Il colesterolo cattivo si riduce con i probiotici


I probiotici contenuti in certi alimenti sono benefici per l'intestino e l'organismo in genere. Alcuni tipi poi possono ridurre il colesterolo cattivo
Una nuova generazione di probiotici intestinali è capace di ridurre significativamente i livelli del colesterolo LDL, quello cattivo. Un’alternativa ai farmaci statine, non da tutti tollerati
I probiotici sono quei microrganismi vivi e attivi che promuovono lo sviluppo della sana flora intestinale. Una flora intestinale attiva ed equilibrata è alla base della salute di tutto l’organismo, oltre che nella prevenzione di numerose malattie. Da non ultimo, con l’aiuto di un particolare tipo di probiotici è possibile ridurre in modo efficace e significativo i livelli del tanto temuto colesterolo LDL, quello “cattivo” – ritenuto a sua volta responsabile di diversi disturbi, anche seri, come le malattie cardiocircolatorie.

I probiotici, detti anche popolarmente “fermenti”, sono di natura contenuti in alimenti come lo yogurt e simili – ma li troviamo in commercio anche sotto forma di integratori.
Oggetto di uno nuovo studio e della sua azione nei confronti del colesterolo LDL è stato un tipo di baterio noto con il nome di Lactobacillus reuteri NCIMB 30242. L’idea degli scienziati era quella di combinare batteri e probiotici in modo da ottenere un effetto benefico sulla salute e nel trattamento di malattie croniche e dell’apparato cardiovascolare.

Continua qui

Commenti