lunedì 22 giugno 2009

Il massaggio autoabbronzante: dagli States un metodo per una tintarella invidiabile senza sole


Agosto è lontano e qualche domenica trascorsa al mare, o ahimè sul balcone di casa, in cerca di un po’ di colorito, non basta a smorzare il cadaverico bianco invernale.
Ma non disperate, se non avete tempo per un’abbronzatura al naturale, dagli States è arrivata una nuova tecnica che combina l’abbronzatura al relax: il massaggio autoabbronzante. Volete saperne di più?



Ebbene, il meccanismo è abbastanza semplice: si tratta di applicare una crema autoabbronzante tramite un massaggio drenante e tonificante, che ne facilità l’assorbimento, migliorando notevolmente i risultati, immediatamente visibili.
Comodamente sdraiate sul lettino, non dovrete far altro che distendervi ed abbronzarvi, in una sola mossa!
Potrete inoltre dire addio alle antiestetiche macchie provocate dalle creme coloranti, e affidarvi alle sapienti mani di un massaggiatore professionista, per uscirne abbronzate e rilassate.
Un duplice risultato che negli Stati Uniti è già diventato un business, in particolar modo negli hotel di lusso della California.
Una seduta tipo consiste di tre fasi:
  1. peeling (scrub) per eliminare dalla pelle le cellule morte ed ottenere in tal modo un colorito uniforme, evitando la comparsa di antiestetiche macchie scure
  2. idratazione dell’epidermide con prodotti alla vitamina E, che stimola la produzione di melanina
  3. massaggio crema autoabbronzante della durata di 45 minuti
L’unica nota negativa è che in Italia (come al solito siamo in ritardo) non è ancora arrivata ed in attesa di godervi il massaggio autoabbronzante californiano non vi resta che rassegnarvi alle creme coloranti acquistate al supermercato, al sole sul terrazzo o ancora alle tradizionali lampade!

Fonte



Nessun commento: