lunedì 17 agosto 2009

Il sole bacia gli intelligenti

Approfittare delle vacanze non solo per rilassarsi, ma anche per diventare più intelligenti è un’ottima idea. In che modo? Semplicemente stando al sole. Secondo un gruppo di ricercatori americani il sole fa luce sull’intelligenza, nel vero senso della parola. Una scarsa esposizione ai raggi solari impoverirebbe le risorse cognitive. La rivelazione arriva da uno studio pubblicato sulla rivista “Environmental Health”: il gruppo di ricercatori guidato da Shia Kent, università dell’Alabama, ha incrociato i dati relativi alle funzioni cognitive di 14.474 persone con le tabelle meteorologiche fornite dalla Nasa. Tuttavia Alberto Oliverio, docente di Psicobiologia dell’università “La Sapienza”, è piuttosto scettico: «Non credo ci sia un collegamento diretto tra l’esposizione alla luce solare e le funzioni cognitive di un individuo. Più probabilmente questa associazione tra luce e funzioni cognitive è l’effetto che la luce stessa ha sull’umore; infatti», prosegue Oliverio, «alcune persone possono soffrire di Disturbo Affettivo Stagionale (SAD), una sindrome depressiva a ricorrenza invernale caratterizzata da umore depresso, irritabilità, apatia ed eccessivo sonno. Tanto è vero che nei paesi nordici, dove ci sono inverni con pochissime ore di luce, vi è un’illuminazione stradale più forte e si consiglia la “luce terapia”».

I risultati dello studio sono incoraggianti soprattutto per i soggetti depressi: le persone affette dal “male di vivere” riuscirebbero a non danneggiare la propria intelligenza facendo qualche passeggiatina in più al sole. Recenti studi hanno dimostrato, inoltre, che il sole influenza il flusso di sangue nel cervello, che si sa essere legato alla funzione cognitiva. Gli esperti del team della dottoressa Kent hanno incrociato i dati Nasa sul sole e le performance cognitive dei volontari, individuando così una chiara associazione tra perdita delle funzioni cognitive e scarsa esposizione al sole, ma solamente tra le persone affette da disturbi depressivi: «Non vedo però», ribadisce il professor Oliverio, «un collegamento tra luce solare e funzioni cognitive. Semplicemente, la luce condiziona l’umore, in particolare quello delle persone che soffrono di depressione e che già di per sé presentano difficoltà di attenzione e apprendimento». È quindi probabile che la luce, elemento chiave per il buon umore, influenzi anche le attività cognitive; questo meccanismo è più evidente nelle persone che hanno un umore debilitato e più vulnerabile.

...

Fonte

Nessun commento: