domenica 13 marzo 2016

Cardioaspirina: influisce sui battiti durante la corsa?

Prendo la cardioaspirina, influisce sui battiti cardiaci quando mi alleno?
La domanda è interessante per diversi aspetti e per uno soltanto è invece poco chiara. Anzitutto la cardioaspirina è un farmaco che, inibendo l’enzima ciclo ossigenasi, riduce la produzione di trombossano a livello piastrinico causando quindi un’azione antiaggregante piastrinica (vale a dire rendendo il sangue “più fluido”. Senza dilungarsi sul farmaco occorre però indicarne almeno i principali effetti collaterali: la gastrolesività (inibisce anche la produzione di sostanze che proteggono la mucosa gastrica) e la maggior tendenza al sanguinamento (ulcere, varici, traumi, mestruazioni ecc) dovuta appunto alla sua azione “fluidificante”.
In ambito sportivo può venire utilizzata, specialmente prima delle attività di endurance, come ergogeno metabolico ed il più delle volte sinergicamente alla caffeina in quanto aumenta il metabolismo corporeo (mobilizzando una maggior quantità di substrati energetici utilizzabili per l’attività fisica). Dal punto di vista terapeutico è utilizzata in tutti quei casi (numerosissimi e tra i più vari) in cui è necessaria una maggior fluidità ematica (sia in modo preventivo che curativo).
Continua qui 
 

Mal di schiena e running: tutto quello che c’è da sapere

 

 

Nessun commento: