giovedì 28 giugno 2012

Vaccino stile Pacman contro il fumo "Un'iniezione per dire addio alle sigarette"

Testato dai ricercatori della Cornell: mangia la nicotina nel sangue e impedisce che arrivi al cervello. Punta a spezzare il meccanismo della dipendenza

 

 
di ELENA DUSI
ROMA - Smettere di fumare è un po' come trovarsi in un videogioco. "Pensiamo a Pacman. Gli anticorpi dell'organismo viaggiano ovunque nei vasi sanguigni. Se ogni volta che incontrano una molecola di nicotina riescono a bloccarla, possono impedirle di raggiungere il cervello e produrre i suoi effetti nocivi". Ronald Crystal, genetista della Cornell University di New York, sintetizza così la sua visione di un vaccino capace con una singola iniezione di liberare per sempre dal vizio del fumo. Il rimedio contro il tabagismo oggi viene sperimentato sui topi. Prima che arrivi in farmacia occorreranno ancora i test sull'uomo, ma gli sforzi per contrastare il meccanismo della dipendenza dalla nicotina non saranno mai sproporzionati rispetto ai benefici. Il fumo infatti è considerato responsabile di un decesso su sei: più di 70mila persone all'anno solo in Italia.

Continua qui

 

martedì 26 giugno 2012

VACANZE, LA TOP TEN DELLA FRUTTA CHE ABBRONZA

Carote, radicchi e albicocche salgono sul podio degli abbronzanti naturali in grado di 'catturarè i raggi del sole e garantire una tintarella naturale ma anche utilissimi per difendere l'organismo dalle elevate temperature. È la Coldiretti a stilare la speciale classifica top ten del cibo che abbronza in occasione dell'arrivo dall'Africa di 'Scipionè, il vastissimo anticiclone con afa e caldo che anticipa di una settimana rispetto al solstizio del 21 giugno l'arrivo dell'estate, dopo una primavera 2012 che si classifica al sesto posto tra le più calde da 210 anni con una temperatura superiore di 1,29 gradi centigradi rispetto alla media. Con il grande caldo, infatti, consumare carote, insalate, cicoria, lattughe, meloni, peperoni, pomodori, albicocche, fragole o ciliegie serve a difendersi dai colpi di calore, ma anche - sottolinea la Coldiretti - a preparare l'abbronzatura estiva. Anche chi è ancora costretto a rimanere in città infatti può difendersi dal caldo e prepararsi la tintarella estiva con una dieta adeguata che si fonda sul consumo di cibi ricchi in vitamina A che - precisa la Coldiretti - favorisce la produzione nell'epidermide del pigmento melanina per donare il classico colore ambrato alla pelle. Il primo posto è conquistato indiscutibilmente dalle carote che contengono ben 1200 microgrammi di vitamina A o quantità equivalenti di caroteni per 100 grammi di parte edibile. Al secondo posto - continua la Coldiretti - salgono i radicchi che ne hanno circa la metà mentre al terzo si posizionano le albicocche seguite da cicoria, lattuga, melone giallo e sedano, peperoni, pomodori, pesche gialle, cocomeri, fragole e ciliege che presentano comunque contenuti elevati di vitamina A o caroteni.
Un maggior consumo di frutta e verdura sono fonte di vitamine, sali minerali e liquidi preziosi per mantenere l'organismo in efficienza e per combattere i radicali liberi prodotti come conseguenza dell'esposizione solare. Antiossidanti «naturali» sono infatti le vitamine A, C ed E che - sottolinea la Coldiretti - sono contenute in abbondanza in frutta e verdura fresca.

Continua qui

giovedì 21 giugno 2012

La dieta anticaldo

La dieta anticaldo
L'aumento esponenziale delle temperature con picchi di 30 gradi e oltre impone cautela anche a tavola. La nutrizionista Virginia Gattai, una degli esperti di D.it, ci dà le linee guida da seguire per contrastare gli inconvenienti del grande caldo di Elisa Poli

Il grande caldo è arrivato. Ma se dal punto di vista della moda è un vantaggio liberarsi di calze e maglioncini, ci sono anche alcuni lati negativi come la disidratazione, la digestione più difficile e qualche inconveniente intestinale. Per essere ben preparate la nutrizionista Virginia Gattai, una degli esperti di D.it che risponde alle domande dei nostri lettori (clicca qui per contattarla), ci dà poche semplici regole per aiutarci a evitare i contro della bella stagione e goderci solo i pro.

Regola 1: non esagerare con le calorie. Con il caldo il nostro fabbisogno energetico diminuisce di circa 200-300 calorie al giorno, l'organismo non deve più contrastare il freddo e quindi brucia meno. Occhio allora a porzioni e grassi.

Regola 2: mangiare leggero. Con l'estate e l'aumento della temperatura anche i processi digestivi se ne "vanno in vacanza" e diventano meno efficienti. Il segreto è quindi mangiare più spesso e cose più digeribili. Ridurre le carni rosse e aumentare il consumo di pesce, che è facilmente digeribile perché poco calorico e ricco di acidi grassi che combattono il colesterolo cattivo. Da evitare il più possibile fritti, intingoli e condimenti troppo elaborati. Alcune spezie e aromi possono aiutare: menta, cumino, zafferano e cardamomo favoriscono la digestione (ma non piacciono a tutti, quindi attenzione alle dosi!), mentre peperoncino, zenzero, pepe nero aumentano la temperatura interna, fanno sudare di più e quindi danno una sensazione di freschezza (da provare la dissetante acqua con foglioline di menta).

Regola 3: attenzione alla proliferazione dei batteri. Con l'incremento della temperatura aumenta anche il rischio di contaminazione dei cibi da parte di agenti patogeni. Serve allora aumentare il consumo di yogurt che protegge e rafforza le difese naturali dell'organismo e aiuta ad assorbire meglio vitamine e minerali. Ottimo per esempio usarlo come ingrediente nei frullati di frutta fresca.


La dieta anticaldo
Regola 4: reintegrare i sali minerali persi. Con il caldo, è ovvio, aumenta la sudorazione. Contro la perdita di sali e liquidi bisogna bere almeno 2 litri di acqua al giorno, va benissimo anche quella del rubinetto. Consumare poi tanta verdura (cetriolo, sedano, radicchio, pomodori) e frutta (albicocche, uva, pesche, prugne) che contengono molta acqua, dal 75% fino al 95% (come nel caso di cocomero e melone). Evitare di bollire le verdure perché si impoveriscono di vitamine e sali. Vanno evitate le bibite gassate e zuccherate che portano calorie "vuote" e sono ricche di additivi e sostanze che non servono. Limitare caffè e bevande a base di cola che aumentano la vasocostrizione e la diuresi, provocando disidratazione. No anche a tutto ciò che è troppo caldo o troppo freddo, perché influisce negativamente sui meccanismi di regolazione della temperatura. Proibiti anche i superalcolici (gli alcolici vanno comunque evitati) in quanto aumentano la sudorazione e quindi possono causare disidratazione e inoltre limitano l'assorbimento delle vitamine, soprattutto della B che ha un ruolo fondamentale nella trasformazione in energia delle calorie.

Continua qui 

Arriva il caldo, ecco come mantenersi “idratati”

martedì 19 giugno 2012

Il tradimento fa male al cuore

I risultati di una ricerca italiana confermano che le scappatelle sono pericolose per il cuore. E non solo di chi viene tradito.

 
Scappatelle in auto? Da evitare: sono pericolose per il cuore (© Cathrine Wessel/CORBIS)
Scappatelle in auto? Da evitare: sono pericolose per il cuore (© Cathrine Wessel/CORBIS)

La tradisci? Non rischi solo di spezzare il cuore alla tua dolce metà, ma metti a serio rischio anche il tuo. È la conclusione di uno studio tutto italiano condotto all'Università di Firenze da Alessandra Fisher e dai colleghi del dipartimento di Medicina della Sessualità e Andrologia.

Stroncati dalle corna
I ricercatori hanno analizzato la letteratura medica estrapolando tutti i casi che contengono termini come “tradimento”, “infedeltà”, “adulterio” e li hanno messi in relazione con la relativa fattispecie clinica.
Dallo studio è emersa una correlazione tra i rapporti non ufficiali e i decessi, soprattutto maschili, per morte improvvisa coitale, cioè durante un appassionato incontro d'amore. Sembra insomma che la maggior parte dei maschi stroncati da problemi cardiaci nel bel mezzo di un rapporto sessuale non fossero in compagnia della legittima consorte.
Uccisi dal rimorso? In parte sì. Secondo i medici fiorentini gli incontri extraconiugali, spesso con donne molto più giovani di loro, farebbero aumentare negli uomini l'ansia da prestazione e le condizioni generali di stress, che unite alla vita sregolata indotta dalle scappatelle metterebbero a dura prova il loro apparato cardiocircolatorio.
Non solo: sembra che I maschi traditori, ancora innamorati o attratti dalle proprie compagne ufficiali, siano i più esposti a questo “infarto da tradimento”.

Continua qui
 

venerdì 15 giugno 2012

Acqua come medicina, c'e' quella giusta anche per curarsi

Convegno su risorsa;esperto, esposta a rischi chimici in tubature

Si deve scegliere con cura l'acqua che beviamo, come se fosse la medicina giusta per ogni situazione. O quasi. E allora, per esempio, c'e' un'acqua per la gravidanza, un'altra per chi ha problemi di fragilita' alle ossa, un'altra per lo sport. E ancora a seconda delle diete, e dei regimi alimentari, si deve scegliere un'acqua povera di sodio piuttosto che ricca in calcio o guardare ad altri minerali e al residuo fisso. E' il messaggio che arriva dal convegno 'L'acqua che beviamo: fare chiarezza', promosso dalla Fondazione acqua, nata nel marzo 2011 per diffondere una corretta informazione.

Le acque minerali naturali, ha sottolineato Andrea Fabbri, endocrinologo dell'universita' di Roma Tor Vergata e coordinatore del Comitato scientifico della Fondazione, ''essendo dotate di caratteristiche organolettiche ed igieniche particolari sono in grado di svolgere azioni favorenti la salute e di mantenere il benessere ormonale''. Altro esempio: un'acqua ricca in calcio, ad esempio, non favorisce i calcoli.

Continua qui

mercoledì 13 giugno 2012

Tutti al mare: ecco come abbronzarsi senza guai!

Molti non sanno che...

I raggi UVA sono responsabili dell'invecchiamento della pelle perchè penetrano in profondità nell'epidermide. In qualche caso possono anche danneggiare le fibre elastiche. Chi passa molte settimane al sole durante l'anno sappia che le rughe sul suo viso aumenteranno in modo esponenziale.

Non esponetevi al sole dopo esservi cosparsi di profumo giacché potranno comparire sulla vostra pelle macchie indesiderate o eritemi.
I raggi UVB sono più pericolosi, soprattutto se si prende il sole nelle ore centrali del giorno quando il cielo è particolarmente limpido e la brezza soffia forte. Questi raggi entrano all'interno delle cellule, possono alterare il DNA e causare tumori cutanei.
I raggi UVC sono altrettanto pericolosi perchè uccidono le cellule. L'ozono ci protegge solo parzialmente per la ben nota riduzione della fascia e dunque negli ultimi anni la loro pericolosità è aumentata. Le radiazioni solari all'infrarosso scaldano la pelle e nei soggetti più deboli, specialmente nei bambini, possono provocare il classico eritema da calore, specie se l'aria è molto secca, troppo ventilata e manca di conseguenza un minimo di sudorazione rinfrescante. Non prendete il sole mentre assumete antibiotici: macchie anti estetiche potrebbero comparire ovunque e non scomparire più.
Se la vostra PELLE è CHIARA adottate la protezione adeguata con filtro UV: passate da un fattore alto (ma non totale, sennò che ci andate a fare al mare) ad uno medio negli ultimi giorni.

Continua qui

 

martedì 12 giugno 2012

Perchè mangiare il gelato, a volte, provoca il mal di testa?

Uno studio americano spiega la causa del fastidioso dolore che può guastare il piacere di un buon gelato.

I gelati, ma anche i ghiaccioli e le bibite fredde, non appena entrano in contatto con il palato possono provocare fortissimi mal di testa che, fortunatamente, durano solo pochi istanti. La causa scatenante di questo fenomeno sarebbe da ricercare nella rapida dilatazione e costrizione dell'arteria cerebrale anteriore - un vaso sanguigno che irrora una parte del cervello – causata dai liquidi freddi.
Jorge Serrador e i suoi colleghi della Harvard Medical School di Boston hanno recentemente presentato al convegno Experimental Biology 2012 tenutosi a San Diego i risultati di uno studio condotto su 13 volontari. 

Continua qui

domenica 10 giugno 2012

Fumatori al minimo storico, calo del 2%

In media si fumano 13 sigarette al giorno, 140 milioni di bionde

ROMA - Diminuiscono in Italia i fumatori, ora al minimo storico: nel 2011 erano il 22,7% della popolazione con più' di 15 anni, nel 2012 scendono al 20,8%, per un totale di 10,8 milioni di persone. Un calo dunque di quasi 2% punti percentuali, con un picco in discesa per le fumatrici, diminuite del 2,4%. E' questo il dato più' significativo dell'indagine Doxa commissariata dall'Istituto Superiore di sanità' e che sarà' presentata stamani, Giornata Mondiale del Tabacco, nel corso di un convegno a Roma.

Continua qui

sabato 9 giugno 2012

Pelle giovane e protetta con i pomodori

Il pomodoro contiene sostanze preziose che, secondo uno studio, possono mantenere la pelle giovane e proteggere contro le scottature


Pomodoro meglio delle creme di bellezza e dei filtri solari? Sì, secondo gli scienziati inglesi dell’Università di Newcastle. Il rosso frutto sarebbe dunque una valida, naturale ed economica alternativa ai più costosi cosmetici e prodotti per la bellezza e la salute della pelle.

I pomodori accompagnano da sempre le tavolate estive fatte di cibi freschi, gustosi e nutrienti. Consumati in insalata, come salsa o i tutti i modi che suggerisce la fantasia questi frutti del Sole possono essere preziosi alleati della salute e bellezza della pelle – ma non solo dato che è risaputo e scientificamente provato che le sostanze in essi contenute sono eccellenti per la salute in generale.

Continua qui

venerdì 8 giugno 2012

Scopri i semi esotici che svegliano il cervello



Nel mese in cui la primavera è nel pieno del suo rigoglio prima di far posto alla bella stagione, il cervello è sotto stress: un po’ perché si avvicinano le scadenze estive, un po’ perché il cambio di temperatura richiede un notevole processo di “assestamento”. Per evitare che la nostra importantissima “centralina” (cioè il cervello) perda colpi, facendoci sentire debilitati sul piano fisico e mentale, aiutiamola con due erbe specifiche per il tessuto cerebrale.

Continua qui

giovedì 7 giugno 2012

Il ferro allevia il senso di fatica nelle donne

Anche se non si soffre di anemia, per le donne integrare le riserve di ferro nell’organismo aiuta a combattere il senso di affaticamento senza spiegazione

Si è soliti assumere integrazioni di ferro quando si sospetta un problema di anemia o, in particolare per le donne, quando si è nel periodo del ciclo mestruale. Tuttavia, la sensazione di affaticamento che spesso colpisce proprio le donne può avere origini differenti e inspiegabili: un’integrazione delle riserve di questo minerale pare possa alleviare questo senso di fatica.

Una grave carenza di ferro ha anche manifestazioni più eclatanti che non un, più o meno, stato di affaticamento: l’anemia infatti, in questi casi, si presenta con letargia, debolezza marcata e anche sensazione di svenire. Integrare ferro può dunque essere utile in questi casi, ma anche se non si è soggetti all’anemia suggerisce un nuovo studio svizzero.
L’intento dei ricercatori era pertanto quello di capire meglio cosa vi potesse essere dietro alla stanchezza inspiegabile che colpisce molte donne in età fertile. A motivo di ciò hanno reclutato 198 donne di età compresa tra i 18 e i 53 anni che denunciavano un senso di affaticamento cui non si sapeva dare spiegazione – dato che non erano affette da anemia.


Continua qui

martedì 5 giugno 2012

Tenersi in forma fra le mura di casa

Smaltire i chili in eccesso delle feste e tornare in forma allenandosi tra le pareti domestiche: è la scelta di 2 italiani su 5 che all'iscrizione in palestra preferiscono l'allenamento casalingo. Grazie agli attrezzi sempre più tecnologici e connessi al web, si è affermata la tendenza della Gymnhouse, termine derivato da gymnasium (palestra) e house (casa), che trasforma il salotto in una vera e propria palestra con più di un vantaggio: si risparmia, non si è costretti a portarsi dietro pesanti borsoni e a condividere spazi con persone estranee. Ecco alcune delle discipline che si possono praticare in casa e quante kilocalorie permettono di bruciare
di Irma D'Aria 

Continua qui

venerdì 1 giugno 2012

Migliorare la qualità, la quantità ed il sapore del proprio sperma

Cari amici, immagino che come me, molti di voi si siano posti almeno una volta uno o tutti i seguenti quesiti:


1) Come incrementare il numero di round utili
2) Come migliorare il sapore e l'odore del proprio sperma
3) Come si controlla la durata del rapporto

Premessa: immagino che con l'esperienza e la conoscenza del proprio corpo si riesca ad ottemperare facilmente al primo quesito.
Tuttavia, in un periodo di intensa attività sessuale mi sono reso conto di essere arrivato al punto da sentirmi continuamente stanco e stressato, l'appetito sessuale, nonostante parthner molto sensuali era diminuito drasticamente cosi ho deciso di documentarmi a riguardo. Dopo varie ricerche e diversi esperimenti ecco cosa ho scoperto:

La carenza di sonno la stanchezza e la cattiva alimentazione influiscono potentemente sugli aspetti sopra elencati

Cominciamo da come aumentare il numero di round utili
Lo sperma è composto in gran parte da fruttosio e zinco, calcio e altri minerali di minore importanza.
Per assicurare una produzione di sperma corretta ed abbondante integrate un bicchiere di latte ed un paio di frutti (io mangio un paio di mele verdi, una in tarda mattinata, l'altra nel pomeriggio) alla propria dieta.
In questo modo favorirete la produzione di sperma aumentando le riserve utili e favorendo piu rapporti consecutivi ed IMMEDIATI

Per quanto riguarda il sapore
Cercate di evitare superalcolici, birra e carne rossa almeno un'ora prima del rapporto
subito prima del sesso bere del succo d'ananas. Essendo liquido è di assimilazione immediata, migliora incredibilmente il sapore e anch'esso aumenta sensibilmente la produzione di sperma e la qualità dell'erezione.

(...)

Continua qui 

L’amore al tempo di MTV