mercoledì 22 maggio 2019

Classifica città Indice della salute Sole 24 Ore Genova seconda per mortalità causata da tumori

Classifica città Indice della salute Sole 24 Ore
La graduatoria è il risultato della media dei punteggi ottenuti dai diversi territori nei singoli indicatori. Le province prese in considerazione sono 107


Classifica città Indice della salute Sole 24 Ore
Dopo quelle su qualità della vita e clima, il Sole 24 Ore propone altri parametri di confronto fra le province italiane: ben 12 indicatori, dal cui confronto è nato l'Indice della salute. Il quotidiano economico ha valutato incidenza delle malattie sul territorio, possibilità di curarle attraverso i farmaci, accesso alle cure e la disponibilità di personale specializzato, dall'infanzia alla vecchiaia, oppure la necessità di spostarsi altrove.


Classifica città Indice della salute Sole 24 Ore
Per quanto riguarda Genova, preoccupano i dati relativi alla mortalità causata da tumori (morti ogni mille abitanti 2012-2016). Il capoluogo ligure è penultimo in classifica davanti alla sola Alessandria. Va meglio scorrendo la classifica finale, dove Genova si piazza 56esima, mentre è 52esima nella classifica per tasso di mortalità (standardizzato per diecimila abitanti).
Un'altra classifica riguarda i morti per infarto su mille abitanti nel periodo 2012-2016 e Genova si piazza all'ottantottesimo posto; un'altra l'aumento di speranza di vita (incremento dell'età attesa alla nascita 2002-2017) dove ci assestiamo al 35esimo posto. Siamo trentesimi invece per numero di medici di base ogni mille abitanti, diciassettesimi per recettività ospedaliera (dimissioni di residenti avvenute fuori regione in percentuale) e 78esimi per emigrazione ospedaliera (dimissioni di residenti avvenute fuori regione in percentuale).


Potrebbe interessarti: http://www.genovatoday.it/attualita/indice-salute-sole-24-ore.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/Genova-Today/113510678752010

lunedì 20 maggio 2019

Tac con radiazioni dimezzate grazie a un nuovo algoritmo: premiate due ingegnere italiane

Il loro protocollo potrà ridurre significativamente l'esposizione alle radiazioni, soprattutto per quei pazienti come i malati oncologici che sono costrette a ripetute analisi



Michela D'Antò e Federica Caracò 
ROMA. Tac con radiazioni dimezzata, grazie a due giovani ingegnere cliniche di Napoli che hanno superato la concorrenza di 162 progetti, elaborando un protocollo per ridurre del 40-60% l'esposizione  garantendo una buona qualità dell'immagine. Si tratta di un algoritmo che permetterà il collaudo di macchine di varie aziende e in diversi modelli in modo da poter effettuare le Tac a dosi ridotte.

Le due giovani ingegnere campane sono le vincitrici del Primo premio assoluto dell'Health technology challenge (Htc). Il premio è stato consegnato durante il XIX Congresso dell'Associazione nazionale degli ingegneri clinici (AIIC) che si è svolto a Catanzaro. Le due ingegnere di Napoli, Michela D'Antò, della Fondazione G. Pascale e Federica Caracò, dell'Università degli studi Federico II, hanno ottenuto il massimo punteggio della giuria tecnica e popolare con il progetto "Valutazione di un protocollo per la verifica delle funzionalità di un sistema di riduzione della dose installato su tomografi assiali computerizzati".

Si stima che in Italia su oltre 40 milioni di esami radiologici effettuati ogni anno, circa il 44% sia prescritto in modo inappropriato e non sia strettamente necessario. I malati oncologici sono i più esposti a queste radiazioni durante la fase della diagnosi e nei continui controlli successivi, nel corso delle cure e dopo.


Continua qui

sabato 18 maggio 2019

Coldiretti, raccolta miele praticamente azzerata dal maltempo

Viene mangiato dalle api per sopravvivere, 20 giornata mondiale


Da Nord a Sud del Paese è praticamente azzerata quest'anno la produzione di miele a causa dell'andamento climatico siccitoso del mese di marzo seguito da un mese di aprile e maggio dal meteo particolarmente capriccioso caratterizzato da vento, pioggia e sbalzi termici che non ha consentito alle api neanche di trovare nettare sufficiente da portare nell'alveare. E' l'allarme lanciato dalla Coldiretti sugli effetti del maltempo che rovina in Italia la giornata mondiale delle api che si festeggia il 20 maggio a livello planetario, dopo essere stata istituita dall'Onu nel 2018, per riconoscere il ruolo insostituibile svolto da questo insetto tanto che Albert Einstein sosteneva che: "se l'ape scomparisse dalla faccia della terra, all'uomo non resterebbero che quattro anni di vita". La pazza primavera - sottolinea la Coldiretti - ha creato gravi problemi agli alveari con il maltempo che ha compromesso molte fioriture e le api che non hanno la possibilità di raccogliere il nettare.

Continua qui

mercoledì 8 maggio 2019

Bere acqua e limone al mattino: benefici, controindicazioni ed effetti reali!

Bere acqua e limone al mattino fa veramente bene e porta davvero dei benefici o è solo una moda del momento?
Negli ultimi tempi il mondo della rete ha partorito la moda di bere ogni mattina un bicchiere d’acqua tiepida con il succo di un limone. E’ un boom di “mi piace” e condivisioni. Almeno all’apparenza, perchè ogni giorno un sacco di utenti mi scrivono chiedendomi delucidazioni sull’argomento e rassicurazioni sulle reali proprietà di questa bevanda. E’ proprio questo che mi ha incentivata ad approfondire i benefici di acqua e limone, indagando anche su eventuali effetti collaterali e CONTROINDICAZIONI.
Proverò quindi a condividere con voi le mie conoscenze farmacologiche e le notizie più recenti e plausibili che ho trovato a riguardo nelle riviste scientifiche più accreditate.
Ma cosa ne pensa la scienza?
Molte riviste scientifiche online sostengono che bere acqua e limone offra i seguenti benefici:
  1. Bere acqua e limone al mattino fa bene perchè è in grado di migliorare la digestione e idratare l’intero organismo. Il più grande vantaggio di bere acqua tiepida e limone può essere apportato dalla sola presenza dell’acqua tiepida, e non dal limone aggiunto. Bere acqua a digiuno appena svegli aiuta infatti a reidratare l’organismo dopo la disidratazione della notte appena trascorsa. È stato provato che bere 2-3 bicchieri d’acqua a digiuno aiuta l’organismo ad avere più energie e una migliore digestione per l’intero arco della giornata. C’è anche qualche evidenza scientifica che dimostra che il succo di limone contribuisca a stimolare la produzione di una quantità corretta di succhi gastriciprevenendo quindi la gastrite, e la produzione di bile, fondamentale per una corretta digestione. Gli acidi presenti nel limone rallentano lo svuotamento gastrico, in modo da aumentare il tempo in cui gli alimenti vengono scissi nelle biomolecole fondamentali e di conseguenza migliorando nel complesso la digestione. Una migliore digestione rallenta di conseguenza anche l’assorbimento degli zuccheri evitando i pericolosi picchi glicemici e permettendo un rilascio costante delle giuste quantità di insulina. Una migliore digestione permette il completo assorbimento dei nutrienti assunti e di conseguenza previene l’insorgenza di problemi come flatulenza e meteorismo.

Continua qui

martedì 7 maggio 2019

Cosa sono le contaminazioni crociate tra alimenti? Un video dell’Istituto zooprofilattico delle Venezie spiega come evitarle in cucina

Uno dei rischi più sottovalutati in cucina è quello delle contaminazioni crociate tra alimenti. Per spiegarci in maniera chiara e semplice come funzionano, perché sono tanto pericolose e come fare ad evitarle, gli esperti dell’Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie hanno realizzato un nuovo video della serie “100 secondi”.
Le contaminazioni crociate sono trasferimenti accidentali di microrganismi patogeni (oppure pericolosi per alcuni gruppi sensibili) o sostanze chimiche come tossine e allergeni da un alimento all’altro, che può avvenire in modo diretto o indiretto. La contaminazione diretta si verifica per contatto fisico tra due alimenti o per gocciolamento. Il trasferimento indiretto, invece, avviene attraverso le mani, le superfici di lavoro e gli utensili da cucina.
Per evitare le cross-contaminazioni, gli esperti raccomandano di lavare sempre le mani prima e dopo aver manipolato un alimento, così come le superfici e gli utensili tra una lavorazione e l’altra, e non usare mai gli stessi attrezzi per cibi crudi e cotti. Inoltre, non si devono mai lavare le carni crude: gli schizzi d’acqua possono diffondere i microrganismi sulle superfici della cucina.
Per conservare gli alimenti senza trasferimenti di microrganismi o sostanze pericolose, si raccomanda di coprire sempre gli alimenti crudi, utilizzando contenitori che prevengono gocciolamenti, e riporli negli scomparti bassi del frigorifero, ben separati dai cibi cotti e pronti al consumo.
Continua qui (video)

giovedì 2 maggio 2019

Prevenire e ridurre la cellulite: cosa fare quando alimentazione e attività fisica non bastano.

Cellulite: a seguito di un approfondimento diagnostico, un esperto può consigliare trattamenti non invasivi, sicuri ed efficaci per contrastarla

Un successo inarrestabile in costante ascesa, che la Società Scientifica Agorà ha deciso di continuare a promuovere. Un problematica non solo estetica: la “cellulite” è una vera e propria patologia multifattoriale presente tutto l’anno.
La cellulite, si sa, “non fa sconti” a nessuno: è una problematica tipicamente femminile che colpisce 9 donne su 10, dall’adolescenza alla menopausa, indipendentemente dal peso corporeo, con tassi di incidenza importanti nella stagione post menopausa.
Prevenirla e ridurla sensibilmente si può ma bisogna partire da azioni quotidiane come curare l’alimentazione con cibi performanti, eventualmente arricchiti da integratori e vitamine, dedicare del tempo all’attività fisica ma soprattutto affidarsi alle mani esperte di un Medico Estetico che, a seguito di un approfondimento diagnostico, può consigliare trattamenti non invasivi, sicuri ed efficaci per contrastarla.

Continua qui

Liquirizia, tutte le proprietà e i benefici per la salute: attenzione però alle controindicazioni. La migliore al mondo si produce in Calabria

Avete mai sentito parlare della liquirizia salata? Nota anche come “Salmiakki”, ha un sapore molto particolare. Nel 2012 è stata eletta pia...