martedì 31 dicembre 2019

Lenticchie: tutte le proprietà nutritive e i benefici che le rendono un toccasana per la salute

Non solo simbolo di fortuna e ricchezza, le lenticchie sono anche ricche di vitamine, fibre, sali minerali e altre sostanze nutritive importanti per la salute. Ecco proprietà, benefici e alcune controindicazioni


EFFETTI BENEFICI DELLE LENTICCHIE

Non solo un simbolo di fortuna e ricchezza, come vuole la tradizione popolare, le lenticchie sono anche ricche di proprietà nutritive importanti per la salute. Le ricerche dei nutrizionisti infatti sembrano confermare le tante qualità preventive (in particolare per i tumori al colon e allo stomaco) e terapeutiche (innanzitutto la funzione antiossidante e la capacità di ridurre il colesterolo “cattivo”) di questo tipo di legumi.

LEGGI ANCHETutti gli effetti benefici per la salute dei ceci

PROPRIETÀ E BENEFICI DELLE LENTICCHIE

Ricche di proteine vegetali, le lenticchie contengono anche molti carboidrati, tante fibre, molte vitamine, soprattutto A, B1, B2, C, PP, sali minerali come calcio, potassio e ferro e pochissimi grassi. Proprio per l’alto contenuto proteico, le lenticchie vengono considerate una valida alternativa a un secondo a base di carne, pesce, uova o formaggio. Perfette inoltre anche come primo piatto, da consumare insieme alla pasta e al riso: questo abbinamento rende più facile l’assimilazione delle proteine.

BENEFICI DELLE LENTICCHIE

E non è ancora tutto: le lenticchie sono tra i legumi dotati della più efficace azione antiossidante. L’elevato contenuto di fibre permette invece di regolarizzare l’attività dell’intestino e mantenere sotto controllo il colesterolo. Inoltre, lo scarso contenuto di grassi di tipo insaturo rende le lenticchie un alimento perfetto per la prevenzione di alcune patologie cardiovascolari.

Continua qui

domenica 29 dicembre 2019

L'attività fisica? Aiuta a ridurre i rischi di 7 tipi di cancro

L'attività fisica, condotta in maniera "mirata e calibrata", può ridurre il rischio di ammalarsi di ben 7 tipi di tumore. L'analisi aggregata di nove studi prospettici su oltre 750.000 adulti mostra che le quantità raccomandate di attività fisica nel tempo libero sono collegate a un rischio inferiore di sette tumori, con alcuni tipi di cancro che hanno mostrato una relazione fra dose (di esercizio fisico) e risposta.

Leggi anche:-> Perdere peso riduce il rischio del tumore al seno

La ricerca, condotta dai ricercatori del National Cancer Institute, dell'American Cancer Society e dell'Harvard T.H. Chan School of Public Health, appare sul "Journal of Clinical Oncology". L'attività fisica è associata da tempo a un rischio inferiore di sviluppare diversi tumori, ma finora il 'dosaggiò più efficace di questa sorta di 'terapia preventivà era meno chiaro. Le linee guida affermano che si dovrebbe puntare ad almeno 2,5-5 ore a settimana di attività di intensità moderata o a 1,25-2,5 ore a settimana di attività intensa. 

Continua qui

sabato 28 dicembre 2019

Le mille proprietà del cavolfiore

Il cavolfiore non deve mai mancare sulle tavole d'inverno; è una verdura le cui proprietà fanno bene alla salute e alla dieta, grazie alle sue poche calorie...


Cavolfiore: una verdura, tante proprietà benefiche
Il cavolfiore è una verdura tipica dell'inverno che, grazie al perfetto equilibrio dei suoi componenti, esercita una benefica azione sulla salute se consumato 2-3 volte a settimana. Grazie al suo basso contenuto di calorie (25 kcal/100 g) e al suo elevato potere saziante il cavolfiore è indicato anche nelle diete dimagranti. Impariamo a conoscerlo meglio...

Tutte le proprietà del cavolfiore e dei suoi "fratelli"

I cavoli sono alimenti preziosi per i loro principi nutritivi: potassio, calcio, fosforo, ferro, acido folico, vitamina C ecc. Contengono inoltre principi attivi anticancro, antibatterici, antinfiammatori, antiossidanti, antiscorbuto. Sono depurativi, rimineralizzanti e favoriscono la rigenerazione dei tessuti. Il cavolfiore è particolarmente indicato in caso di diabete perché le sue proprietà contribuiscono a controllare i livelli di zuccheri nel sangue. Secondo alcuni studi americani il cavolfiore aiuta a prevenire il cancro al colon e l'ulcera e cura l'anemia. Broccoli e cavolfiori, secondo recenti ricerche scientifiche, sarebbero efficaci nella prevenzione del cancro alla prostata. Uno studio, condotto dal National Cancer Institute di Bethesda, nel Maryland, e pubblicato sul Journal of the National Cancer Institute, ha evidenziato che chi segue un'alimentazione ricca di cavoletti di Bruxelles, cavolfiori, broccoli e cavoli presenta il 49% di possibilità in meno di ammalarsi. Questo sarebbe dovuto alla presenza di antiossidanti (flavoni) e indoli, in grado di contrastare l'azione degenerativa dei radicali liberi.

Continua qui

venerdì 27 dicembre 2019

La "dieta pronto soccorso" per tornare in forma dopo le feste

Dieci consigli della nutrizionista per superare la "sindrome da panettone" e rimediare ai "danni" delle abbuffate natalizie

Secondo i nutrizionisti, tra Natale e Capodanno si ingrassa in media di 2-3 chili. E per smaltirli prima di tutto bisogna ritrovare un equilibrio a tavola. Abbiamo chiesto alla nutrizionista Elisabetta Bernardi, specializzata in Scienze dell’Alimentazione, di ideare per noi una "dieta pronto soccorso", con menù specifici per colazione, pranzo e cena.

Continua qui video

giovedì 26 dicembre 2019

I segni di una carenza di vitamina B12

conseguenze dovute alla carenza di vitamina B12
La vitamina B12 o l'anemia da carenza di folati possono causare un'ampia gamma di sintomi. Questi di solito si sviluppano gradualmente, ma possono peggiorare se la condizione non viene curata



conseguenze dovute alla carenza di vitamina B12

La vitamina B12, è un nutriente essenziale che il corpo richiede e necessita, per produrre i globuli rossi e promuovere un sistema nervoso sano. Non può essere prodotto dai nostri corpi, quindi possiamo trarlo da fonti esterne, come carne, pesce, pollame, uova e latticini.  Le carenze vitaminiche sono molto comuni, in particolare negli anziani, nei vegani e in coloro che hanno subito un intervento chirurgico per la perdita di peso che influenza l'assorbimento di questa vitamina e in soggetti che assumono antiacidi molto frequentemente. Avere carenza di questo importante elemento, può rivelarsi attraverso questi sintomi.
Pelle pallida o itterica
In carenza di vitamina B12, la pelle può apparire pallida o avere una sfumatura gialla (ittero). L'ittero nella pelle o nel bianco degli occhi, proviene anche da un sovraccarico di una sostanza chiamata bilirubina, prodotta da un fegato in continua iperattività, che prova a scomporre i globuli rossi.

Continua qui

Potrebbe interessarti: http://www.trevisotoday.it/benessere/salute/vitamina-b12-carenza-e-sintomi.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/TrevisoToday/209381092469939

martedì 24 dicembre 2019

La Francia ritira 36 prodotti contenenti glifosato e due insetticidi potenzialmente dannosi per le api. La decisione dell’Anses

La Francia continua la sua lotta solitaria contro il glifosato, ma anche contro gli insetticidi sui quali gravano dubbi di pericolosità. L’Agenzia nazionale per la sicurezza alimentare (ANSES) ha infatti annunciato, nello stesso giorno, due provvedimenti importanti: entro il 2020 saranno ritirati dal commercio ben 36 prodotti contenenti glifosato (dei 69 esistenti) ed è stata negata l’autorizzazione a 4 delle 11 nuove richieste inoltrate a partire dal 2018. Inoltre saranno ritirati due insetticidi con sulfloxaflor, sostanza introdotta nel paese a partire dal 2017 e tuttora legale in Europa.
Per quanto riguarda il glifosato, il comunicato fa esplicito riferimento alla decisione europea del 2017 di prolungare per ulteriori cinque anni l’autorizzazione all’impiego, nonostante i pesanti dubbi che gravano su di esso, e con la quale la Francia non è d’accordo. Per questo continuerà la revisione sistematica di tutti i prodotti con glifosato esistenti, che dovrebbe finire entro il 2020 e, via via che arrivano i risultati, procederà all’eliminazione dall’impiego su larga scala, fornendo la tempo stesso indicazioni su possibili alternative. Netta la motivazione: una vera definizione del rischio, soprattutto di possibili danni al DNA, non esiste, non è stata fornita dalle aziende, e richiederebbe molti anni prima di essere completata; nel frattempo, i prodotti in uso vanno ritirati, e le autorizzazioni per quelli nuovi negate. Un vero capovolgimento di approccio, visto che nella stragrande maggioranza dei paesi si attendono gli stessi risultati sul glifosato, ma nel frattempo lo si continua a utilizzare. Non manca, nel comunicato, una vena polemica: l’Anses, infatti, sottolinea la propria stretta aderenza alle norme comunitarie in materia di sicurezza dei fitosanitari, come a rimarcare che il resto dell’Unione, che pure ha approvato tali norme, non le rispetta.

Continua qui

domenica 22 dicembre 2019

No, le banane mature non curano il cancro. Ma la bufala continua a tornare sui social. Il mito sfatato degli esperti della Fnomceo

Ogni giorno sui social si diffondono le bufale più disparate: le più odiose sono quelle che possono mettere a rischio la salute delle persone. Una delle tesi fantasiose che ciclicamente ritornano in auge è quella delle banane mature che curano il cancro. Una storiella nata dal fraintendimento dei risultati di uno studio giapponese vecchio di 10 anni, raccontata da “Dottore, ma è vero che…?”, il portale anti-bufala della FNOMCeO, in un articolo a cura di Pensiero Scientifico Editore.
Secondo il mito, questo studio giapponese avrebbe dimostrato che le banane super mature, quelle con la buccia ricoperta di macchie nere, per intenderci, sono ricche di una proteina dagli effetti anti-cancro. In effetti, la ricerca portata come prova del potere delle banane aveva davvero cercato di capire se fossero in grado di innescare qualche risposta nel corpo umano in relazione al grado di maturazione, e aveva scoperto che quelle più mature contenevano concentrazioni maggiori di una proteina chiamata TNF-alfa (fattore di necrosi tumorale alfa).
Ma cosa c’entra il cancro? Questa proteina, che anche il nostro corpo produce normalmente durante le infiammazioni, è capace di contrastare i processi di sviluppo delle cellule tumorali. E da qui nasce il mio secondo cui “le banane più mature curano il cancro”. In realtà, i ricercatori, nelle conclusioni dello studio, affermano che le banane potrebbero contribuire a prevenire “patologie legate allo stile di vita e lo sviluppo di tumori”. Tutto qui. 

martedì 17 dicembre 2019

Cibi industriali a lunga scadenza aumentano rischio diabete

Snack, merendine, bibite e ultraprocessati


ROMA - Il cibo ultra-processato (cibo industriale a lunga scadenza come snack, caramelle, dolci confezionati, bibite, succhi di frutta etc), ricco di additivi e conservanti, aumenta il rischio di diabete: il rischio sale del 15% per ogni incremento del 10% del consumo giornaliero di alimenti ultra processati. Al contrario il consumo di alimenti non industriali o solo poco processati si associa ad una riduzione del rischio di diabete di circa il 10%.
    Lo rivela uno studio francese pubblicato sulla rivista JAMA Internal Medicine e condotto da Bernard Srour, del Centro di Ricerca di Epidemiologia e Statistica dell'Università di Parigi.
    Lo studio ha coinvolto 104.707 partecipanti dai 18 anni in su ed età media 42 anni. Il campione ha compilato dei questionari alimentari contenenti più di 3500 voci di cibi ed è stato suddiviso in gruppi a seconda del consumo di cibi ultra-processati: è emerso che il tasso annuo di diabete (i nuovi casi ogni anno) era di 113 per 100.000 persone nel gruppo a basso consumo di questi cibi spazzatura, contro un tasso di 166 per 100.000 per gli individui con maggior consumo di questi cibi nocivi, già associati in precedenti studi a maggior rischio di morte per tutte le cause.
    Il rischio di diabete aumenta del 5% per ogni aumento di 100 grammi al giorno di cibo ultra-processato, hanno stimato gli epidemiologi d'oltralpe. Inoltre, un incremento del 10% del consumo giornaliero di alimenti ultra processati aumenta del 15% il rischio di ammalarsi di diabete. 

Continua qui

sabato 14 dicembre 2019

Salute e benessere: le alghe sono il cibo del futuro ecco perché

Si stanno diffondendo anche nelle nostre tavole. Sono ricche di vitamine e minerali, molto più di altri alimenti più comuni. Ma quelle d’acqua dolce stanno rivelando sorprendenti e sconosciute proprietà. Con una buona notizia per i vegani.  In molti pensano che le alghe siano estranee alla nostra tradizione alimentare e medica. In realtà già nel primo secolo dopo Cristo, si usavano le alghe marine nella cura della gotta, malattia molto diffusa tra la nobiltà romana, oppure si consigliava l’impiego contro le eruzioni cutanee, la gastrite e i disturbi dell’intestino e del fegato.

Per quanto riguarda le alghe di acqua dolce invece basti ricordare che le civiltà precolombiane ne avevano già scoperto le proprietà ricostituenti (tra gli aztechi erano utilizzate dai guerrieri). Le alghe marine inoltre fanno parte della tradizione alimentare degli abitanti delle coste atlantiche d’Europa, mentre nel nostro paese se ne è riscoperto l’utilizzo grazie alla diffusione della cultura macrobiotica proveniente dal Giappone che ne è il maggior produttore e consumatore al mondo. Inoltre già durante la conferenza mondiale delle Nazioni Unite sull’alimentazione svoltasi nel 1974 un’alga, la Spirulina fu definita «il miglior cibo del futuro»  per le sue ottime proprietà nutritive, la cui coltura si sta estendendo dai paesi tropicali e subtropicali verso luoghi come Francia, Spagna e recentemente anche nel nostro Paese. Le alghe forniscono numerosi vantaggi, in particolare le microalghe, perché non devono essere coltivate su terreni arabili, ma nell’acqua di mare, e hanno un elevato rendimento e possono contribuire efficacemente alla produzione di alimenti perché sono ricche di grassi, proteine e carboidrati.

Continua qui

venerdì 6 dicembre 2019

Nutella, Novi, Pernigotti… Cos’è cambiato negli ultimi anni tra le creme spalmabili al cacao e nocciole

Nutella è la crema spalmabile al cacao e nocciole più famosa nel mondo occidentale. Come già visto in un articolo di confronto realizzato alcuni anni fa, ci sono altre aziende italiane che propongono creme spalmabili a base di nocciole e cacao come: Novi, Pernigotti e diversi vasetti con le marche dei supermercati come: Carrefour, Coop ed Esselunga. A distanza di tre anni abbiamo voluto verificare cos’è cambiato. Nell’elenco delle marche commerciali abbiamo aggiunto Conad e il prodotto Terre d’Italia di Carrefour venduto a un prezzo maggiore rispetto alla media.
L’elemento decisivo per valutare la qualità di questi prodotti è la quantità di nocciole perché rappresentano l’ingrediente più pregiato, insieme al burro di cacao e al cacao. Nel vasetto di Novi la percentuale di nocciole arriva al 45%, seguita da Terre d’Italia 40% e dalle due varianti Pernigotti rispettivamente 33 e 29%. Nutella, Carrefour, Esselunga e Conad si trovano in coda con il 13%, mentre in ultima posizione troviamo Coop Solidal con il 10%.


Il secondo ingrediente di rilievo è lo zucchero presente in tutti i vasetti, ma in misura diversa. Si trova al primo posto nella lista degli ingredienti di Nutella e nelle spalmabili firmate: Coop, Carrefour, Esselunga e Conad. Anche gli oli vegetali hanno un ruolo molto importante. Rispetto a tre anni fa il panorama cambiato. Se nel 2015 prevalevano le marche con olio di palma, adesso solo Nutella, Conad e Carrefour mantengono nella ricetta l’olio tropicale. Coop Solidal ha optato per il girasole e anche Esselunga abbina girasole e burro di cacao. Grazie a questo cambiamento le due creme hanno quasi dimezzato il contenuto di acidi grassi saturi, Coop Solidal è scesa dal 13,1% al 7%, mentre Esselunga dal 10% al 5,1%. La scelta migliore è quella di Novi, Terre d’Italia e Pernigotti che, avendo un elevato contenuto di nocciole, usano ridotte quantità di grassi, che sono comunque di pregio come burro di cacao e burro di latte anidro.

Continua qui

martedì 3 dicembre 2019

Povertà: più di 12 milioni di italiani non si curano perché non possono

Sono un milione 200mila in più rispetto all’anno precedente. Penalizzati soprattutto non autosufficienti, malati cronici, meridionali. Liste di attesa sempre più lunghe, per una mammografia si attendono in media 122 giorni


L’anno scorso 13 milioni di italiani hanno avuto difficoltà a pagare di tasca propria prestazioni sanitarie che non sono riusciti ad avere nel servizio pubblico soprattutto a causa di lunghe liste di attesa, quasi otto milioni hanno dovuto utilizzare tutti i propri risparmi o indebitarsi per curarsi, quasi due milioni di italiani sono entrati nell’area della povertà a causa di spese sanitarie private. Ma ci sono anche quelli che non riescono a curarsi perché non possono permetterselo: sono più di 12 milioni gli italiani che l’anno scorso hanno rinunciato o rinviato almeno una prestazione sanitaria per motivi economici, un milione 200 mila in più rispetto all’anno precedente. È quanto emerge dal 7° Rapporto di Censis e Rbm Assicurazione Salute, intitolato “La sanità italiana al tempo dell’universalismo selettivo” e presentato a Roma nel corso del «Welfare Day 2017».
Più invecchi, più spendi
«Ammonta a 35 miliardi la spesa privata degli italiani per avere prestazioni sanitarie, compreso il pagamento dei ticket, con un aumento del 4,2% tra il 2013 e il 2016 – spiega uno dei curatori della ricerca, Francesco Maietta, responsabile dell’area politiche sociali del Censis – . Per gli italiani è la nuova normalità pagare per la sanità: non solo i benestanti pagano per avere prestazioni sanitarie ma anche il 64% di persone a basso reddito, il 76% sono malati cronici». Più si ha bisogno di sanità più si spende di tasca propria. Fatta 100 la spesa sanitaria privata pro-capite degli italiani, per un malato cronico si arriva a 121, per un anziano a 146, per una persona non autosufficiente a 212. E aumentano le disuguaglianze sociali. «13 milioni di persone hanno dovuto ridistribuire i consumi per far fronte alle spese sanitarie – sottolinea Maietta –. La spesa sanitaria privata pesa di più su chi ha meno (oltre il 74% di persone a basso reddito), su chi vive in territori più disagiati (53,8% dei cittadini meridionali rispetto al 22% di quelli settentrionali), su chi ha più bisogno della sanità per curarsi (il 51% delle famiglie ha una persona non autosufficiente in casa)». 

Continua qui

domenica 1 dicembre 2019

Il primo dicembre è la giornata mondiale contro l’Aids. E quest’anno ci porta due buone notizie

La giornata mondiale di lotta all’Aids quest’anno ci consegna due buone notizie. Il 12 novembre si è svolta una consensus conference tra rappresentanti della comunità scientifica, tra le quali la Simit, Società italiana di malattie infettive e tropicali, l’Icar, l’Italian conference on Aids and antiviral research e varie associazioni tra cui la Lila, la Lega italiana per la lotta contro l’Aids, nella quale è stato definitivamente confermato, in base alle evidenza scientifiche, il principio U=U (Undetectable=Untrasmittable), che significa non rilevabile=non trasmissibile: i soggetti sieropositivi, con carica virale non rilevabile, già in terapia da alcuni mesi e che mantengono una buona compliance con l’assunzione dei farmaci, non trasmettono l’Hiv.
L’impatto di questa scoperta scientifica è rivoluzionario: dopo 36 anni dalla scoperta del virus le persone sieropositive, che si trovano nella situazione sopra descritta, possono scrollarsi di dosso il timore di costituire un rischio per altri, innanzitutto per i/le loro partner; la maggioranza degli uomini e delle donne Hiv+ in terapia non rischieranno infatti di trasmettere il virus. Questa verità costituisce anche uno strumento formidabile per combattere i pregiudizi e le discriminazioni verso i sieropositivi.
Ovviamente la liberazione dall’uso del profilattico, almeno come strumento di prevenzione dell’Hiv, è strettamente correlata al rispetto dei tempi e delle modalità corrette di assunzione dei farmaci e ai controlli periodici della viremia e delle difese immunitarie. Una vera rivoluzione, almeno per quelle generazioni che hanno vissuto la sessualità, all’epoca della loro adolescenza e giovinezza, mentre imperversava la pandemia dell’Hiv.


sabato 23 novembre 2019

Datteri, superfood ideale per chi fa sport

Grazie ai sali minerali, in particolare potassio e magnesio, combattono i crampi e aiutano il recupero muscolare


L’avvicinarsi del Natale regala un superfood dolcissimo e ricco di proprietà benefiche per l’organismo: parliamo dei datteri. Originari del Medio Oriente e del Nord Africa, questi piccoli frutti spuntano in negozi e supermercati italiani soprattutto durante questo periodo dell’anno. Ma sono molto più di uno sfizio. Ricchi di sali minerali e vitamine del gruppo B, sono una miniera di energia particolarmente adatta a chi fa sport. 

“Grazie al loro contenuto di magnesio e, soprattutto, potassio (si pensi che ne contengono una quantità doppia rispetto alle banane, che già ne sono ricche) i datteri sono molto utili per il recupero muscolare e si rivelano particolarmente indicati per runner e ciclisti e in generale per chi percorre lunghe distanze”, spiega la dottoressa Jessica Falcone, biologa nutrizionista presso l’IRCCS Ospedale San Raffaele Turro e RAF First Clinic di Milano.
Poveri di grassi e proteine, sono facilmente digeribili e reintegrano i sali minerali che vengono persi durante lo sport. “Per questo si rivelano efficaci anche contro i crampi muscolarima anche per il metabolismo energetico, grazie all’alto contenuto di vitamine del gruppo B”, aggiunge la dottoressa. “Oltre a potassio e magnesio, i datteri contengono anche ferro, e quindi sono utili per chi segue una dieta vegetariana o vegana o ha problemi di anemia”. 
Continua qui

sabato 16 novembre 2019

Metabolismo, come accelerarlo? I 6 spuntini che aiutano a dimagrire


Metabolismo, come accelerarlo? I 6 spuntini che aiutano a dimagrire
Mangiare poco ma più volte al giorno non interrompe il processo di dimagrimento ma lo asseconda: su Napoli Today i consigli alimentari del dott. Marty Fierro
Metabolismo, come accelerarlo? I 6 spuntini che aiutano a dimagrire
Alla base di ogni dieta sana ed equilibrata c’è la stimolazione del metabolismo, processo necessario per bruciare rapidamente le calorie assunte con il cibo. Bisogna, dunque, mangiare più volte al giorno, frazionando i pasti e optando per alimenti che accelerino il senso di sazietà e rallentino l’assorbimento di zuccheri e grassi. Mangiare poco ma più volte al giorno non interrompe, quindi, il processo di dimagrimento ma lo asseconda purché si stia attenti a ciò che si mangia quando si ha voglia di uno spuntino.
Quali sono i cibi giusti, adatti a una pausa salutare, saziante e che stimoli il metabolismo? Napoli Today lo ha chiesto al biologo nutrizionista Marty Fierro che ha elencato 6 spuntini spezza-fame ideali.
Frutta di stagione. Nel mese di novembre possiamo scegliere tra le mele, le melegrane, le arance, le pere, i mandarini, i kiwi, i pompelmi, i fichi d’India, l’uva e i cachi. Questi frutti, ricchi di sali minerali e vitamine, sono ottimi alleati contro la tosse e il raffreddore (malanni tipici di questa stagione), oltre a vantare importanti proprietà diuretiche e lassative.
- Yogurt. In commercio se ne trovano diverse tipologie: il magro, il greco, il parzialmente scremato, l’intero, il vegetale. Tutti contengono miliardi di fermenti lattici vivi, la cui funzione è rivitalizzare la flora intestinale. Consumare 1 yogurt al giorno è, quindi, un’ottima abitudine alimentare per il benessere non solo dell’intestino ma dell'intero organismo.
- Frutta secca. Si consiglia di consumarne 15/30 grammi al giorno. Le mandorle, le noci e le nocciole sono una importante fonte di calcio, magnesio e fosforo. Inoltre, contenendo Omega 3, sono in grado di prevenire le malattie cardiovascolari.

Continua qui


Potrebbe interessarti: https://www.today.it/benessere/alimentazione/metabolismo-veloce-spuntini.html
Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/pages/Todayit/335145169857930

domenica 10 novembre 2019

XmasYoga, speciale inverno: come combattere il freddo grazie allo yoga e altri rimedi

La nuova stagione porta con sé gioia natalizia, ma anche tanto freddo. Gli amanti degli sport non si lasciano scoraggiare, ecco come aiutare umore e circolazione con lo Yoga e altri “rimedi-coccola”


Oltre a garantire benefici su equilibrio, postura, umore e rilassamento, lo yoga è un toccasana anche per il nostro sistema cardio-circolatorio. Per questo può diventare un ottimo alleato per combattere freddo e stanchezza, sintomi tra i più comuni di questa stagione. Molti pensano si tratti di una pratica “poco aerobica” e/o “lenta e noiosa”, ma si tratta di una convinzione in parte errata: se eseguita con un certo ritmo, una comune yoga-session può diventare un intenso workout. Risultato? Aumento del respiro, del battito cardiaco e quindi più ossigeno nel sangue: riscaldamento assicurato. In ogni caso, quale che sia il vostro livello o obiettivo, consultatevi sempre con gli specialisti prima di iniziare il vostro percorso.

Continua qui

sabato 9 novembre 2019

Arriva l’ospedale gratis: 50 medici volontari per curare i più bisognosi e i senza reddito

Una bellissima iniziativa: un vero e proprio ospedale di medici volontari per curare gratis chi è in difficoltà.

Si tratta di un ambulatorio per aiutare coloro che non hanno reddito, i senzatetto, i poveri, le persone che non si riescono a fronteggiare le spese mediche; L’equipe è costituito da 50 medici che si alternano nelle visite e nelle cure dei bisognosi.
Ad attuare questa favolosa iniziativa è la città di Catania, e già ha ottenuto molto successo.
Denominato “Poliambulatorio Santa Marta, grazie alla volontà di don Mario Torracca, ha deciso di dar vita a questa iniziativa poiché lui stesso è un medico e vorrebbe a breve, prendere posto tra i suoi colleghi per aiutare chi non può permettersi di curarsi.
Un intero piano dell’ex Ospedale Santa Marta: Un ospedale molto accogliente che cerca di venire in contro ai pazienti per diverse esigenze; 14 stanze, due sale odontoiatriche; 23 tipi di medicina specialistica che vanno dalla cardiologia alla ginecologia, nefrologia, oncologia.

Un piccolo spazio per i giochi per accogliere i più piccoli e una nursery.
Continua qui

venerdì 8 novembre 2019

Pancia piatta, vita stretta: in forma con la dieta della barretta

Pratici, bilanciati, i pasti sostitutivi sono una valida alternativa al panino. Come inserirli nell'alimentazione giornaliera? Ce lo spiega l'esperta

Sabrina Commis



Pasti sostitutivi: spesso sono accusati di essere sintetici e poco bilanciati, diseducativi da un punto di vista alimentare. In realtà si tratta di un tabù da sfatare: “Se impariamo a usarli bene possiamo trarre benefici, senza rischi, dalla loro praticità”, spiega Francesca Albani, dietista clinico all’Humanitas San Pio X di Milano. Lo specialista ci guida e consiglia nella scelta, con una serie di indicazioni e consigli:
. Sono utili. Solo se è chiara la scelta del loro uso. Un alimento sostitutivo non può rimpiazzare un pasto completo né avere tutti i principi nutritivi richiesti ogni giorno dall’organismo.
. Nella scelta. Non guardare solo il numero delle calorie. Devono essere opportunamente bilanciati in macronutrienti, coprire i fabbisogni in proteine, carboidrati, fibre, grassi. Leggere con attenzione l’etichetta nutrizionale del prodotto.
. Scegliere prodotti con il minor numero di ingredienti riportati in etichetta. Controllare soprattutto la presenza di grassi vegetali idrogenati e se presenti, escluderli dalla scelta. Evitare inoltre quelli troppo ricchi in zuccheri semplici, che potrebbero portare ad un aumento dell’insulina.
Continua qui


mercoledì 6 novembre 2019

La dieta che ci fa bene, è ottima anche per il pianeta

Tra cibi sostenibili e sani non serve scegliere: ciò che fa bene al pianeta spesso fa bene anche al corpo, ribadisce uno studio su Pnas. Tornando su un argomento che non di rado ha acceso le discussioni in materia

Le scelte alimentari sono una roba complessa. Mangiare è un atto necessario alla vita, ma non si mangia di certo solo per soddisfare un bisogno. Tralasciando gli aspetti conviviali legati alle tavole, quello che si sceglie di mettere nel piatto è il risultato di fattori diversi: disponibilità economiche, gusti, filosofie alimentari. Si può mangiare in modo da attenersi a quelli che sono i principi di una sana alimentazione – seppur variabili a seconda di chi li propone, sul tema c’è abbastanza consenso scientifico: largo a cereali integrali, frutta, verdura e legumi, e ridotto consumo di carne – o ancora si possono fare scelte alimentari che mirino anche a impattare poco sull’ambiente. Ma mangiare sano e in modo sostenibile non sono scelte alternative.

Le diete sane fanno bene al pianeta

Così infatti (ri)afferma uno studio su Pnas guidato da Michael Clark della University of Oxford: i cibi più sani sono anche quelli che hanno un minor impatto sull’ambiente. Il risultato arriva da un’analisi in cui i ricercatori hanno analizzato gli effetti combinati su salute e ambiente di alcuni cibi, nell’ottica di colmare, a loro avviso, un gap nel campo. Troppo spesso infatti, scrivono, ci si riferisce agli effetti sulla salute di pattern dietetici, o ancora anche laddove si analizzino i singoli alimenti si parla o delle loro ripercussioni sulla salute o sull’ambiente. Perché farlo appare forse fin troppo ovvio, continuano: patologia associate con una cattiva alimentazione, dal diabete di tipo 2, ai tumori, alle malattie cardiovascolari fanno milioni di morti ogni anno. D’altra parte mangiare pesa sull’ambiente: senza considerare gli effetti inquinanti sugli ecosistemi, si stima che circa terzo delle emissioni globali siano dovute all’agricoltura, che si mangia da sola circa il 40% dei suoli, e due terzi delle risorse di acqua dolce servano a produrre cibo.
Continua qui

sabato 2 novembre 2019

Sport al mattino, prima di colazione è meglio: si bruciano più grassi

Secondo uno studio inglese, fare esercizio fisico a stomaco vuoto migliora la risposta dell'insulina e allontana il rischio di diabete


Sport al mattino? Meglio prima di colazione se l’obiettivo è bruciare i grassi. Basta non esagerare con lo sforzo fisico, ovviamente. Ma muoversi appena svegli, con lo stomaco vuoto, stimola il corpo ad usare proprio i lipidi come fonte energetica e migliora la risposta dell’insulina, l’ormone che tiene sotto controllo il livello di zuccheri nel sangue, abbassando così il rischio di diabete di tipo 2 e di patologie cardiovascolari.

A dirlo è uno studio condotto da ricercatori delle università di Bath e Birmingham, che per sei settimane hanno seguito trenta uomini con problemi di peso. E alla fine è emerso che chi faceva sport prima di fare colazione bruciava la quantità doppia di grassi rispetto a chi mangiava prima e solo dopo si allenava. La differenza sarebbe legata proprio ai livelli di insulina: quando si è a stomaco vuoto, a digiuno dalla sera precedente, aumenta il consumo dei grassi, che vengono utilizzati come carburante per il movimento.

Continua qui

giovedì 31 ottobre 2019

Gli abiti dei fumatori sono nocivi quasi quanto le loro sigarette, soprattutto per i bambini

La camicia indossata da un fumatore si impregna di nicotina al punto da risultare pericolosa per la salute di chi sta vicino a lui.


I fumatori non dovrebbero dimenticare che persino i vestiti impregnati del fumo di sigaretta possono trasformarsi in pericolosi contaminanti. Infatti i loro abiti - anche nel caso di chi fuma fuori casa - assorbono come spugne la nicotina e varie tossine che, secondo recenti studi, risultano pericolose per la salute.
CAMICIA. Per esempio, come spiega Manuela Martins-Green della University of California a Riverside, una camicia di cotone è un vero assorbi-fumo: e poco importa se un genitore accende la sigaretta soltanto fuori casa, perché quando torna dai figli la indossa ancora. Il consiglio? Togliersi subito la camicia, e in generale gli abiti impregnati di fumo, per poi lavarli.

SU TENDE E DIVANI. Si tratta del cosiddetto fenomeno del fumo di terza mano: la contaminazione che resta non solo sui vestiti e i capelli dei fumatori, ma anche sugli arredi delle case (come tende, divani, superfici tessili, ecc.), perfino dopo che il fumo di sigaretta si è disperso dall'ambiente. 

AMBIENTE. Il fumo di terza mano, infatti, è un insieme di composti che permane a lungo nell'ambiente. E che mischiandosi con altri inquinanti dell'aria dà origine a sostanze in alcuni casi cancerogene. Bambini e anziani sono particolarmente vulnerabili a questo residuo di nicotina: i primi perché sono spesso a contatto con tappeti e altre superfici impregnate e i secondi perché sono più vulnerabili.

Continua qui