato di condividere la sua storia e lo scorso 11 maggio ha postato immagine e commento sul suo profilo Facebook: «Non avrei mai pensato di pubblicare una foto delle mie tette, ma ho deciso di farlo prima che vengano sferruzzate settimana prossima». Ad oggi, potenza di internet, il messaggio ha ricevuto oltre 46.200 «mi piace», 75 commenti ed è stato condiviso da altre 72mila persone. Un enorme successo, soprattutto se si considera che la foto è assai casta e completamente incentrata su quelle «leggere fossette» sotto il seno che hanno impensierito Lisa e l’hanno spinta giustamente a farsi vedere da un medico. La mamma di Manchester ha raggiunto il suo scopo: informare il più largo numero di persone sui possibili segnali della presenza di un carcinoma mammario.

Continua qui

venerdì 15 maggio 2015

Un po’ di chiarezza sull’olio di palma


Sempre più persone ci stanno contattando per chiederci delucidazioni sull’olio di palma. Negli ultimi tempi infatti si è sentito sempre più parlare di questo grasso vegetale che sembra ritrovarsi in moltissimi prodotti dolciari confezionati, anche di larghissimo consumo, ad esempio nella Nutella, di cui si era già occupato a novembre il nostro Neil. Ma che cosa è questo olio di palma? Fa male alla salute? Distrugge le foreste? Perché non se n’è sentito parlare fino a qualche anno fa? Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza. Cercherò di trattare l’argomento in maniera più breve ed esauriente possibile nei suoi aspetti principali, e nel caso che ci fosse bisogno di approfondimenti sarò felice di poterci lavorare ulteriormente.

Come ci spiega Wikipedia:
L’olio di palma e l’olio di semi di palma o olio di palmisto sono degli olii vegetali saturi non idrogenati ricavati dalle palme da olio, principalmente Elaeis guineensis ma anche da Elaeis oleifera e Attalea maripa.
Nel 2007, con 28 milioni di tonnellate di produzione globale, era il secondo olio commestibile più prodotto, dopo l’olio di soia, che adesso potrebbe aver superato. È anche un componente o una materia prima importante di molti saponi, prodotti alimentari (come la Nutella), polveri detergenti e prodotti per la cura della persona (…)
Dal frutto della palma da olio si ricavano olio di palma (dal frutto) e olio di palmisto (dai suoi semi): entrambi sono solidi o semi-solidi a temperatura ambiente, ma con un processo di frazionamento si possono separare in componente liquida (olio di palma bifrazionato, usato per la frittura) e solida.

Ok, facciamo finta (…) che io non ci capisca niente di queste cose, e spieghiamo per filo e per segno che cosa significa tutto ciò, cercando di usare i termini più semplici possibili.
L’olio di palma è un grasso saturo. Generalmente gli oli vegetali sono grassi insaturi, ovvero quelli che non fanno aumentare il “colesterolo cattivo” ma solo quello “buono” (qui ve lo spiega Wikipedia). I grassi saturi, principalmente grassi animali (come il burro, per intenderci) fanno aumentare invece il cosiddetto “colesterolo cattivo”. L’olio di palma è un grasso saturo, il che lo accomuna, in quanto a effetti sull’organismo, più o meno al burro.

L’olio di palma, però, è un grasso non idrogenato. L’idrogenazione è un processo chimico che potete trovare spiegato con cura su Wikipedia, e anche questo sito mi pare che dia una spiegazione piuttosto esauriente e ricca di esempi basata su manuali di nutrizione clinica. Vi basti sapere che tramite questo processo i grassi liquidi diventano solidi. Questi grassi vengono usati in un sacco di snack confezionati, sia dolci (merendine, ad esempio) che salati (patatine in busta) e si ritrovano in gran parte degli alimenti da fast food. È ormai appurato da anni che tali grassi sono dannosi per la nostra salute in quanto contenenti molecole lipidiche di grassi trans; già nel 2002 l’Accademia Nazionale delle Scienze degli USA ne ha raccomandato la totale eliminazione dalla dieta. Un’altra spiegazione esauriente qui.

Da allora l’olio di palma ha conosciuto una rapidissima diffusione in quanto valida alternativa a tali grassi, di cui era ormai stata appurata la nocività per l’alimentazione umana. Inoltre, da quest’anno è entrato in vigore l’obbligo di specificare il tipo di grassi vegetali nelle etichette degli ingredienti dei prodotti confezionati e questo ha scoperchiato il vaso di Pandora, poiché si è scoperto che in tanti, tantissimi prodotti è presente il suddetto olio di palma.
Dunque: l’olio di palma è un grasso saturo vegetale, fa più o meno male quanto ne fa il burro (ovvero per niente o quasi, se utilizzato con moderazione, un po’ come tutte le cose), ma nemmeno lontanamente quanto altri grassi trattati chimicamente, ed è per questo motivo che negli ultimi anni è andato a sostituire in moltissimi prodotti alimentari i grassi idrogenati di cui si sconsiglia l’utilizzo, in quanto dannosi per la salute.

Allora perché ormai da mesi siamo bombardati da informazioni confuse e a volte contraddittorie che demonizzano i prodotti che lo contengono?
Le obiezioni al suo utilizzo sono principalmente queste tre: andiamo ad analizzarle e cercare di chiarire.

immagine-olio-di-palma-novembre1

Lo sfruttamento da parte delle multinazionali

Si è detto che l’olio di palma è l’ennesimo prodotto che arricchisce le multinazionali a scapito degli abitanti dell’Indonesia e della Malesia che sono i maggiori produttori di olio di palma, con una produzione superiore al 90% del totale mondiale. Si parla di land grabbing, ovvero della sottrazione delle terre ai legittimi proprietari da parte delle solite, cattivissime multinazionali.

Ma, come spiega questo interessante articolo,
Da una parte il land grabbing è in evoluzione, dall’altra non esistono monitoraggi e dati complessivi, ma soltanto casi studio. (…) non abbiamo a che fare con una semplice compravendita arcaicamente colonialista. È un coacervo di investimenti in costante espansione. Un giro di miliardi di dollari. Un trend economico globale.
Continua qui 

Oli ideali per friggere 

 
<p style="display: none;"><cite><a href="http://www.my-personaltrainer.it/oli-friggere.htm">Oli per friggere</a></cite> da http://www.my-personaltrainer.it/oli-friggere.htm</p>


lunedì 4 maggio 2015

Scoperto dove virus Hiv si nasconde nelle cellule

Ricerca Icgeb di Trieste, si apre strada a nuove cure contro Aids

Uno dei maggiori ostacoli allo sviluppo di un farmaco che curasse il virus dell'Hiv, anticamera dell'Aids, era, fino ad oggi, il fatto che quando il virus penetra nella cellula da infettare scompare, se ne perdono le tracce. L'efficacia dei farmaci in commercio - poco più di una trentina - si ferma all'ingresso della cellula. Con il risultato di rallentare l'evoluzione del virus ma non di debellarlo. Ciò che hanno scoperto i ricercatori dell'Icgeb (International Centre for Genetic Engineering and Biotechnology) di Trieste, coordinato dal genetista Mauro Giacca, è la 'tana' del virus. Era insomma un enigma la ragione per la quale il virus sceglie soltanto alcuni dei 20mila geni umani per integrarsi e, soprattutto, come riesce all'interno di questi geni a nascondersi.

Continua qui

venerdì 1 maggio 2015

Sclerosi multipla, primi test Usa con anticorpi che riparano nervi danneggiati


Se potessimo fornire abbastanza presto ai pazienti le terapie, forse - dice Bruce Trapp, neuroscienziato presso la Cleveland clinic - potremmo tenerli lontano dalla sedie a rotelle. Già questo - conclude l’esperto Usa - sarebbe un risultato enorme”

Contrastare i danni neurologici provocati dalla sclerosi multipla stimolando la rigenerazione della mielina, la guaina isolante che circonda i nervi e migliora la trasmissione degli impulsi nervosi. Sono i primi risultati di alcuni trial clinici illustrati dalla Biogen di Cambridge, in Massachusetts, al meeting dell’American Academy of Neurology di Washington.
Secondo quanto riportato su Nature, i test, ancora preliminari poiché condotti su un numero limitato di individui, poco meno di un centinaio, si basano sull’uso di un anticorpo sperimentale, battezzato “anti-LINGO-1”, capace di favorire la ricrescita della struttura di rivestimento dei nervi, che negli individui colpiti dalla malattia è distrutta dal sistema immunitario, provocando gravi disabilità fisiche e cognitive.

Continua qui