martedì 6 gennaio 2009

Birra e vino contro il cancro da bistecca

Per molte persone non c’è nulla di più buono di una bistecca. Ma come sappiamo, proprio la bistecca, soprattutto se fritta, è uno degli alimenti più dannosi che ci siano. In grandi quantità, la carne fritta aumenta il rischio di contrarre svariate forme di cancro, ma dopotutto anche la bistecca non fritta contiene numerosi agenti cancerogeni che, se assunti in grandi quantità, possono far ammalare. Ma oggi per tutti gli amanti della frittura e delle bistecche arriva una buona notizia. Uno studio portoghese ha rilevato che questi alimenti, se annaffiati con dell’alcool (non puro, ma semplicemente con della birra o del vino), diminuiscono notevolmente il rischio di contrarre la malattia. Cuocere alcuni tipi di cibi sviluppa composti eterociclici chiamati ammine, provenienti dalla conversione ad alte temperature di zuccheri e aminoacidi presenti nel tessuto muscolare. E’ stato oggi provate che numerose sostanze diminuiscono queste ammine. Esse sono l’olio d’oliva, succo di limone e aglio tritato, utili nel 90% della carne cotta alla griglia, mentre il vino rosso è molto efficace sulla frittura.

Un nuovo esperimento condotto dal team portoghese dell’Università di Porto, guidato da Isabel Ferreira, ha rilevato come lasciare a marinare una bistecca per 6 ore dentro il vino rosso o la birra riduce del 90% due tipi di ammine rispetto ad una bistecca non trattata. Per un terzo tipo di ammina, la birra è risultata più efficace rispetto al vino, riducendola notevolmente in sole 4 ore. Per ottenere lo stesso risultato il vino aveva bisogno di agire per le solite 6 ore. Questo perché la birra contiene più zuccheri che trattengono l’acqua, e quindi ostacolano maggiormente il trasporto delle molecole solubili dell’acqua alla superficie della bistecca, dove le alte temperature li convertono in ammine. Questa scoperta accontenterà anche i palati più esigenti, perché i primi assaggiatori hanno rilevato un profumo migliore nella carne marinata con la birra, con un aspetto e un sapore uguali a quello della carne non trattata. I risultati dettagliati si possono trovare sul Journal of Agricultural and Food Chemistry.

[Fonte: newscientist]

Tradotto da www medicina live.com

Nessun commento: