martedì 14 giugno 2016

Le Sette condizioni della Salute e della Felicità


La Macrobiotica non è solo una filosofia proveniente dell’estremo Oriente che, poco più di un secolo fa, un giapponese, noto con il nome di Georges Ohsawa, fece conoscere al mondo occidentale (attraverso libri, conferenze e i ristoranti aperti dai suoi discepoli o associati), ma è un insieme di conoscenze ed esperienze che dall’antichità a oggi ci sono state trasmesse da grandi maestri di vita.
Con il termine Macrobiotica (dal greco Macros e Bios, Grande/lunga Vita) in passato venivano designati i popoli più longevi. Ippocrate, medico greco vissuto più di 2 mila anni fa, fu storicamente tra i primi a parlare della relazione esistente tra cibo e salute:
  • Lasciate che il cibo sia la vostra medicina e la vostra medicina sia il cibo.
  • Per alimentarsi in modo equilibrato e vivere in salute bisogna consumare principalmente cereali.
  • Quando la malattia è nel suo culmine, allora è necessario usare il regime più ristretto.
(Queste, e altre, sono citazioni e/o frasi prese dal Corpus Hippocraticum)
Per Ohsawa, infatti, la Macrobiotica era, in sostanza, la via per il ringiovanimento e la longevità. Tuttavia, la Macrobiotica non è solamente un modo di alimentarsi, ma è anche uno stile di vita, uno stile di vita che comprende la consapevolezza e la realizzazione di se stessi e dei propri sogni. La base per la felicità e la realizzazione dei propri sogni è il cibo. Consumare un cibo sano, naturale e, nell’insieme, equilibrato, permetterebbe di avere una mente libera e dinamica.
Oggi sappiamo che i cibi industriali e raffinati, oltre che indebolire il sistema immunitario, cardiocircolatorio, etc., provocano seri danni al cervello. Le bevande gassate e gli zuccheri raffinati, secondo alcuni studi, possono provocare, a lungo termine, cambiamenti nel comportamento e una profonda modificazione nella chimica del cervello. Il fatto, in fondo, anche se confutato da qualcuno, non suscita in me alcun dubbio, visto l’aumento delle malattie mentali e psicofisiche.

Continua qui

Nessun commento: