Cioccolato, sarà l'alimento delle meraviglie. Grazie a una nuova "formula"

Una nuova procedura di raccolta e tostatura dei chicchi di cacao promette di regalarci una cioccolata più ricca di polifenoli, antiossidanti naturali che prevengono malattie cardiache e tumori


IL CIOCCOLATO è buono. Anzi, buonissimo. Un'affermazione su cui è difficile trovare qualcuno in disaccordo. In molti però si trattengono dal gustarlo: fa ingrassare? Fa male alla salute? Assolutamente no. Il cioccolato (quello fondente almeno) non è solo buono, ma fa anche bene alla salute. Aiuta ad esempio ad abbassare la pressione, riduce il colesterolo, combatte il diabete, previene infarto e ictus. Se pensate che non si possa fare di meglio, però, dovrete ricredervi: un team di ricercatori ganesi e belgi ha infatti sviluppato un metodo per far mantenere alle bacche di cacao una maggiore quantità di polifenoli, antiossidanti naturali che aiutano a prevenire malattie cardiovascolari e tumori, nel corso della lavorazione. Il loro studio è stato presentato durante il recente meeting annuale della American Chemical Society.

Prima di diventare cioccolato, il cacao passa attraverso diversi processi di lavorazione. I frutti della pianta vengono raccolti e aperti per estrarne i semi di colore bianco o violaceo. Questi vengono quindi disposti tradizionalmente in contenitori foderati di foglie di banano, lasciati a fermentare per alcuni giorni prima di essere esposti al sole per l'essiccazione. Completato quest'ultimo passaggio vengono infine tostati per esaltarne il sapore. Durante la tostatura però alcune delle sostanze benefiche presenti all'interno dei semi, in particolare i polifenoli, vengono perse. Interessati a migliorare le proprietà nutrizionali del cacao, i ricercatori hanno quindi deciso di esplorare alcune possibili strategie per minimizzare la perdita di sostanze nutritive dovuta alla tostatura, senza intaccare il sapore del cacao.

Continua qui

Commenti