venerdì 31 agosto 2018

Kiwi: frutto dalle mille proprieta', utilizzi e benefici

Il kiwi è un frutto dalla polpa di colore verde o gialla prodotto da alcune piante della famiglia delle Actinidiaceae, la cui varietà principale è costituita dall'Actinidia deliciosa. La sua buccia è di tonalità tendente al marrone ed all'interno del frutto sono presenti numerosi semi di colore nero. Il suo sapore può essere più o meno acidulo a seconda del livello di maturazione ed il suo gusto è rinfrescante.
Il frutto del kiwi è originario della Cina, dove veniva coltivato già 700 anni fa. La sua diffusione in Europa è avvenuta verso la fine del '900, rendendo in breve tempo l'Italia il maggior produttore mondiale di questo frutto, con particolare riferimento alle regioni del Lazio e del Piemonte.
proprietà e benefici del kiwi
Il kiwi è un frutto particolarmente ricco di vitamine. Esso presenta un quantitativo di 85 milligrammi di vitamina C ogni 100 grammi. Consumare un kiwi al giorno contribuisce a mantenere constante l'apporto giornaliero di tale vitamina per l'organismo. Il kiwi è povero di sodio, ma ricco di potassio, caratteristica che permette di riequilibrare i livelli di tali importanti minerali nella nostra alimentazione.
La composizione del kiwi vede la presenza di acqua per l'84% del frutto. Esso contiene circa il 9% di carboidrati e, per la restante parte del frutto, tracce di grassi e di proteine. Il kiwi è un frutto a basso contenuto calorico, in grado di apportare circa 44 chilocalorie ogni 100 grammi di prodotto.
Oltre alla vitamina C, il kiwi contiene vitamina E, utile per proteggere il nostro corpo dalle conseguenze dell'invecchiamento dei tessuti. Il kiwi è considerato un potentissimo alimento antiossidante. Per quanto riguarda i sali minerali, 100 grammi di kiwi forniscono 70 milligrammi di fosforo, 25 milligrammi di calcio, 0,5 milligrammi di ferro e non più di 5 grammi di sodio. I kiwi contengono inoltre fibre vegetali utili per favorire il buon funzionamento dell'intestino.

L'elevata presenza di potassio (400 milligrammi ogni 100 grammi) rende il kiwi un frutto particolarmente consigliato a coloro che soffrono di pressione alta, in quanto alla base dell'ipertensione potrebbe esservi uno squilibrio nel rapporto tra il sodio ed il potassio assunti giornalmente, che è possibile riequilibrare attraverso l'alimentazione.

venerdì 17 agosto 2018

Rosso amore: le mille virtù del pomodoro

Crudo in insalata, passato, concentrato, ridotto a succo, sulla pasta il pomodoro, in tutte le sue numerose varietà, è tanto versatile quanto prezioso per la salute, grazie alla presenza di numerose sostanze vitaminiche, antiossidanti e saline la cui azione benefica si stende anche alla prestazione sportiva


Poche calorie ma tante vitamine e minerali


Praticamente privo di grassi, 100 grammi di pomodoro forniscono solo 19 calorie, un apporto calorico decisamente limitato. A fronte di poche calorie, il pomodoro è una buone fonte di vitamine, soprattutto di vitamina A e di vitamina C (pomodoro da 100g assicura quasi la metà di tutta la vitamina che occorre nella giornata) e di minerali, tra cui spicca il potassio (un etto ne contiene ben 297 mg). Proprio grazie alla sua ricchezza di acqua e di questo ortaggio è perfetto per reidratare e remineralizzare l’organismo, contrastando così la tendenza alla disidratazione caratteristica della stagione estiva, e per reintegrare i liquidi e gli elettroliti persi con la sudorazione dopo avere un’attività sportiva.

Continua qui

domenica 12 agosto 2018

Usa, Monsanto condannata a risarcire giardiniere: “Glifosato causa tumore”. In Ue pareri discordanti. Ma in Italia è vietato

La multinazionale ha già annunciato che ricorrerà in appello, ma la sentenza pronunciata, a San Francisco, è storica. Non solo per i 289 milioni di dollari di risarcimento ricosciuti a Dewayne Johnson. Il Tribunale, infatti, ha aggiunto un tassello all’annosa questione della cancerogenicità dell'elemento contenuto nel Roundup e nel Ranger Pro, i prodotti usati per irrorare i campi. A novembre 2017 i paesi europeri riuniti in Comitato d’appello hanno votato a favore del rinnovo dell’autorizzazione dell’erbicida. Contrario il nostro Paese dove è vietato usarlo in parchi, giardini, campi sportivi e zone ricreative




La multinazionale di biotecnologie agrarie Monsanto è stata condannata a pagare un risarcimento di 289 milioni di dollari a favore del 46enne Dewayne Johnson, custode e giardiniere di istituti scolastici nella zona di San Francisco, a cui è stato diagnosticato un linfoma non-Hodgkin dopo aver utilizzato alcuni prodotti dell’azienda. La Monsanto ha già annunciato che ricorrerà in appello, ma la sentenza pronunciata, a San Francisco, dal tribunale è storica. Intanto perché Johnson, padre di due figli di 10 e 13 anni, è il primo tra migliaia di querelanti ad aver portato in tribunale e fatto condannare il gigante dell’agrochimica. E poi, nel merito, perché il Tribunale ha aggiunto un tassello all’annosa questione della cancerogenicità del glifosato.

Continua qui

venerdì 10 agosto 2018

Curcumina contro il cancro: superati problemi di solubilità in combinazione con il platino

Superati i problemi di biodisponibilità della curcumina, potente anti-cancro presente nella curcuma, grazie ad una combinazione con il platino.


La curcumina è il principio attivo principale (rappresenta il 60% delle molecole coloranti color giallo-arancio denominate curcuminoidi) che ritroviamo nel rizoma della Curcuma longa, nota spezia ampiamente utilizzata nella cucina indiana, ma oggi reperibile fresca anche in Italia. La curcuma possiede straordinarie proprietà medicinali, tra cui quella anti-cancro attestata da numerosi studi clinici, l'ultimo dei quali è quello della University of California di San Diego School of Medicine, in collaborazione con ricercatori dell'Università di Pechino e Zhejiang. 

Continua qui

lunedì 6 agosto 2018

Denti a rischio in Estate, colpa di caldo, traumi e gelati

Il clima caldo e il cambiamento delle abitudini alimentari mettono a rischio la salute dei denti in Estate. A mettere in guardia, in vista delle partenze agostane, è l'Accademia Italiana di Odontoiatria Conservativa e Restaurativa (AIC). "Il caldo e l'esposizione prolungata al sole possono facilitare la proliferazione batterica, la comparsa di infiammazioni e quindi di improvvisi mal di denti o dolori alle gengive che possono rovinare le vacanze", spiega Lorenzo Breschi, presidente di AIC. Le ferie spesso sono poi il momento giusto per dedicarsi a sport "che possono aumentare il pericolo di traumi dentali, dalla mountain bike al beach volley". E soprattutto, in vacanza, "è più probabile allentare la guardia sul consumo di cibi poco salutari per lo smalto: come snack, gelati, aperitivi e bibite zuccherate, magari trascurando poi di lavare i denti correttamente perché si è spesso fuori casa". L'igiene dentale però non ammette pause estive, perché la placca batterica si diffonde velocemente e può provocare alitosi, gengiviti, carie.

Ecco perché, anche in viaggio, è importante occuparsi della salute della bocca, seguendo semplici regole: 1 Portate un contenitore per gli strumenti dedicati all'igiene orale, evitando di utilizzarne uno unico anche per creme, trucchi e spazzole, per evitare contaminazione batterica.
    2 Ricordate lo spazzolino, di qualità anche se da viaggio.
    Quando non c'è la possibilità di usarlo, mangiare una mela o masticare gomme senza zucchero allo xilitolo per stimolare la salivazione. 3 Evitate cibi e bevande molto fredde in caso di sensibilità dentale perché possono essere fonte di irritazione.
    4 Ricordate filo e/o scovolino 5 Portate con voi un piccolo contenitore per eventuali traumi: in caso di rottura, il dente può essere riattaccato dal dentista ma il frammento deve essere mantenuto idratato con soluzione fisiologica 6 Bevete molto per mantenere l'idratazione, perché la riduzione della salivazione può favorire la permanenza di zuccheri o sostanze acide.
    7 Ridurre il consumo di soft drink perché ricchi di zuccheri e aspettare mezz'ora prima di lavare i denti per permettere alla saliva (e ad un'opportuna assunzione di acqua) di tamponare l'ambiente acido.


Continua qui

Il clima pazzo dimezza la produzione di miele: settore sempre più in crisi, siamo costretti a importarlo

Acacia e agrumi sono diminuiti del 41% a causa del meteo anomalo dei primi mesi del 2019: e i ricavi per gli apicoltori hanno subito un tag...