Mal di testa dei bambini: diagnosi in ritardo, basterebbe un diario sui segnali d'allarme

Gli esperti riuniti a Capri discutono dell'emicrania infantile, dell'importanza dell'attenzione dei genitori e del ruolo del pediatra per una disturbo che colpisce fino al 9% degli under 12. Ecco quali sono le soluzioni terapeutiche in caso di accertamento positivo

CAPRI - I neurologi parlano del 5% dei bambini che soffre di emicrania, i pediatri, riuniti a Capri per i corsi delle Scuole di Paidoss, Osservatorio nazionale sulla salute dell'infanzia e dell'adolescenza, accreditano fino al 9% degli under 12. E la diagnosi corretta arriva sempre con ritardi biblici: due anni in media, anche tre dai primi sintomi, dice Bruno Colombo, responsabile del centro per la cura e la diagnosi delle cefalee dell'età pediatrica ed adulta dell'università Vita-salute, ospedale San Raffaele di Milano.

Continua qui

Commenti