giovedì 21 ottobre 2010

Tumori, un decennio in aumento la malattia cambia con la società

L'allungamento della vita media e l'anticipo del ciclo riproduttivo femminile contribuiscono a variare le statistiche sulla malattia. Le abitudini a rischio sono le stesse, ma cambiano i soggetti che le adottano: ora il fumo colpisce più tra le donne

ROMA - Nel 2010, in Italia si sono registrati 270mila nuovi casi di tumore, il 10% in più rispetto a dieci anni fa. Le cause non sono legate solo all'aumento dell'età media della popolazione; incidono anche la crescita dei fattori di rischio come fumo ed alimentazione poco sana e fenomeni come il cambiamento del ciclo riproduttivo per le donne. A delineare questo scenario, rispetto all'aumentata insorgenza dei tumori, è Francesco Schittulli, presidente della Lega italiana per la lotta contro i tumori (Lilt), in occasione della presentazione dei dati su una campagna di comunicazione realizzata dalla Lilt e finanziata dal ministero della Salute, condotta in 10 regioni per sollecitare l'adesione agli screening.

Continua a leggere
 

Nessun commento: