Cucina d'autunno, a tutta salute

Dai carciofi alla zucca, tutti gli alleati di stagione

foto Getty
 
La tavola d'autunno ha dalla sua parte moltissimi ingredienti preziosi per combattere l'affaticamento e lo stress caratteristico della mezza stagione. Ad esempio, il cuore dei carciofi aiuta il fegato e allevia i sintomi di colite e gastrite; broccoli e cavolfiori rafforzano le difese immunitarie, proteggendoci  dai primi raffreddori; la zucca è una riserva di carotenoidi antiossidanti, validi alleati contro i radicali liberi che invecchiano le cellule. Insomma la natura si comporta da medico intelligente perché ci mette a disposizione il cibo giusto proprio nel momento in cui ne abbiamo particolarmente bisogno.  
Seguendo i consigli della nutrizionista Sara Farnetti, specialista in medicina interna ed esperta in malattie del metabolismo, possiamo trasformare un menù appetitoso in una vera e propria cura a base di ortaggi. Il primo alimento amico di questi mesi è il carciofo, il miglior assistente "verde" del fegato. "In questo periodo di passaggio - dice Farnetti - a essere sotto pressione è soprattutto l'apparato gastrointestinale, con difficoltà particolari per il fegato. E' proprio dopo la ripresa del lavoro post-ferie estive che si riacutizzano coliti, gastriti e stitichezza". Il carciofo ci aiuta grazie alla cinarina, una sostanza dotata di effetto detossicante proprio a livello epatico. "Favorisce infatti l'espulsione della bile nell'intestino, e insieme alla bile vengono eliminati anche il colesterolo e tutte le sostanze tossiche sia assunte con la dieta, sia prodotte dall'organismo", spiega l'esperta. Il carciofo, inoltre, "contiene fibre utili all'ecosistema intestinale, in grado di funzionare come cibo per i batteri buoni dell'intestino". Per sfruttare al meglio le proprietà di questo ortaggio, è importante non farlo bollire, altrimenti la cinarina si disperde nell'acqua, mentre è opportuno usarne i fondi, ossia la parte più tenera. Nelle foglie infatti si trova una sostanza chiamata lignina, che può complicare il lavoro di un apparato gastrointestinale, magari già provato da coliti e gastriti. "Il piatto che propongo è una bella pasta condita con i fondi del carciofo".

Continua qui

Commenti