venerdì 26 settembre 2014

Dopo la menopausa: mangiare banane allontana l'ictus

Il contenuto in potassio protegge le donne con pressione alta dall'ictus ischemico 

Mangiare banane quando la menopausa è finita riduce il rischio di ictus fino al 27%. È quanto dimostra uno studio dei ricercatori dell'Albert Einstein College of Medicine di New York. Il merito si deve dal potassio, un minerale prezioso per controllare la pressione sanguigna ed evitare l'infarto cerebrale. Consumare cibi ricchi di potassio, dicono gli studiosi la cui ricerca è pubblicata sulla rivista dell'American Heart Association, riduce di un quarto il rischio di infarto cerebrale

Un aiuto dalle banane
I ricercatori hanno studiato la cartella clinica di oltre 90mila donne di età compresa tra 50 e 79 anni per circa 11 anni. Nella maggior parte dei casi si è individuato un consumo insufficiente di potassio. Le raccomandazioni dell'Oms indicano, infatti, in 3,510 mg il fabbisogno giornaliero di potassio, ma solo il 16% delle donne esaminate raggiungeva questa quota. Eppure, studianto i casi di ictus nell'ampio campione della ricerca è emerso che le donne che mangiavano alimenti (e non integratori) con potassio avevano il 12% di probabilità in meno di andare incontro ad un ictus e il 16% di ictus ischemico, con la sofferenza del cervello che non riceve sangue a sufficienza per restare ossigenato. E ancora, tra le donne con la pressione alta, quelle che mangiavano alimenti con più potassio avevano un rischio ridotto del 27% di ictus ischemico e del 21% per tutti i tipi di ictus.

Continua qui

martedì 23 settembre 2014

Una proteina per sconfiggere le metastasi

Sviluppata da un gruppo di ricercatori di Stanford, la proteina ha dimostrato di poter neutralizzare nei topi il meccanismo molecolare che porta alla formazione delle metastasi. Potrebbe aprire le porte ad un nuovo tipo di terapie

Una delle caratteristiche più letali del cancro sono le metastasi: cellule che si staccano dal sito originario della neoplasia e invadono l’organismo, provocando la comparsa di nuove masse tumorali. Oggi l’unica possibilità per i medici è di cercare di rallentarne la diffusione attraverso la chemioterapia, un tipo di trattamento che presenta però pesanti effetti collaterali, e che purtroppo non risulta particolarmente efficace in caso di tumori in stato ormai avanzato. Per superare queste difficoltà, un team di ricercatori di Stanford ha ideato un nuovo tipo di terapia: una proteina bioingegnerizzata che non distrugge le cellule del tumore, ma blocca i meccanismi molecolari che danno il via alla diffusione delle metastasi. I primi risultati, pubblicati su Nature Chemical Biology, sembrerebbero dimostrare che negli animali il trattamento risulta efficace su due dei più comuni tumori femminili: quello al seno e quello dell’ovaio.

Il punto di partenza per la nuova ricerca è stata la scoperta di due proteine coinvolte nella diffusione delle metastasi: Axl, una molecola che si trova sulla superficie delle cellule tumorali, e Gas6, proteina che legandosi con la prima trasmette il segnale che induce la formazione delle metastasi. L’idea dei ricercatori di Stanford è stata quella di sviluppare una terza proteina che funziona come un’esca, legandosi con Gas6 e neutralizzandola prima che raggiunga il tumore.

Continua qui

sabato 20 settembre 2014

Declino cognitivo: c’è una relazione con la vitamina D

La carenza di vitamina D potrebbe portare al declino cognitivo o demenza. Molti sono gli studi che portano a questa conclusione: ecco l’ultimo


Esiste una correlazione tra declino cognitivo (o la demenza) e i livelli di vitamina D. A suggerirlo è uno studio condotto dal Wake Forest Baptist Medical Center e pubblicato recentemente sul Journal of the American Geriatrics.

Noi siamo abituati a considerarla una vera e propria vitamina, ma la “D” è un gruppo di pro-ormoni a cui appartengono le D1, D2, D3, D4 e D5. Una volta assimilata dal corpo, infatti, agisce come un vero e proprio ormone in grado di dar vita a una serie di reazione chimiche.
Le persone anziane o con problemi stanno sempre meno ore all’aperto e al Sole. Invece, per garantire i giusti livelli di vitamina D nel sangue, bisognerebbe farne una bella scorta in estate. In questa stagione l’intensità della radiazione è così forte da garantire praticamente il corretto apporto per tutto l’inverno.

Continua qui

venerdì 19 settembre 2014

Alzheimer, i sette consigli che preservano la nostra memoria

Il 21 settembre la giornata mondiale dell'Alzheimer. I temi sono l’impegno della ricerca sui test di diagnosi precoce e predittivi per valutare l’efficacia delle cure ma anche della prevenzione. Che appare più possibile di MARIAPAOLA SALMI

NEL mondo 44 milioni di persone sono ammalate di Alzheimer, cifre che dovrebbero raddoppiare nel 2030 secondo le previsioni del Global Report 2014. Il 71% dei pazienti vivrà in paesi a basso e medio reddito. Predire il rischio di ammalarsi si può. La ricerca ha reso disponibili numerosi test, non ultimi quello degli odori, perché a quanto pare deficit olfattivi sono i primi segnali del morbo; il test che spia la presenza nella retina di sostanza amiloide, fino al prelievo di liquido spinale per ricercare gli AB oligomeri, particelle amiloidee precipitate. Il goal di ricercatori e clinici però è riuscire a capire se e come sia possibile prevenire la malattia o quanto meno rallentarne la progressione. Non a caso quest'anno l'ADI, Alzheimer's Disease International, per celebrare la XXI Giornata mondiale Alzheimer 2014, che cade il 21 settembre, ha puntato il dito sulla prevenzione con l'interlocutorio messaggio "Can we reduce the risk?" (possiamo ridurre il rischio?).

Fattori ambientali. La demenza di Alzheimer è in parte di origine genetica e in parte dovuta a fattori ambientali. Stando ad uno studio dell'università di Cambridge, pubblicato di recente su Lancet, questa demenza sarebbe prevenibile agendo su sette principali fattori di rischio: diabete, ipertensione, obesità, sedentarietà, depressione, fumo, scarsa attività intellettuale. Gli specialisti concordano su un punto: l'importanza dei diversi fattori legati allo stile di vita che è possibile modificare per ridurre il rischio. Agendo su di essi si potrebbero evitare nel giro di pochi anni circa 9 milioni di casi e d'altra parte è noto come un caso di demenza su tre sia riconducibile a cattive abitudini e a stili di vita scorretti. Ruolo dell'alimentazione e dell'attività fisico-mentale sono oggetto negli ultimi anni di innumerevoli studi e ricerche, al punto che un team di esperti internazionali guidati da Neal Barnard della George Washington School of Medicine, ha elaborato una serie di semplici linee guida pubblicate su Neurobiology of Aging.

Continua qui

giovedì 18 settembre 2014

Gli esseri umani sani sono l’abitazione ideale per i virus

Sono almeno cinque i virus che eleggono il corpo umano a condominio in cui abitare, senza che spesso ce ne rendiamo conto perché non notiamo alcun sintomo particolare, ma essi sono lì

Cerco casa, e la trovo disponibile, gratis, nel corpo umano. Questa potrebbe essere l’idea di almeno cinque tipi di virus che sono stati trovati albergare nel nostro corpo, spesso senza che ce ne rendiamo conto. Difatti, anche se ospitiamo nostro malgrado questi virus potremmo non mostrare alcun sintomo rivelatore.

Di virus poi in questo periodo se ne parla più del solito. Le cronache sull’epidemia di Ebola e l’imminente arrivo del virus influenzale sono all’ordine del giorno. Tuttavia i tipi virus sono numerosi, e causano altrettante diverse infezioni. Questi stessi virus che ci fanno ammalare possono prendere dimora nel nostro corpo a nostra insaputa, fanno notare i ricercatori della Washington University School of Medicine di St. Louis, che hanno condotto uno studio i cui risultati sono stati pubblicati su BioMed Central Biology.

Continua qui


martedì 16 settembre 2014

A piedi, in bici o col bus al lavoro migliora benessere

Con auto in garage aumentano serenità, relax, socializzazione

(ANSA) - ROMA, 15 SET - Per quanto prendere i mezzi pubblici si associ spesso ad un aumento delle tensioni e delle arrabbiature per l'affollamento, raggiungere l'ufficio con l'autobus rasserena più che muoversi con la macchina. E se si va in bicicletta o a piedi i livelli di benessere, relax, socializzazione e perfino allegria aumentano ancora di più. Lo sostengono i ricercatori della Norwich Medical School, East Anglia Unversity che, con una indagine svolta su 18.000 pendolari inglesi dai 18 ai 65 anni di età, hanno scoperto che chi lascia l'auto a casa e cammina o pedala per recarsi al lavoro affronta meglio i rapporti con i colleghi, è più sereno e dorme meglio la notte di chi invece percorre il tragitto chiuso in auto. Lo studio è pubblicato su Preventive Medicine. Il 73% del campione usava l'automobile, il 13% andava a piedi e il 3% in bicicletta. L'11 per cento usufruiva dei trasporti pubblici. "Chi si muoveva da sé, a piedi o in bici, aveva i livelli più elevati di benessere. 

Continua qui

lunedì 15 settembre 2014

Sabbia, conchiglie e acqua di mare: i massaggi dell'estate

Per chi ha nostalgia delle vacanze appena finite o per chi quest'anno non è riuscito a partire ci sono i "massaggi del mare": trattamenti effettuati con sabbia, alghe, conchiglie e acqua di mare che regalano benessere e bellezza, relax e anche una ricarica energetica per riprendere il tran tran quotidiano con una marcia in più. Ecco quali sono le proprietà degli elementi marini e come trarne il massimo dei benefici.







3- Massaggio di Venere

Una variante è il Massaggio di Venere che si effettua con conchiglie di mare e polvere di perle che contengono un complesso proteico che stimola il metabolismo cellulare favorendo la produzione di elastina e collagene. Il trattamento ha un effetto drenante ed esfoliante. L’apice del relax si raggiunge alla fine del massaggio quando le conchiglie, avvicinate alle orecchie, lasciano che il suono del mare concluda l’esperienza multisensoriale. viene eseguito in beauty farm, spa e centri estetici da massoterapisti ed estetisti che abbiano seguito lo specifico corso di formazione. 


Continua qui

sabato 13 settembre 2014

Bufale in rete: troppi falsi video di maiali morti destinati a wurstel e hamburger e di polli usati per le cotolette allarmano i consumatori


Da circa un anno circola sul Web un video,Como se hacen los hotdogs y salchichas?”, che mostra cosa succede nelle aziende produttrici di würstel e salsicce. È il tipico video che riesce a ottenere molte visualizzazioni su YouTube perchè contiene:  immagini truci, musica ad effetto e soprattutto un montaggio fantasioso. Nel video, infatti, si vede una macchina tritatutto in cui vengono fatte cadere delle carcasse di maiali. Ciò che ne esce è progressivamente trasformato in una poltiglia che, pare ovvio, viene inserita nei würstel che finiranno sulle tavole degli ignari consumatori. L’effetto è strabiliante ma c’è un piccolo problema, si tratta di immagini assemblate in modo da raccontare una falsa storia. Insomma siamo di fronte ad una bufala. Siamo di fronte a due diversi video montati in successione per raccontare una storia inesistente. Nel primo si vedono le immagini di un impianto per lo smaltimento di carcasse suine tramite incenerimento a fini sanitari, mentre nel secondo si vede una linea di produzione di würstel. Per correttezza va detto che l’utilizzo di certi scarti o rifiuti non è permesso neppure per i mangimi zootecnici o il pet food, figuriamoci per un prodotto destinato all’alimentazione umana.

Una domanda sorge spontanea: chi può davvero credere che, anche nel Paese meno sensibile alle norme salutistiche, igieniche ed ambientali, delle carcasse di animali possano essere tritate per diventare cibo da vendere al supermercato?   Forse chi ha fra i propri obiettivi quello di disincentivare il consumo di carne, demonizzandone il settore.  Il video in questione, che al momento sfiora le 700mila visualizzazioni, non sembra essere stato preso eccessivamente sul serio (leggendo alcuni commenti), ma rilancia un annoso e serio problema: quello delle bufale in Rete, a cui questo giornale ha giustamente dedicato un’intera sezione. Se si naviga on-line o si frequentano i social network, è purtroppo normale  imbattersi in notizie false e mistificatorie che, circolano anche per anni con il solo scopo di generare traffico o di difendere a tutti i costi la propria visione del mondo anche con informazioni che, nel migliore dei casi, creano confusione.

Di  video e di post privi di senso che inondano il Web se contano migliaia. Uno, molto simile a quello dei maiali è il video sulla Slaughter Mobil, dove si vede un impianto di fabbricazione finlandese per la soppressione di animali a fini sanitari che permette di accelerare le operazioni di abbattimento per limitare la diffusione di malattie quali l’aviaria. Da questo video è stato tratto un leggendario post (condiviso solo su facebook da 14mila persone) intitolato “Tutta la verità sulla cotoletta di pollo”. Il post racconta che le carcasse di polli macinate veng0no poi utilizzate per preparare  cotolette. Un altro esempio? Tutti gli articoli in cui si dice che, mangiando carne, si assumono fino a 9 grammi di antibiotici l’anno.

Continua qui 

giovedì 11 settembre 2014

Un aiuto per la memoria? Arriva dal resveratrolo

Il noto antiossidante contenuto nella buccia degli acini d’uva rossa, e in parte nel vino rosso, pare sia anche in grado di far aumentare le prestazioni del cervello, in particolare per quel che riguarda la memoria

Chi non ha mai sentito parlare del resveratrolo? Quasi nessuno, crediamo, perché di questo antiossidante si è detto ormai di tutto: che previene e contrasta l’invecchiamento, promuove la salute cardiovascolare… e, ora, pare che possa anche essere efficace nel migliorare le performance del cervello, in particolare per quanto riguarda la memoria.

Il resveratrolo lo troviamo principalmente nella buccia degli acini d’uva, e in misura minore nel vino rosso (ma quest’ultimo, ahimè, contiene alcol). Per cui, se vogliamo beneficare delle sue proprietà è meglio rivolgersi alla frutta e, visto che parliamo di memoria, dimentichiamoci l’alcol.
E, sempre a proposito di memoria, è l’Osservatorio AIIPA (Associazione Italiana Industrie Prodotti Alimentari – Area Integratori Alimentari) a ricordarci di un nuovo studio pubblicato sul Journal of Neuroscience secondo cui il resveratrolo sarebbe in grado di incrementare le performance della memoria negli adulti*.

Continua qui

mercoledì 10 settembre 2014

La dieta mediterranea contro il rischio diabete

Le difficoltà economiche ci stanno però allontanando dai cibi più sani. Lo studio «Moli-sani» studia quanto giocano i fattori genetici e ambientali nelle malattie cardiovascolari


di Adriana Bazzi

 

 

La dieta mediterranea è in crisi da tempo, colpa della recessione. Così si ingrossa l’esercito degli obesi e riemerge il rischio di malattie cardiovascolari che le abitudini alimentari, tipiche dell’Italia e dei Paesi che si affacciano sul Mediterraneo, stavano tenendo a bada. Iscritta nella lista del Patrimonio culturale immateriale dell’umanità dall’Unesco nel 2010, oggi sta per essere surclassata da hamburger e patatine fritte, kebab e cibi in scatola, panini e merendine. Perché le verdure fresche e il pesce, capisaldi della dieta mediterranea, sono molto più costosi del cibo spazzatura.

 

Continua qui 

 

Piselli, i legumi più dolci che fanno bene alla circolazione

 

 

 

domenica 7 settembre 2014

Menopausa, i 10 sintomi per riconoscerla

Come capire che il climaterio sta arrivando: ecco i segnali inequivocabili legati alla menopausa

La menopausa è caratterizzata da importanti cambiamenti della funzione ormonale femminile: si tratta di un periodo molto importante nella vita di una donna, spesso difficile da accettare. Vediamo insieme come riconoscere i sintomi della menopausa 

1. Si comincia con l'alterazione del ciclo mestruale, che è l'anticamera della scomparsa di esso. Si verificano modifiche nel flusso (più o meno abbondante del normale) ma si possono verificare sia polimenorrea (mestruazioni ravvicinate, anche ogni 15 giorni) o oligomenorrea (mestruazioni distanziate anche di 40 giorni). Possono verificarsi anche fenomeni di spotting, cioè piccole perdite ematiche tra un ciclo e l'altro

2. Altro aspetto è il peso: si tende a ingrassare, specialmente nella zona addominale. Dimagrire diventa più difficile. Ma contrastare il grasso in menopausa non è una mission impossible: ecco i nostri consigli 


3. Altro sgradito sintomo è la secchezza vaginale, dovuto alla riduzione nella produzione degli ormoni estrogeni. La secchezza aumenta il rischio di fastidiose infezioni genitali

Continua qui

venerdì 5 settembre 2014

Tiroide, impara a riconoscere i sintomi

Come capire se c'è qualche problema alla tiroide: vediamo quali sono i sintomi che aiutano a capire se c'è un malfunzionamento legato all'ipertiroidismo o all'ipotiroidismo

La tiroide è una ghiandola che ha un ruolo importantissimo nel controllare il metabolismo del corpo e tutte le sue funzioni grazie alla produzione di ormoni. E' proprio dalla quantità di ormoni che vengono prodotti che possono nascere delle disfunzioni alla tiroide. La tiroide può produrre una quantità eccessiva di ormoni, in questo caso si tratterà di ipertiroidismo ed il corpo consumerà energia più velocemente del normale, Oppure ne può produrre pochi, in questo secondo caso si tratterà di ipotiroidismo. Vediamo quali sono i sintomi che aiutano a capire se c'è un malfunzionamento della tiroide

1. Oftalmopatia, occhi sporgenti

La protrusione dei globi oculari è uno dei sintomi più caratteristici dell'ipertiroidismo, causato da un eccesso di ormoni tiroidei. In questo caso il corpo consumerà energia più velocemente del normale

2. Sintomi vari nella zona del collo

Lo sviluppo di un rigonfiamento alla base del collo (gozzo) è un sintomo dell'ipertiroidismo. Un dolore da lieve a severo alla base del collo, dolore o fastidio durante la deglutizione e la tiroide che appare tenera al tatto sono sintomi di tiroidite, ovvero un'infiammazione alla tiroide 

3. Tremore alle dita

Tremori delle mani e debolezza muscolare sono altri sintomi di ipertiroidismo. Affaticamento fisico e debolezza sono sintomi di ipotiroidismo

Continua qui 

giovedì 4 settembre 2014

Kamut? Provate a leggere…

Il Kamut ha le origini molto antiche. Il cereale Khorasan, al quale è stato messo marchio Kamut®, proviene dai territori antichi dell'Afganistan e dell'Iran, e dell'Egitto.


Il Kamut®, marchio registrato da un ingegnere del Montana per una tipologia di grano dai chicchi grandi, ha letteralmente invaso i nostri scaffali. Pasta, pane, farina, crackers, grissini e tanto altro oramai sono sempre più disponibili anche in versione Kamut®.

Il nome deriva dalla cultura egiziana e significa ‘anima della terra’. In realtà però questo cereale ha ben poco a che fare con l’Egitto, la cultura o la gastronomia egiziana!

Sfatiamo da subito il mito: leggere del Kamut come ‘il cereale usato dagli antichi Egizi’ oppure ‘ritrovato nelle tombe dei faraoni’ altro non è che una colossale – e ben riuscita – operazione di marketing.

Gli antichi egiziani infatti coltivavano farro ed orzo. Il frumento arrivò nelle tavole egiziane solo in seguito, ossia durante il periodo Tolemaico, dal 332 al 330 a.c.

E siccome la notizia ha ovviamente rivelato il controsenso della campagna pubblicitaria la stessa Kamut Internationl, l’azienda americana produttrice, ne ha preso le debite distanze. La leggenda quindi è sfatata.

Ma non è tutto. Contrariamente a quanto spesso si crede, il Kamut contiene glutine e quindi può essere adatto a chi è sensibile ai cereali, ma non è consigliato a coloro che soffrono di sensibilità o intolleranza al glutine.

Lasciamo da parte le leggende e parliamo di dati concreti: quali sono i benefici del Kamut? Ce ne sono o anche qua scopriamo che sono solo leggende?

Rispetto ad altri cereali, presenta una quantità maggiore di sali minerali, in particolare contiene selenio, sostanza dalle ottime proprietà antiossidanti. Inoltre è considerato un alimento altamente digeribile rispetto al "normale grano", questo perché non sottoposto a ibridazioni industriali. Composto principalmente da carboidrati e proteine, vanta un alto contenuto di vitamina E.

Continua qui

mercoledì 3 settembre 2014

Esercizio fisico: un’ora al giorno dimezza il rischio di infarto

Svolgere esercizio fisico per almeno un’ora al giorno aiuta a proteggere il cuore. A sottolineare i benefici per la salute dell’attività fisica sono i ricercatori dell’Uppsala University, in Svezia, nel loro studio pubblicato sulla rivista scientifica “Circulation: Heart”.

Stando allo studio condotto un’ora di esercizio fisico moderato o mezz’ora a ritmo intenso aiuterebbero a ridurre il rischio di infarto fino al 46%. Durante la ricerca è stato inoltre delineato il profilo tipo di coloro che tendono a sviluppare problematiche cardiache.

In base ai dati raccolti durante lo studio, avviato nel 1997 su circa 39 mila cittadini britannici d’età compresa tra i 20 e i 90 anni, il soggetto più a rischio risulta di sesso maschile, con basso livello di istruzione, indice di massa corporea elevato e familiarità con le patologie cardiache. Più probabile inoltre che vengano riscontrate anche patologie come il diabete, l’ipertensione e la tendenza ad avere il colesterolo alto.

Continua qui

Esercizio fisico: camminare aiuta a ridurre il rischio di infarto

 

Mangiare frutta protegge la salute del cuore