giovedì 4 settembre 2014

Kamut? Provate a leggere…

Il Kamut ha le origini molto antiche. Il cereale Khorasan, al quale è stato messo marchio Kamut®, proviene dai territori antichi dell'Afganistan e dell'Iran, e dell'Egitto.


Il Kamut®, marchio registrato da un ingegnere del Montana per una tipologia di grano dai chicchi grandi, ha letteralmente invaso i nostri scaffali. Pasta, pane, farina, crackers, grissini e tanto altro oramai sono sempre più disponibili anche in versione Kamut®.

Il nome deriva dalla cultura egiziana e significa ‘anima della terra’. In realtà però questo cereale ha ben poco a che fare con l’Egitto, la cultura o la gastronomia egiziana!

Sfatiamo da subito il mito: leggere del Kamut come ‘il cereale usato dagli antichi Egizi’ oppure ‘ritrovato nelle tombe dei faraoni’ altro non è che una colossale – e ben riuscita – operazione di marketing.

Gli antichi egiziani infatti coltivavano farro ed orzo. Il frumento arrivò nelle tavole egiziane solo in seguito, ossia durante il periodo Tolemaico, dal 332 al 330 a.c.

E siccome la notizia ha ovviamente rivelato il controsenso della campagna pubblicitaria la stessa Kamut Internationl, l’azienda americana produttrice, ne ha preso le debite distanze. La leggenda quindi è sfatata.

Ma non è tutto. Contrariamente a quanto spesso si crede, il Kamut contiene glutine e quindi può essere adatto a chi è sensibile ai cereali, ma non è consigliato a coloro che soffrono di sensibilità o intolleranza al glutine.

Lasciamo da parte le leggende e parliamo di dati concreti: quali sono i benefici del Kamut? Ce ne sono o anche qua scopriamo che sono solo leggende?

Rispetto ad altri cereali, presenta una quantità maggiore di sali minerali, in particolare contiene selenio, sostanza dalle ottime proprietà antiossidanti. Inoltre è considerato un alimento altamente digeribile rispetto al "normale grano", questo perché non sottoposto a ibridazioni industriali. Composto principalmente da carboidrati e proteine, vanta un alto contenuto di vitamina E.

Continua qui

Nessun commento: