mercoledì 28 marzo 2018

Perdita dei capelli: come prevenire o affrontare il diradamento

Perdita capelli nell’uomo e nella donna

Per “perdita dei capelli” si intende quel processo degenerativo che conduce progressivamente alla scomparsa definitiva dei capelli. Vedere uomini adulti e ragazzi giovani privi di una folta chioma non significa che queste persone abbiano improvvisamente perso i propri capelli, ma ciò è la conseguenza di un processo lento e graduale, iniziato in maniera precoce oppure in età più avanzata.

La forma più comune di calvizie è l’alopecia androgenetica, che interessa oltre il 70% degli uomini e il 40% delle donne nel corso della propria vita. Alla sua manifestazione contribuiscono principalmente due cause necessarie e concomitanti: la predisposizione genetica e l’azione ormonale del DHT (metabolita del testosterone) prodotto localmente nel follicolo pilifero.
Perché è difficile individuare l’inizio della problematica? L’alopecia androgenetica da luogo ad una progressiva miniaturizzazione dei follicoli piliferi presenti su determinate zone del cuoio capelluto: di conseguenza i capelli da essi prodotti tendono a diventare sempre più sottili, corti e depigmentati. L’uomo infatti perde i capelli nella zona frontale e sul vertice ma conserva quelli sulla nuca, dove sono meno soggetti all’azione del DHT.

Continua qui

Nessun commento:

Usa, Monsanto condannata a risarcire giardiniere: “Glifosato causa tumore”. In Ue pareri discordanti. Ma in Italia è vietato

La multinazionale ha già annunciato che ricorrerà in appello, ma la sentenza pronunciata, a San Francisco, è storica. Non solo per i 289 mil...