lunedì 7 maggio 2018

Pulci e zecche, prevenzione indispensabile per proteggere l’uomo e gli animali

La convivenza con gli «amici a quattro zampe» aumenta i rischi di contagio. Importanti i controlli dal veterinario per il bene di tutta la famiglia


Nicla Panciera
Hanno compiuto in pochi anni un salto triplo, dal cortile all’interno delle nostre case fino addirittura sul divano. Li portiamo in gita fuori porta e poi salgono sul letto. Sono gli animali domestici, oltre 60 mila tra cani e gatti, che vivono a stretto contatto con noi.

Ciononostante, secondo una ricerca Doxapharma condotta su 408 proprietari di animali domestici che fanno uso di antiparassitari, solo un proprietario su due ritiene che il veterinario abbia un ruolo fondamentale per la salute del proprio animale. E meno della metà (il 46%) crede che il veterinario sia importante per proteggere l’intera famiglia, esseri umani compresi.

Sbagliatissimo, perché i parassiti come pulci e zecche che colpiscono l’animale possono costituire una minaccia anche per la salute dell’uomo. «Con il cambiamento climatico, questi ectoparassiti sopravvivono anche d’inverno e la temperatura delle nostre abitazioni, sui 21 gradi tutto l’anno, è l’habitat ideale per le pulci e consente loro di vivere un’eterna primavera» ha spiegato Marco Melosi, presidente dell’ANMVI Associazione nazionale medici veterinari italiani, in occasione della presentazione della campagna «fatelo meno, fatelo meglio, fatelo dal veterinario» promossa da ANMVI e MSD Animal Health per sensibilizzare sulla necessità della prevenzione antiparassitaria, che andrebbe, secondo il veterinario «impostata durante tutto l’anno e non più solo nei mesi caldi".

Continua qui

Nessun commento:

Invecchiamento: nelle mele scoperta molecola in grado di rallentarlo

L’invecchiamento è un processo ineluttabile, cui nessuno tuttavia intende rassegnarsi. In una società sempre più anziana, ma non necessar...