sabato 9 gennaio 2010

Liquirizia e testosterone: quali effetti?


La liquirizia si presta a svariati tipi di impiego, e riesce tra l'altro a creare nell'individuo che la consuma regolarmente una vera e propria dipendenza. L'unico effetto collaterale, riscontrato fin'ora, era quello di provocare un leggero innalzamento della pressione sanguigna;è, infatti, sconsigliata per questo motivo nei casi di ipertensione. Un gruppo di ricercatori italiani ha scoperto che la liquirizia favorirebbe anche una riduzione del testosterone. La spiegazione scientifica è che il suo componente più attivo, l'acido glicirrizico, responsabile anche dell'aumento della pressione, interrompe la trasformazione di un precursore del testosterone nell'ormone maschile. Gli endocrinologi italiani hanno dimostrato che in sette uomini che avevano mangiato liquirizia per quattro giorni, il testosterone era diminuito del 35%. Alcuni ricercatori americani, dopo aver ripetuto l'esperimento, sono arrivati alla conclusione che non è certo che la radice determini la diminuzione della libido maschile. Ma la notizia che mangiare liquirizia potrebbe inibire l'ormone del sesso non è assurda.

...

Fonte

Nessun commento: