giovedì 31 maggio 2018

Vuoi davvero smettere di fumare? Basta una “spinta gentile”. E una sigaretta elettronica

Giornata mondiale contro il fumo

Fabio Beatrice, direttore del Centro Antifumo dell’Ospedale San Giovanni Bosco di Torino, nel suo libro “Senti chi fuma” propone un nuovo approccio di riduzione del rischio, che prevede anche il passaggio attraverso alternative elettroniche. «Non serve giudicare chi fuma, bisogna ascoltare»

I fumatori in Italia sono 11,7 milioni. E nonostante le innumerevoli campagne contro le sigarette, i moniti dell’Oms e gli scaffali delle librerie pieni di manuali, i numeri non calano. Gli italiani che riescono a smettere, dopo esser passati per un centro antifumo, sono solo 7mila l’anno, pari allo 0,06 per cento. E le morti si aggirano ancora intorno alle 80mila ogni anno. «È necessario cambiare approccio», dice Fabio Beatrice, direttore del Centro Antifumo dell’Ospedale San Giovanni Bosco di Torino e fautore della “spinta gentile” per smettere di fumare. «Significa non mettersi in una posizione giudicante di chi è caduto nel tranello del fumo», spiega, «ma in una posizione più umile di ascolto, di comprensione delle esigenze personali».

Nella Giornata mondiale contro il fumo, Beatrice presenta all’Istituto superiore di sanità il suo nuovo libro, Senti chi fuma (Guerini e Associati), scritto la giornalista Johann Rossi Mason: una raccolta di storie di persone che fumano o che fumavano, che hanno amato e odiato le sigarette.

Professore, cos’è la “spinta gentile” per smettere di fumare?
È un modo diverso di proporsi al fumatore. Invece di dire “Io sono l’esperto e ti insegno”, io che sono l’esperto e ho le conoscenze, mi pongo in una posizione umile e ti ascolto. Cerco di capire i problemi che hai, quali sono le tue difficoltà, perché fumi. E nell’ambito di una politica di ascolto, tendo a introdurre concetti che spingono il paziente a una maggiore attenzione per la sua salute, ma in maniera “gentile”. Non è un “top down” coercitivo, ma un suggerimento.

Continua qui

Calo della vista? La causa può essere il fegato indebolito


Quante volte abbiamo sentito il detto “essere ciechi dalla rabbia”? E in realtà non è solo un modo di dire dato che per la medicina tradizionale cinese il fegato è l’organo che presiede alla salute degli occhi e viene indebolito dall’emozione della rabbia.

Secondo la medicina tradizionale cinese i disturbi al fegato possono essere causati non solo dalle emozioni ricorrenti di rabbia ma anche da cattive abitudini alimentari, abuso di alcol, consumo di cibi ricchi di additivi, abuso di farmaci e droghe.

Continua qui

mercoledì 30 maggio 2018

Salute: ideata la Pizza Pascalina, con ingredienti perfetti che ti "allungano la vita"

Mangiare la pizza e allungarsi la vita: è questo l'obiettivo preposto dal un team dell'Istituto Tumori di Napoli (Fondazione Pascale), che ha annunciato la realizzazione di una particolare pizza studiata proprio per essere estremamente salutare.
Si tratta della Pizza Pascalina, che verrà presentata al Napoli Pizza Village, in pogramma dal primo al 10 giugno sul lungomare della città partenopea. Il progetto mira alla diffusione di un comportamento sano e attento a tavola, che passa anche per la pizza, un alimento simbolo della cucina napoletana e italiana, amato dalla grande maggioranza della popolazione.

Farina di frumento, friarielli campani a crudo, pomodorini di Corbara o San Marzano, olive di Caiazzo, olio extra vergine d’oliva, aglio e peperoncino: questi gli ingredienti perfetti secondo lo studio coordinato dei ricercatori, per comporre la pizza che risulta protettiva nel ridurre il rischio di malattie cardiovascolari e alcuni tipi di tumori dell’apparato digestivo, incluso il tumore al colon.

La Pizza Pascalina, informano gli organizzatori del Napoli Pizza Village, grazie ai suoi ingredienti può essere consumata come pasto principale anche due volte a settimana ed è stata inserita nella Piramide Alimentare Pascaliana, che applica i principi della dieta Mediterranea ma si basa anche sulle linee guida contro i tumori della World Cancer Research Fund e sulle evidenze scientifiche più recenti su dieta e prevenzione dei tumori.


Continua qui

martedì 29 maggio 2018

Perché l’acqua e limone è così efficace

Depurarsi con facilità

Il rimedio dell’acqua e limone, esercita prima di tutto un’azione disintossicante e depurativa. È un solvente di scorie, tossine e veleni che aggrediscono giornalmente il nostro corpo. Quando al mattino ci svegliamo, e subito assumiamo questa speciale bevanda, il nostro organismo riceve un vero e proprio “lavaggio”. Ecco perché l’ho definita “la doccia interna”. La sua funzione è innanzitutto quella di completare il processo di disintossicazione che si è svolto durante la notte, in quanto depura tutti i sistemi di eliminazione e soprattutto lo stomaco, le vie urinarie, l’intestino e il fegato. Libera inoltre l’apparato digerente e mantiene l’alito fresco. L’acqua calda che scende a digiuno lungo il tratto gastrointestinale e il sistema urinario, insieme all’azione purificante del limone, agisce con un’azione drenante e solvente. Questa bevanda rimuove le tossine, i residui della digestione e il muco che spesso si depositano nell’organismo. Anche se è un esempio semplicistico, è un po’ come quando laviamo i piatti con acqua calda e sapone: i detriti si sciolgono e lo sporco viene eliminato. Il calore di questa bevanda unito ai benefìci terapeutici del limone esercita un’azione simile. La bevanda contribuisce quindi a ripulire l’organismo non solo superficialmente ma in profondità. Questo rimedio semplice ma efficacissimo è particolarmente indicato anche per tutti coloro che non riescono a mantenere con regolarità un’alimentazione sana e naturale, perché aiuta l’organismo a eliminare le eventuali scorie di uno stile di vita non sempre corretto, come spesso capita nella vita di oggi: la doccia interna neutralizza il surplus di acidi a cui siamo sottoposti.

Continua qui

venerdì 25 maggio 2018

Ciliegie: calorie, proprietà e benefici per la salute

Le ciliegie sono uno dei frutti più amati e con meno calorie. Approfittiamo dei loro benefici per la salute finché sono di stagione. Del resto, una ciliegia tira l'altra e noi lo sappiamo bene. Se avete il privilegio di raccogliere le ciliegie direttamente dall'albero, magari in campagna, ritenetevi davvero fortunati.

Proprietà e benefici

Quali sono i benefici di una bella scorpacciata di ciliegie? Le ciliegie sono un frutto ricco di vitamine. Contengono vitamina A, vitamina C e vitamine del gruppo B. Sono inoltre una fonte da non sottovalutare di sali minerali, come ferro, calcio, magnesio, potassio e zolfo.
Presentano inoltre oligoelementi importanti, con particolare riferimento a rame, zinco, manganese e cobalto. Le ciliegie contengono melatonina naturale, una sostanza che favorisce il sonno, e sono una fonte di antiossidanti, che aiutano il nostro organismo a contrastare l'invecchiamento provocato dai radicali liberi.


Gli antiossidanti principali contenuti nelle ciliegie prendono il nome di antocianine. Sono presenti soprattutto nella visciola, una varietà di ciliegia selvatica. Le ciliegie hanno importanti proprietà depurative, remineralizzanti ed energetiche. Aiutano a depurare il fegato e a regolare la sua attività.
Sono un frutto diuretico e leggermente lassativo. Il consumo di ciliegie è considerato particolarmente utile in caso di stipsi. Il loro contenuto equilibrato di sali minerali e vitamine aiuta a ricaricare l'organismo di energia e di sostanze nutritive utili. Il loro consumo è dunque particolarmente indicato in caso di stress e spossatezza.

Continua qui

giovedì 24 maggio 2018

Sclerosi multipla: in Italia una nuova diagnosi ogni tre ore

I dati del Barometro dedicato alla patologia dell'Aism. Alla sua terza edizione, segnala una vera e propria emergenza sanitaria: sono oltre 118mila gli italiani affetti dalla patologia


IN ITALIA, 118.750 persone sono affette da sclerosi multipla, una malattia cronica che può portare a disabilità progressiva. E ogni anno si registrano circa 3.400 nuove diagnosi, una ogni tre ore. Nella maggior parte dei casi si tratta di giovani tra i 20 ed i 40 anni di età (circa 60 mila), con una frequenza due volte superiore nelle donne. Sono questi alcuni degli dati del rapporto Barometro 2018, presentati a Roma dall'Associazione italiana sclerosi multipla (Aism), che per il terzo anno fornisce una fotografia dettagliata della reale situazione di questa patologia e del suo impatto sul nostro paese.

IL BAROMETRO
“Quando abbiamo iniziato la nostra mappatura, tre anni fa, ci siamo trovati di fronte a una serie di dati molto frammentari, ma il nostro approccio ci ha permesso di elaborare stime che ora vediamo pienamente confermate dai dati prodotti dalle Regioni e che ci permettono di dire che la popolazione di donne e uomini con sclerosi multipla cresce progressivamente”, ha commentato Mario Alberto Battaglia, presidente della Fondazione Italiana Sclerosi Multipla (Fism), sottolineando che il Barometro fotografa un'autentica emergenza sanitaria e sociale.


Continua qui

mercoledì 23 maggio 2018

Salsa di pomodoro cotta alleata della salute dell'intestino

Aumenta l'effetto dei batteri buoni

 

La salsa di pomodoro cotta può essere un'alleata per la salute dell'intestino. Aumenta infatti l'effetto probiotico di batteri 'buoni', come il Lactobacillus reuteri. Insomma, si tratta a tutti gli effetti di un alimento funzionale, che, oltre a un alto valore nutrizionale, può avere un effetto benefico sull'organismo. Questo effetto non dipende solo dalla quantità di componenti bioattivi dell'alimento stesso, ma dai cambiamenti che subiscono durante il processo digestivo.


    Lo evidenzia una ricerca dell'Universitat Politècnica de València, pubblicata sul Journal of Functional Foods. I ricercatori hanno valutato l'impatto di alcuni antiossidanti nei pomodori, composti fenolici e licopene, sulla vitalità del probiotico L. reuteri, e viceversa, durante tutto il processo digestivo. Lo studio ha permesso di verificare come la presenza di composti antiossidanti protegga il ceppo probiotico dalla perdita di vitalità che avviene durante il processo digestivo.

Continua qui

martedì 22 maggio 2018

Il fumo è nemico della bellezza delle donne, rende la pelle opaca e rugosa

E smettere di fumare restituisce anni al volto, già dopo 9 mesi

 

Pelle opaca, grigiastra e meno elastica, capelli più radi. La sigaretta è nemica della bellezza, soprattutto di quella femminile, e smettere di fumare può giovare alla salute, anche dal punto di visita estetico.
    Tuttavia eliminare questo vizio non sempre è possibile. Ecco perché scegliere prodotti alternativi alle tradizionali 'bionde', siano essi e-cig o prodotti a tabacco riscaldato, può contribuire a ridurre i danni causati dall'esposizione al fumo.
    Questo uno dei temi al centro del 39/mo Congresso nazionale di Medicina Estetica (Sime) che si è chiuso ieri a Roma. "E' importante che a un congresso di medicina estetica si parli anche di questo - afferma Nadia Fraone, vicedirettore della Scuola di Medicina Estetica dell'Ospedale Fatebenefratelli di Roma e consigliere Sime - perché le donne vengono a chiederci di riparare a questi danni. Ma la soluzione sarebbe nelle loro mani se imparassero a ridurre il fumo!". Studi scientifici concordano nel dimostrare che il fumo riduce i meccanismi di riparazione della pelle, riduce la sintesi del collagene e dell'elastina. "Determina poi - spiega l'esperta - una vasocostrizione che rende la pelle più opaca e più irritabile.
    E, inoltre, comporta una diminuzione delle scorte di vitamina A, necessaria ai processi riparativi della cellula del derma".
    Le conseguenze? "Il colore della pelle diventa grigiastro, aumentano le borse intorno agli occhi e le rughe intorno alla bocca". Inoltre "nelle donne questi effetti sono maggiori rispetto agli uomini". I primi danni estetici "sono visibili già dopo un decennio", precisa Fraone, "e la degenerazione delle strutture del derma è progressiva". Gli effetti "sono proporzionali al numero di sigarette fumato, mentre smettere ha conseguenze positive evidenti sin dai primi mesi".

 

 Continua qui

lunedì 21 maggio 2018

Albicocche: proprietà, valori nutrizionali, calorie


Le albicocche (frutto di Prunus armeniaca), ricche di betacarotene e licopene, sono utili per la pelle e contro colesterolo e radicali liberi. Le proprietà, i valori nutrizionali e le calorie.

>  1. Proprietà e benefici delle albicocche
>  2. Calorie e valori nutrizionali delle albicocche
>  3. Alleate di
>  4. Curiosità sulle albicocche
>  5. Una ricetta con le albicocche

Proprietà e benefici delle albicocche

Quando pensate alle albicocche, immaginatele come una potente miscela compatta di sostanze benefiche. I principi nutritivi che nobilitano queste sferette dolci e vellutate sono soprattutto betacarotene e licopene. Queste sostanze ostacolano il processo mediante cui si formano le lipoproteine a bassa densità o colesterolo LDL (il cosiddetto colesterolo “cattivo”).
Tre albicocche contengono 3 grammi di fibra, pari al 12% del fabbisogno giornaliero, in cambio di un apporto calorico minimo: 51 calorie in totale. Le albicocche sono inoltre alimenti ad alto contenuto di fibre, utili per dimagrire e tenere sotto controllo l’iperglicemia.  Hanno inoltre un forte potere antiossidante, dovuto alla vitamina A, che contribuisce ad arginare gli effetti dei radicali liberi.
Dai noccioli dele albicocce si ricava un olio molto usato per la cosmesi naturale.

Continua qui

domenica 20 maggio 2018

Banane: 10 straordinari benefici per la salute

Le banane sono tra i frutti più consumati nel mondo. Dal punto di vista nutrizionale sono una buona fonte di potassio, di magnesio e di vitamina B6. Il nostro organismo sfrutta queste sostanze per mantenersi in salute.


Non tutti sanno che le banane sono anche ricche di antiossidanti, che aiutano a proteggere il nostro organismo dall'azione dei radicali liberi. Le banane rafforzano il sistema nervoso, aiutano nella perdita di peso e contribuiscono alla produzione dei globuli bianchi grazie al loro contributo di vitamina B6, come spiega la nutrizionista Laura Flores.
Una banana di media grandezza (126 grammi circa) contiene 450 mg di potassio, 30 grammi di carboidrati, 3 grammi di fibre, 19 grammi di zuccheri e 1 grammo di proteine. Scegliamo il più possibile banane del commercio equo e solidale.

Ecco i maggiori benefici per la salute delle banane.

1) Aumentano il senso di sazietà
Una banana di medie dimensioni contiene 110 calorie e fornisce 30 grammi di carboidrati e 3 grammi di fibre. Le banane contengono fibre vegetali speciali che ci aiutano a mantenerci sazi più a lungo. Scegliendo una banana per la merenda non corriamo il rischio di orientarci verso i classici prodotti confezionati. Le banane vengono considerate uno spuntino utile per gli sportivi, da assumere 1 ora prima dell'allenamento.

2) Sono benefiche per il cuore
Le banane sono un toccasana per il cuore. Sono ricche di potassio, un minerale che contribuisce a mantenere regolare il battito cardiaco. Inoltre l'elevato contenuto di potassio delle banane e il loro ridotto apporto di sodio potrebbrto proteggere il sistema cardiovascolare dall'ipertensione, secondo gli esperti dell'FDA.

sabato 19 maggio 2018

Dalla cura coi limoni alla gioia-terapia, nasce il primo portale contro le fake news sui tumori

Oncologi Aiom, sul web 400 bufale su presunte cure alimentari

 

 (di Manuela Correra) 

Dalla cura a base di limoni a quella che utilizza il bicarbonato di sodio, dai metodi Di Bella e Hamer a quello del digiuno fino alla terapia della gioia. Sono centinaia le false cure sui tumori che circolano sul web e sui social: gli oncologi hanno contato 400 bufale solo su presunte cure alimentari e 175 su altrettanto presunte terapie alternative. Per arginare questo bombardamento di notizie false, che possono rappresentare un grave pericolo per la salute dei cittadini, l'Associazione italiana di oncologia medica (Aiom) e la sua Fondazione hanno dunque deciso di scendere in campo, con un portale contro le fake news in oncologia.

Si chiama www.tumoremaeveroche.it ed è stato presentato al ministero della Salute: l'obiettivo è fornire ai cittadini, che potranno anche porre delle domande agli esperti, informazioni chiare e certificate. Nel 2017, spiega il presidente di Fondazione Aiom Fabrizio Nicolis, "quasi 9 milioni di italiani sono stati vittime di fake news nel campo della salute. E il cancro è l'area della medicina più vulnerabile: 160, ad esempio sono le fake news circolanti sulle cause del cancro, e almeno 85 quelle relative a cosa si nasconderebbe dietro la malattia". Il fatto, sottolinea, è che "la diagnosi di tumore cambia la vita di una persona: l'attrazione per le terapie 'non convenzionali' è alimentata dal timore e chi promuove queste teorie sfrutta la ricerca di speranza da parte di malati e familiari. Internet è inoltre lo strumento principale con cui i cialtroni fanno leva sulle aspettative dei pazienti. Contro la disinformazione serve un'alleanza fra clinici, Istituzioni, cittadini e media".

Continua qui

venerdì 18 maggio 2018

La foto alla bambina e quel bagliore bianco nell’occhio: era un tumore

Una fotografa ha scattato immagini della piccola in vacanza a Tenerife, ha notato una macchia bianca segnalando ai genitori che poteva trattarsi di una malattia seria

 

Una foto le ha salvato la vita. La piccola Presley era in vacanza con la famiglia a Tenerife, nel gennaio 2017, per un periodo di riposo fuori stagione. «Quando eravamo in hotel - ha raccontato la madre Sophie Findlay, 33 anni, abbiamo chiesto alla fotografa della struttura di scattare qualche fotografia alle nostre bambine, ma quando siamo andate a ritirarle Alessia, la fotografa, ci ha preso da parte per mostrarci che un occhio di Presley era bianco. Io ho pensato a un problema con il flash, come quando vengono gli occhi rossi e le ho chiesto se si potesse fare qualcosa per cancellare la macchia, ma lei ci ha detto che l’occhio non viene mai bianco, che poteva essere qualcosa di serio, consigliandoci di farla subito controllare».

Continua qui

giovedì 17 maggio 2018

La vita è dolce con miliardi di batteri

Dall’umore alle malattie, ci governa il microbiota



Nicla Panciera
Spazza via molti dogmi della medicina. È la «rivoluzione del microbiota», l’insieme dei microrganismi - miliardi di batteri, virus e funghi - che colonizzano la pelle e gli apparati digerente, genitale-urinario e respiratorio. Il microbiota è la nostra centrale biochimica, che svolge funzioni metaboliche e immunitarie, consentendo l’assimilazione dei cibi, regolando l’immunità delle mucose e fungendo da barriera contro i patogeni. Scoperta di recente, perché costituita per la maggior parte da batteri anaerobi (non hanno bisogno di ossigeno e non crescono in coltura al di fuori dell’organismo), questa «materia oscura» «ha una vita propria, prospera con il cibo che mangiamo e produce molte sostanze, come neurotrasmettitori e antibiotici», ha spiegato Antonio Gasbarrini, direttore dell’Area gastroenterologia e oncologia del Policlinico Gemelli, in un seminario organizzato da Sanofi.

Questi microrganismi influenzano anche il sistema nervoso autonomo dell’intestino, il cosiddetto «secondo cervello», creando una rete. Tanto che un’alterazione di questa biomassa è all’origine - o la concausa - di molte patologie infiammatorie, oltre che immunitarie, metaboliche, neurologiche e neurodegenerative. «Risultati importanti provengono anche dall’oncobiotica, disciplina che studia il microbioma nella genesi e nella cura delle malattie neoplastiche», aggiunge Gasbarrini.
Secondo due studi su «Science», «i pazienti oncologici che non rispondono agli immunoterapici sono privi di alcune specie batteriche, la cui reintroduzione porta con sé la sensibilità a uno specifico farmaco». E non c’è area che sia esclusa. È il caso della psichiatria: i batteri psicobiotici, modulando l’umore, influenzano il comportamento.

Continua qui

mercoledì 16 maggio 2018

Per le malattie dei reni zero prevenzione, due facili test

Controllo urine e pressione, come Melania Trump 10% italiani

 

Zero prevenzione per le malattie renali, ma bastano pochi e semplici controlli. Quanto accaduto a Melania Trump, la first lady americana improvvisamente sottoposta a un intervento ad un rene per quella che la Casa Bianca ha definito "una patologia benigna", mette sotto i riflettori un'area della medicina troppo spesso in un cono d'ombra.
    Il 10% della popolazione italiana adulta è a rischio di malattia renale, ma di questi ben sei su dieci non lo sanno. Chi soffre di una malattia renale ha una probabilità maggiore di sviluppare un infarto e i costi di queste patologie rappresentano una cifra enorme, dall'1 ai 2 punti di Pil.
    "Tutti dovrebbero comunque fare prevenzione di primo livello, e per capire se c'è un rischio di danno renale basta un esame delle urine e un controllo delle pressione. Quest'ultima, quando e' troppo alta, mette a rischio i reni, così come il cervello ed il cuore. Purtroppo non c'è un segno preciso, un dolore riconoscibile che possa aiutare a capire che serve intervenire precocemente", spiega Roberto Palumbo, Direttore della UOC Nefrologia e Dialisi dell'Ospedale S.Eugenio di Roma.
    Ma quando iniziare i controlli? "L'analisi delle urine è uno straordinario strumento per capire molte cose e, a meno che non ci siamo malattie in corso, basta ripeterlo una volta nell'età pediatrica, uno in adolescenza e dopo i 50 anni una volta l'anno", aggiunge Palumbo. 

 

Continua qui

Celiachia, in Europa l'80% dei casi non è ancora diagnosticato


martedì 15 maggio 2018

Fragole: Proprietà e Benefici

Le fragole sono uno dei frutti più amati, soprattutto dai bambini, questo grazie al loro gusto dolce e delizioso. Ma questi frutti non sono solo buoni ma hanno anche interessanti proprietà terapeutiche. Vediamo i loro benefici sulla salute.


La pianta delle fragole, il cui nome scientifico è Fragaria vesca, appartiene alla grande famiglia delle Rosacee. Ha origini molto antiche. Il suo nome deriva da un termine latino che fa riferimento alla sua fragranza.

Una rara proprietà delle fragole è quella di avere, a differenza degli altri frutti, i semi situati sulla superficie esterna e non interna.
Contrariamente a quanto si crede, le fragole non sono dei veri e propri frutti. In realtà non sono altro che una parte (ricettacolo) ingrossata dell’infiorescenza.


Indice
Attualmente le fragole che si trovano sul mercato sono molto grandi e succose. Il loro gusto però non ha niente a che fare con quelle coltivate naturalmente nel proprio orto. Per non parlare del gusto più delicato delle più piccole, comunemente chiamate fragole di bosco. Queste ancora oggi crescono spontaneamente in vari boschi d’Italia.

Continua qui

lunedì 14 maggio 2018

Sigarette elettroniche dannose per la salute?


Le sigarette elettroniche vengono commercializzate come “uno stile di vita”, potrebbero incoraggiare le persone ad usarle per troppo tempo, avverte il vice direttore generale del servizio di sorveglianza della salute del NHS.

Durante una conferenza al comitato scientifico e tecnologico, il professor Gillian Leng, dell’Istituto nazionale per l’eccellenza della salute e della cura (Nizza), ha affermato che i rischi per la salute a lungo termine dello svapo sono ancora sconosciuti.

Continua qui

sabato 12 maggio 2018

La dieta paleo, un regime alimentare di fantasia nato da una teoria degli anni ’50. Ma la scienza racconta un’altra storia


La dieta paleo o dieta ‘evolutiva’ è una leggenda metropolitana lanciata per la prima volta dal gastroenterologo Walter Voegtlin (The Stone Age Diet, 1975), e ripresa negli anni successivi da diversi autori con studi anche di carattere scientifico. La narrazione ormai ampiamente condivisa indica che l’uomo avrebbe regolato il suo patrimonio genetico, e quindi la sua fisiologia, mangiando principalmente carne magra e verdure durante il paleolitico (periodo che va da 2.5 milioni a 10 mila anni fa). Con l’avvento dell’agricoltura e dell’allevamento, e l’introduzione massiccia di nuovi alimenti come cereali, latte e derivati, l’uomo non sarebbe riuscito bene ad adattarsi. Da qui avrebbe origine lo sviluppo delle malattie tipiche della civilizzazione, come obesità, diabete e carie (*).

In realtà non sappiamo come mangiassero i nostri antenati 1-2 milioni di anni fa nei vari continenti, nelle diverse stagioni e latitudini. Verosimilmente c’erano molte ‘diete paleo’ che variavano con le stagioni… per cui stiamo parlando di un modello alimentare che non è mai esistito (una paleofantasy).

Sin dagli anni ’50, si era diffusa l’idea tra diversi antropologi e anche a livello popolare, che lo scatto evolutivo dell’Homo erectus non sarebbe dovuto al consumo di tuberi (qualche varietà di patata), ma all’introduzione nella dieta della carne (‘Man the Hunter hypothesis’). Le carcasse di numerosi animali ritrovate in alcune caverne confermerebbero questa tesi. Purtroppo i tuberi o altri prodotti vegetali, essendo privi di ossa, non hanno lasciato traccia nell’evoluzione della nostra specie.

Continua qui

venerdì 11 maggio 2018

Sintomi, diagnosi e cura dell’artrite reumatoide

Cos’è l’artrite reumatoide?

L’artrite reumatoide è una malattia cronica sistemica autoimmune che coinvolge principalmente le articolazioni. I sintomi classici dell’artrite reumatoide includono gonfiore articolare, deformità, dolore, debolezza e rigidità delle articolazioni più piccole come quelle di mani, polsi, gomiti, ginocchia, caviglie e piedi. Questi sono i sintomi che corrispondono alle manifestazioni articolari della malattia. Quando l’artrite reumatoide colpisce altri organi del corpo, questi sintomi sono noti come manifestazioni extra-articolari.


I cambiamenti cutanei dell’artrite reumatoide sono considerati manifestazioni extra-articolari e possono essere suddivisi in due tipi: manifestazioni cutanee generali e manifestazioni cutanee specifiche .

Manifestazioni cutanee generali

I pazienti con artrite reumatoide possono sperimentare una vasta gamma di cambiamenti cutanei non specifici.

Continua qui

giovedì 10 maggio 2018

Troppo sale sulle tavole d’Italia, sono a rischio gli adulti ma anche i bambini


Che siano grandi o piccini, agli italiani piace mangiare decisamente troppo salato. Lo fa il 90% degli adulti, l’85% degli ipertesi e il 91% dei bambini tra i 6 e 18 anni. Valori che ci pongono ben lontani dai 5 grammi giornalieri raccomandati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms). A ricordarlo è il ministero della Salute, in occasione della Settimana mondiale di sensibilizzazione per la riduzione del consumo alimentare di sale. L’iniziativa, promossa dalla World Action on Salt & Health (Wash), vuole incoraggiare le multinazionali alimentari a ridurre il sale nei loro prodotti e a sensibilizzare i governi sulla necessità di un’ampia strategia per la riduzione del consumo di sale nella popolazione. In Italia, secondo i dati del ministero, il 95% degli uomini e l’85% delle donne consuma rispettivamente più di 10 e 8 grammi di sale al giorno.

Continua qui video

mercoledì 9 maggio 2018

Arachidi: le proprietà nutrizionali, i benefici per la salute e le controindicazioni

Le arachidi (o noccioline americane) sono un alimento molto proteico il cui consumo regolare è associato a un miglior peso corporeo e a una riduzione del rischio di sviluppare malattie cardiovascolari grazie alla ricchezza in fosforo, potassio, vitamina E, folati e fibre.

Le arachidi (o noccioline americane) sono un alimento molto proteico il cui consumo regolare è associato a un miglior peso corporeo e a una riduzione del rischio di sviluppare malattie cardiovascolari grazie alla ricchezza in fosforo, potassio, vitamina E, folati e fibre. Scopriamo insieme le proprietà delle arachidi!

Fonte: https://www.viversano.net/alimentazione/mangiare-sano/arachidi-proprieta/

Le arachidi (conosciute anche come noccioline americane), originarie del Sud America ma coltivate ad oggi in diverse parti del mondo, sono i frutti di una pianta erbacea, Arachis hypogaea, appartenente alla famiglia delle Fabacee; appaiono di color giallo scuro con una forma ovale irregolare e sono ricoperte da una sottile pellicina rossiccia. Raramente consumate a crudo, le arachidi sono generalmente preferite tostate (salate o meno), sotto forma di crema o burro di arachidi, reso famoso grazie alle pellicole hollywoodiane, oppure consumate nelle fritture e in diverse ricette della cucina di tutto il mondo come olio di semi di arachidi.

Anche se molti non lo direbbero, nonostante la consistenza croccante, l’elevato contenuto di grassi e la buona presenza di vitamina E, le arachidi non sono tecnicamente frutta a guscio o semi oleosi, ma appartengono alla famiglia delle leguminose (legumi) e sono quindi cugine di alimenti come fagioli, lenticchie, ceci e soia.

Continua qui
Le arachidi (conosciute anche come noccioline americane), originarie del Sud America ma coltivate ad oggi in diverse parti del mondo, sono i frutti di una pianta erbacea, Arachis hypogaea, appartenente alla famiglia delle Fabacee; appaiono di color giallo scuro con una forma ovale irregolare e sono ricoperte da una sottile pellicina rossiccia.

lunedì 7 maggio 2018

Pulci e zecche, prevenzione indispensabile per proteggere l’uomo e gli animali

La convivenza con gli «amici a quattro zampe» aumenta i rischi di contagio. Importanti i controlli dal veterinario per il bene di tutta la famiglia


Nicla Panciera
Hanno compiuto in pochi anni un salto triplo, dal cortile all’interno delle nostre case fino addirittura sul divano. Li portiamo in gita fuori porta e poi salgono sul letto. Sono gli animali domestici, oltre 60 mila tra cani e gatti, che vivono a stretto contatto con noi.

Ciononostante, secondo una ricerca Doxapharma condotta su 408 proprietari di animali domestici che fanno uso di antiparassitari, solo un proprietario su due ritiene che il veterinario abbia un ruolo fondamentale per la salute del proprio animale. E meno della metà (il 46%) crede che il veterinario sia importante per proteggere l’intera famiglia, esseri umani compresi.

Sbagliatissimo, perché i parassiti come pulci e zecche che colpiscono l’animale possono costituire una minaccia anche per la salute dell’uomo. «Con il cambiamento climatico, questi ectoparassiti sopravvivono anche d’inverno e la temperatura delle nostre abitazioni, sui 21 gradi tutto l’anno, è l’habitat ideale per le pulci e consente loro di vivere un’eterna primavera» ha spiegato Marco Melosi, presidente dell’ANMVI Associazione nazionale medici veterinari italiani, in occasione della presentazione della campagna «fatelo meno, fatelo meglio, fatelo dal veterinario» promossa da ANMVI e MSD Animal Health per sensibilizzare sulla necessità della prevenzione antiparassitaria, che andrebbe, secondo il veterinario «impostata durante tutto l’anno e non più solo nei mesi caldi".

Continua qui

sabato 5 maggio 2018

In forma senza alzarsi dal divano, il segreto per un allenamento a km zero



La loro missione è convincere le persone a fare movimento. Sempre. Ed è per questo che Luciano e Stefano Gemello, padre e figlio, hanno scritto La ginnastica da divano (Edizioni LSWR). Un manuale ricco di consigli e soprattutto esercizi per allenarsi in qualsiasi momento, anche davanti alla tv. E come dice Piero Chiambretti nella prefazione, «un modo per riposare facendo sport».

Video

Abbuffate e poi allenamenti sfrenati: il disturbo alimentare in versione maschile è in aumento

Una storia di «binge/purging» raccontata dal The Guardian. Dove ha origine il disagio


Raffaele Avico
Siamo abituati a pensare ai disturbi del comportamento alimentare come a problematiche riguardanti solo o soprattutto il genere femminile. Invece è interessante esaminare quel che recentemente ha pubblicato il quotidiano The Guardian. Un articolo sulla storia di un atleta maschio con condotte di binge/purging (ovvero sequenza di abbuffate e condotte di eliminazione per mezzo di esercizio fisico, utilizzo di purghe o vomito indotto), in cui si sottolinea come il fenomeno sia in espansione anche tra la popolazione maschile. 

Continua qui

LEGGI ANCHE ANORESSIA E BULIMIA: L’OBIETTIVO E’ IL CONTROLLO  

 

venerdì 4 maggio 2018

Ecco quali sono le 5 buone abitudini che allungano di 10 anni la vita


Il famoso ateneo americano di Harvard ha effettuato uno studio su quali siano le 5 buone abitudini per allungare la nostra vita. I ricercatori hanno analizzato i dati di oltre 78 mila donne e 44 mila uomini raccolti in un periodo di tempo rispettivamente di 34 e 27 anni. I risultato hanno mostrato che i soggetti che seguivano queste 5 abitudini avevano mediamente un’aspettativa di vita di 10 anni più lunga. Inoltre il rischio di morire per malattie cardiovascolari scende dell’82% e per tumori del 65%. Nella clip sono presentati i 5 punti per vivere meglio.

Il video

giovedì 3 maggio 2018

Albicocche: nutrienti, gustose e benefiche per l’organismo

Appartenenti alla famiglia delle Rosacee, le albicocche sono nutrienti, gustose e benefiche per l’organismo. Ecco perché

Povere di calorie, molto nutrienti e gustose, le albicocche, ricche di vitamine e minerali, sono i frutti del Prunus armeniaca, appartenente alla famiglia delle  Rosacee. Originarie  della Cina, introdotte in Occidente dagli Arabi, le albicocche sono diuretiche,  antipertensive, combattono l’anemia, sono indicate contro stanchezza cronica, convalescenza, per anziani e bimbi nell’età della crescita.Dal buon contenuto di fibre, favoriscono la digestione, esercitano un’azione lassativa, prevenendo la stitichezza, migliorano il metabolismo e donano un prolungato senso di sazietà.Antinfiammatorie, antiossidanti, combattono gli effetti nocivi dei radicali liberi, controllano la funzione muscolare, regolano il battito cardiaco e il colesterolo cattivo, oltre al livello di glucosio nel sangue, per cui possono essere consumate dai diabetici.

Le albicocche sono un’ottima fonte di vitamina D, preziosa per la vista, dato che la sua carenza può causare cecità al crepuscolo, migliorano il metabolismo e prevengono l’osteoporosi.
Continua qui

Diete e terapie, le false notizie fanno molto male alla salute

Dalle cure inesistenti ai cibi con effetti miracolosi, il fenomeno si allarga. Al Festival della scienza medica di Bologna i consigli per difendersi


Valentina Arcovio
Sonoquei titoli «urlati» sui social da siti praticamente sconosciuti. Toccano argomenti che, per svariati motivi, sono in grado di smuovere la sensibilità dell’opinione pubblica. E in un batter d’occhio vengono condivisi sul web migliaia o addirittura milioni di volte. È così che nasce una fake news. Solo apparentemente innocua, quando cavalca temi riguardanti la salute e l’alimentazione può diventare tragicamente pericolosa. Può, ad esempio, convincere un malato di cancro ad abbandonare la medicina vera e rivolger si a pratiche discutibili. O può spingere un genitore a modificare la dieta dei figli, causando gravi carenze nutritive.

Continua qui

martedì 1 maggio 2018

Lo stress arriva al massimo con il caldo dell'estate

Tutta colpa del cortisolo, l'ormone infatti ha un andamento stagionale

Nonostante le giornate più lunghe, le vacanze e i viaggi, è quando aumentano le temperature, in estate, che lo stress arriva al suo massimo. I livelli di cortisolo, l'ormone che viene rilasciato in circolo nel sangue nelle situazioni stressanti, hanno un andamento stagionale e sono più alti durante la stagione estiva. Lo hanno spiegato al convegno della Società americana di fisiologia i ricercatori dell'università polacca di Poznan. Il cortisolo compie diverse funzioni importanti, come quella di regolare i livelli di zucchero, sale e i fluidi, ridurre le infiammazioni e contribuire al benessere generale. Generalmente è più alto la mattina, per poi calare durante il giorno, e raggiungere il minimo la sera, in modo da mantenere i cicli del sonno, anche se può capitare che le malattie, la mancanza di sonno e alcuni farmaci influiscano e alterino il suo andamento più del normale. Ora i ricercatori, guidati da Dominika Kanikowska, hanno scoperto che, oltre alle fluttuazioni giornaliere, ha anche un andamento stagionale. Una conclusione a cui sono arrivati osservando per due giorni in inverno, e due giorni in estate, un gruppo di studentesse di medicina, a cui hanno prelevato dei campioni di saliva ogni due ore nell'arco delle 24 ore, per misurare i livelli di cortisolo e dei marcatori delle infiammazioni. Le volontarie, durante ogni sessione d'esame, hanno anche risposto ad un questionario sul loro stile di vita, in particolare sulle loro abitudini nel dormire, mangiare e fare attività fisica.

Continua qui 

Il clima pazzo dimezza la produzione di miele: settore sempre più in crisi, siamo costretti a importarlo

Acacia e agrumi sono diminuiti del 41% a causa del meteo anomalo dei primi mesi del 2019: e i ricavi per gli apicoltori hanno subito un tag...