mercoledì 9 gennaio 2019

Come dimagrire bevendo birra

Ecco la dose che fa perdere peso e aiuta (anche) il cuore


Come dimagrire bevendo birra, ecco il trucco da seguire… Alcuni studi scentifici si è verificato che dimagrire con la birra è possibile, ma solo se assunta nella giusta quantità. Ecco la dose che fa perdere peso e aiuta (anche) il cuore. Sembrerebbe, infatti, che un consumo moderato di birra abbia effetti benefici sul nostro organismo. Riduce il rischio di problemi cardiovascolari, renali, di ipertensione e favorisce i processi digestivi.

Inoltre grazie alla presenza dei flavonoidi contenuti nel luppolo, la birra aiuta a contrastare i radicali liberi prevenendo i danni provocati dall’invecchiamento cellulare. E, in particolare negli ultimi anni l’interesse si è concentrato sullo xantumolo, uno dei flavonoidi contenuti nel luppolo, che possiede molteplici proprietà positive per la salute. Lo xantumolo infatti sembrerebbe svolgere non solo un’azione antiossidante, ma anche antinfiammatoriaantitumorale e di prevenzione nei confronti delle malattie cardiache e neurodegenerative.

Chiara, rossa o scura, industriale o artigianale, a bassa o alta gradazione alcolica: sono tantissime le tipologie di birra presenti sul mercato ed in grado di accontentare tutti i palati ed è costituita da circa l’85% di acqua, dal 3% al 9% di alcool e dall’estratto secco, pari a circa il 3-8%. Nell’estratto secco ritroviamo diversi nutrienti quali: tannini, zuccheri, alcune preziose vitamine del gruppo B, sostanze antiossidanti, un modesto contenuto in potassio, destrine, alcuni acidi tipici del luppolo e dal malto. Grazie alla sua notevole quantità di acqua e grazie alla presenza di potassio, la birra possiede una nota capacità diuretica.
Per quanto riguarda le calorie, invece, sebbene sia una bevanda alcolica, la birra presenta un contenuto calorico inferiore rispetto ad altre bevande e, l’alcool etilico presente, favorirà la sintesi degli acidi grassi, la sintesi del glicogeno, la sintesi proteica e il deposito di adipe principalmente a livello viscerale ed addominale, comportando importanti danni fisiologici quali sindrome metabolica, obesità addominale e viscerale, danni epatici (steatosi), ipertrigliceridemia cronica.

Continua qui

Nessun commento:

Caldo cambia il menu, +20% frutta a giugno

Coldiretti, boom per smoothies e centrifugati a casa, al bar e in spiaggia (ANSA) - ROMA - Per difendersi dall'improvvisa ondata di...